Simposio per esaminare i modi per salvare le registrazioni su dispositivi elettronici obsoleti oltre il 2025 Leave a comment


Il tempo stringe per preservare i preziosi manufatti registrati su una tecnologia obsoleta, con la scadenza finale che si avvicina rapidamente.

Mancano pochi anni alla “scadenza” per preservare i contenuti registrati su formati obsoleti ma gli esperti sperano di trovare presto una soluzione.

Secondo l’UNESCO, diventerà problematico, se non impossibile, riprodurre e conservare contenuti come nastri audio e video dopo il 2025.

L’Australian Institute of Aboriginal and Torres Strait Islander Studies afferma che le comunità e le istituzioni culturali di tutto il mondo hanno collezioni inestimabili di storie audiovisive che sono a rischio di perdita permanente.

“Con l’avvicinarsi della Scadenza 2025, le crescenti sfide per la conservazione di queste raccolte includono come individuare dispositivi di riproduzione e pezzi di ricambio adeguati e come garantire la formazione e il mantenimento del personale tecnico con competenze pertinenti”, ha affermato AIATSIS.

Questa settimana esperti in gestione delle collezioni e tecniche di digitalizzazione si incontreranno online per identificare le prospettive per evitare gli scenari peggiori previsti.

Il simposio Common Problems Shared Solutions è in collaborazione con il National Film and Sound Archive of Australia.

I partecipanti discuteranno le possibili opportunità per supportare la conservazione continua dei supporti magnetici a rischio in Australia oltre il 2025.

Originariamente pubblicato come Modi per salvare le registrazioni su elettronica obsoleta oltre il 2025 da esaminare al simposio



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.