Secondo uno studio di lunga data di Harvard, salute e felicità vanno di pari passo: 10 modi per lavorare sulla gioia di vivere Leave a comment


La felicità è un viaggio, non la destinazione

La felicità è un lavoro in corso.&nbsp | &nbspCredito fotografico:&nbspiStock Images

Principali punti salienti

  • Le persone della vecchia generazione spesso ci consigliano di mantenere un atteggiamento felice, specialmente mentre mangiamo cibo o incontriamo gli altri.
  • Non è solo l’antica saggezza a dire che “Salute e felicità vanno di pari passo”. Gli studi scientifici stabiliscono anche che le persone felici sono generalmente più sane.
  • Allora come puoi essere più gioioso? Ecco una guida di Harvard per diventare più felici e quindi più sani.

È meraviglioso sapere e sentirsi dire che le persone più felici non solo rallegrano qualsiasi luogo o evento che visitano o di cui fanno parte, ma sembrano anche fare bene a se stesse in termini di salute e longevità. Ma cosa succede se non sei una persona naturalmente allegra?

La vita è così piena di incertezze. Come se gli sconvolgimenti economici, le guerre civili, il terrorismo, i cambiamenti climatici ecc. non avessero causato abbastanza scompiglio in tutto il mondo, all’improvviso è arrivato il virus COVID-19 Wuhan dalla Cina e presto ha occupato il mondo. Come ci si rende allora felici, soprattutto in tempi così tristi?

Matthew Solan, direttore esecutivo, Orologio per la salute degli uomini di Harvard scrive su come salute e felicità vadano di pari passo e su come la maggior parte delle persone possa aumentare la propria felicità.

Solan cita una ricerca che suggerisce:

  1. In media, il livello generale di felicità del 50% di ogni persona è determinato dalla genetica.
  2. Ma circa il 40% è sotto il proprio controllo e
  3. Il restante 10% dipende dalle circostanze.

“Ciò implica che anche se non ti consideri felice, ci sono buone possibilità che tu abbia il potere di cambiarlo”, afferma il dottor Robert Waldinger, direttore dello studio più longevo sulla felicità, l’Harvard Study on Adult Development.

Quindi, come si fa a coltivare un’abitudine per essere felici?
Abbastanza spesso qualcuno o l’altro ti saluta con un “Ciao, ecco! Come sei stato?” E non importa quanto tu abbia combattuto contro le difficoltà in ufficio o nelle relazioni, non rovesci i fagioli a nessuno ea tutti.

Riservi lo sfogo agli amici intimi o alla famiglia, ma indossi una faccia felice di fronte al resto del mondo, giusto? Indossi un sorriso quando saluti gli altri.

Ora, i ricercatori che hanno riportato nel bollettino psicologico di giugno 2019 hanno analizzato i dati di 138 studi che hanno testato più di 11.000 persone in tutto il mondo su come le espressioni facciali influenzano le emozioni.

Hanno scoperto che:

  1. Sorridere fa sentire le persone più felici, proprio come
  2. Lo sguardo accigliato li fa sentire più arrabbiati, e
  3. Aggrottare li fa sentire più tristi.

L’impatto è stato piccolo ma intenso. È stabilito che sorridere può avere un ampio appeal.

Indossa il tuo sorriso migliore, la felicità è un viaggio, non una destinazione!
D’accordo, i tempi di prova possono essere duri anche per coloro che hanno un carattere solare. Può essere una sfida anche per la persona più spensierata rimanere costantemente ottimista. Ma ricorda, la felicità, come ogni aspetto del benessere, non è mai un atto fatto una volta e ancora… è un viaggio, un work in progress.

Matthew Solan, redattore esecutivo, Orologio per la salute degli uomini di Harvard traccia i modi per migliorare la tua prospettiva e dare una spinta alla tua salute mentale e fisica. Che sia una giornata buia e uggiosa o una luminosa e soleggiata, ecco alcune strategie da provare.

  1. Mantenere i legami: È importante coltivare le relazioni, rimanere in contatto. Lo studio di Harvard condotto dal dottor Waldinger ha trovato un forte legame tra la felicità e le relazioni strette con la famiglia e gli amici. “La connessione personale crea una stimolazione emotiva, che stimola automaticamente l’umore, mentre l’isolamento è un effetto negativo”, afferma il dott. Waldinger.
  2. Diventa una forza positiva nella società: Alza la mano e allunga il collo per assumere più di quello che ci si aspetta da te. Il volontariato fornisce un senso di scopo e migliora il tuo umore. Uno studio BMJ Open del 2016 ha rilevato che l’effetto era particolarmente forte negli adulti di età superiore ai 70 anni. La ridondanza può ridurre la tua autostima, essere un contributore in qualche modo può anche farti sentire arricchito. La gentilezza genera gioia. “Può richiedere una notevole pianificazione in anticipo”, afferma Tyler J VanderWeele, direttore dello Human Flourishing Program presso la TH Chan School of Public Health di Harvard. “Ma la pianificazione stessa e l’intenzione deliberata di fare del bene agli altri possono anche avere effetti importanti sul proprio benessere”.
  3. Coltiva il bambino che è in te: Ti piaceva stare seduto sulle altalene da bambino? Trova un’altalena robusta per te stesso. Ti piaceva dribblare la palla o saltare la corda quando eri un ragazzino? Se la tua salute e il tuo dottore dicono che puoi ancora farlo, concediti questo atto gioioso e onesto anche adesso. Da adulto, rivisita le attività che ti hanno dato gioia da bambino o da giovane adulto. Raccogli quegli hobby, giochi, sport o altri interessi della tua giovinezza.
  4. Delega il lavoro e trova il tempo per divertirti: Non importa quanto tu possa essere importante per un’organizzazione, per la tua famiglia, hai comunque bisogno di un po’ di tempo libero, un po’ di tempo per me. Quindi, impara ad addestrare la prossima linea a prendere il comando. Uno studio del 2017 negli Atti della National Academy of Sciences ha suggerito che le persone che spendono soldi per acquisti che fanno risparmiare tempo, come pagare per delegare le faccende domestiche, piuttosto che per i beni materiali hanno una maggiore soddisfazione nella vita.
  5. Crea ricordi, raccogli esperienze: Non mettere da parte piccoli viaggi e progetti mentre aspetti l’avventura del grande biglietto. Cogli ogni momento. Fai piccoli atti che ti danno piccole gioie, la somma totale ti lascerà più felice e con molta felicità permanente.
  6. Amate la compagnia di persone felici: La felicità può essere contagiosa. Uno studio ha scoperto che la felicità può diffondersi attraverso i social network. La tua sensazione ottimista può innescare una reazione a catena. Il detto dice, ridi e il mondo ride con te; piangi e piangi da solo.
  7. Goditi le meravigliose passeggiate nella natura: Uno studio pubblicato online il 30 maggio 2021 da EPJ Data Science ha esaminato gli spazi verdi urbani e il loro effetto sui cittadini in 90 città in tutto il mondo. Ha scoperto che la felicità delle persone era correlata alla quantità di spazio verde urbano della loro area, come parchi, giardini e sponde dei fiumi, indipendentemente dallo stato economico del paese. Spendi solo 15 minuti al giorno per uscire e trovare il tuo “stupore”. Trova meraviglia e ispirazione attraverso una semplice passeggiata.
  8. Rompi la monotonia, aggiungi varietà alla routine quotidiana: Le persone si sentono più felici quando hanno più varietà nelle loro routine quotidiane, secondo uno studio pubblicato online il 18 maggio 2020 da Nature Neuroscience. Aggiungi pepe alla tua routine creando interiezioni felici, variazioni. Aggiungi un fattore di rapidità alla precisione militare.
  9. Contare le tue benedizioni: Tieni un diario della gratitudine. Nessun elemento dell’elenco deve essere ripetuto. Tendiamo a dare tante cose per scontate… come un tetto sopra la testa e/o una famiglia solidale. Guardati intorno nel mondo. Ti renderai conto di quanto sei stato privilegiato. Ringrazia l’universo per un pasto caldo, il bel tempo.
  10. Non sovraccaricare la tua lista di cose da fare: Mantieni i desideri e le aspettative semplici e pochi. Bandire il rimpianto e l’agitazione. Impara ad andare avanti.

Dichiarazione di non responsabilità: suggerimenti e suggerimenti menzionati nell’articolo sono solo a scopo informativo generale e non devono essere interpretati come consulenza medica professionale. Consulta sempre il tuo medico o un operatore sanitario professionista se hai domande specifiche su qualsiasi questione medica.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.