Un avvertimento sulla salute di Facebook: all’interno del Guardian Weekly del 15 ottobre | Facebook Leave a comment


È sicuro dire che Facebook ha avuto settimane migliori. È iniziato lunedì scorso con un’interruzione globale di sei ore e si è concluso venerdì con uno dei suoi critici più stridenti, il giornalista filippino Maria Ressa, ricevendo un premio Nobel. E nel bel mezzo di tutto questo, i segreti interni del social network sono stati svelati al senato degli Stati Uniti da un informatore, Frances Haugen, che ha rivelato come l’idea di Mark Zuckerberg anteponga regolarmente e consapevolmente i profitti al bene pubblico.

Nella nostra grande storia di questa settimana, editor di tecnologia globale Dan Milmo guarda le conseguenze della testimonianza esplosiva di Haugen, mentre il giornalista Jonathan Freedland sostiene in modo convincente che, nascondendo consapevolmente il danno sociale causato dai propri prodotti, Facebook è diventata l’industria del tabacco del 21° secolo.

Cresce la sensazione che il mondo stia imparando a convivere con il Covid-19. Poiché questa settimana un lungo blocco a Sydney è stato allentato e le restrizioni di viaggio in tutto il mondo iniziano a essere revocate, sembra che possiamo iniziare a fare il punto su 20 mesi importanti per il mondo. Un’area sotto esame è il bilancio delle vittime globali di Covid – che, come Laura Spinney considera nella nostra storia principale Spotlight, potrebbe essere stato notevolmente sottostimato.

Allo stesso tempo, un’inchiesta schiacciante pubblicata questa settimana ha etichettato la gestione anticipata della pandemia da parte della Gran Bretagna come uno dei peggiori fallimenti della salute pubblica nella storia del Regno Unito. Senza dubbio ci saranno molte altre indagini di questo tipo nei prossimi mesi; ciò che riveleranno sulla risposta globale alla pandemia sarà affascinante.

La critica conferenza sul clima Cop26 a Glasgow si sta avvicinando e, nelle prossime settimane, ti offriremo molte funzionalità e approfondimenti dal brillante team di reportistica ambientale di Guardian e Observer. Questa settimana abbiamo gettato uno sguardo critico sull’industria della biomassa, salutata come una storia di successo nel campo dell’energia pulita, ma che sta attirando l’attenzione sempre più scettica degli scienziati.

Esaminiamo anche come la crisi climatica ha influito negativamente sui prezzi globali del caffè e se il riscaldamento globale potrebbe presto rendere commercialmente redditizio coltivare i chicchi nell’Europa meridionale.

La nostra sezione dedicata ai servizi di questa settimana va dietro le quinte del premio Booker, il prestigioso premio annuale per la scrittura di narrativa in lingua inglese che catapulta gli autori vincitori in un mondo di celebrità letterarie da un giorno all’altro.

Poi, nella sezione Cultura, incontriamo Jodie Comer, l’attrice di Liverpool che si è fatta un nome come assassina mutaforma nella serie televisiva Killing Eve, e che ora sembra destinata a prendere d’assalto Hollywood.

Ricevi il Guardian Weekly direttamente a casa tua.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *