turni di notte: lavori nei turni di notte? Ecco come evitare problemi di salute Leave a comment


Secondo un piccolo studio clinico del National Institutes of Health, mangiare solo durante il giorno potrebbe prevenire livelli di glucosio più elevati per i lavoratori del turno di notte.

Lo studio è stato pubblicato sullo ‘Science Advances Journal’.

I risultati, hanno affermato gli autori dello studio, potrebbero portare a nuovi interventi comportamentali volti a migliorare la salute dei lavoratori a turni – magazzinieri di generi alimentari, lavoratori alberghieri, camionisti, soccorritori e altri – che studi precedenti hanno mostrato potrebbero essere a rischio maggiore per diabete, malattie cardiache e obesità.

Il nuovo studio, che secondo i ricercatori è il primo a dimostrare l’effetto benefico di questo tipo di intervento sui tempi dei pasti negli esseri umani, è stato finanziato principalmente dal National Heart, Lung and Blood Institute (NHLBI), parte del NIH.

“Questo è uno studio di laboratorio rigoroso e altamente controllato che dimostra un potenziale intervento per gli effetti metabolici avversi associati al lavoro a turni, che è un noto problema di salute pubblica”, ha affermato Marishka Brown, PhD, direttore del Centro nazionale per la ricerca sui disturbi del sonno dell’NHLBI. .

“Attendiamo con impazienza ulteriori studi che confermino i risultati e inizino a districare le basi biologiche di questi risultati”, ha aggiunto Brown.

Per lo studio, i ricercatori hanno arruolato 19 giovani partecipanti sani (sette donne e 12 uomini). Dopo una routine di precondizionamento, i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a un protocollo di laboratorio controllato di 14 giorni che prevedeva condizioni di lavoro notturno simulate con uno dei due orari dei pasti. Un gruppo ha mangiato durante la notte per imitare l’orario dei pasti tipico dei lavoratori notturni e un gruppo ha mangiato durante il giorno.

I ricercatori hanno quindi valutato gli effetti di questi orari dei pasti sui loro ritmi circadiani interni. Questo è il processo interno che regolava non solo il ciclo sonno-veglia, ma anche il ciclo di 24 ore di praticamente tutti gli aspetti delle tue funzioni corporee, incluso il metabolismo.

I ricercatori hanno scoperto che mangiare di notte aumenta i livelli di glucosio – un fattore di rischio per il diabete – mentre limitare i pasti al giorno previene questo effetto. Nello specifico, i livelli medi di glucosio per coloro che hanno mangiato di notte sono aumentati del 6,4 per cento durante il lavoro notturno simulato, mentre quelli che hanno mangiato durante il giorno non hanno mostrato aumenti significativi.

“Questo è il primo studio sugli esseri umani a dimostrare l’uso dei tempi dei pasti come contromisura contro gli effetti negativi combinati della ridotta tolleranza al glucosio e dell’allineamento interrotto dei ritmi circadiani derivanti dal lavoro notturno simulato”, ha affermato il leader dello studio Frank AJL Scheer, PhD, professore di medicina presso la Harvard Medical School e direttore del Medical Chronobiology Program presso il Brigham & Women’s Hospital di Boston.

I ricercatori hanno affermato che i meccanismi alla base degli effetti osservati sono complessi. Ritenevano che gli effetti dell’alimentazione notturna sui livelli di glucosio durante il lavoro notturno simulato fossero causati dal disallineamento circadiano. Ciò corrispondeva al mistiming tra l'”orologio” circadiano centrale (situato nell’ipotalamo del cervello) e i cicli comportamentali sonno/veglia, luce/buio e digiuno/alimentazione, che possono influenzare gli “orologi” periferici in tutto il corpo. L’attuale studio ha mostrato che, in particolare, la mancata stima dell’orologio circadiano centrale con i cicli di digiuno/alimentazione ha svolto un ruolo chiave nell’aumento dei livelli di glucosio. Il lavoro ha inoltre suggerito che gli effetti benefici del consumo diurno sui livelli di glucosio durante il lavoro notturno simulato possono essere guidati dal migliore allineamento tra questi “orologi” centrali e periferici.

“Questo studio rafforza l’idea che quando si mangia è importante determinare gli esiti sulla salute come i livelli di zucchero nel sangue, che sono rilevanti per i lavoratori notturni poiché in genere mangiano di notte durante il turno”, ha affermato il co-leader dello studio Sarah L. Chellappa, MD , PhD, ricercatore nel dipartimento di medicina nucleare dell’Università di Colonia, Germania. Chellappa ha precedentemente lavorato con Scheer nel Brigham & Women’s Medical Chronobiology Program.

Per tradurre questi risultati in interventi pratici ed efficaci sui tempi dei pasti, i ricercatori hanno affermato che sono necessari ulteriori studi, anche con i turnisti della vita reale nel loro tipico ambiente di lavoro.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.