Se hai dolore al ginocchio, la telemedicina può aiutarti Leave a comment


97782011-52da-4162-af9d-d0792a8daf87

Quasi tutti sperimentano dolore al ginocchio ad un certo punto della loro vita. Il più delle volte, segue un infortunio o un esercizio faticoso e si risolve in pochi giorni, ma il dolore al ginocchio può durare mesi o addirittura anni, a seconda della causa. Lo suggerisce un nuovo studio programmi di telemedicina progettati per le persone con artrosi del ginocchio può aiutare ad alleviare il dolore, migliorare la capacità di funzionare e forse anche portare alla perdita di peso.

Che cos’è l’artrosi del ginocchio?

Osteoartrite (OA) — la degenerazione legata all’età, “usura e lacerazione” dell’articolazione del ginocchio — è la prima causa di dolore cronico al ginocchio, che colpisce quasi un quarto delle persone di età pari o superiore a 40 anni. È responsabile della maggior parte delle 600.000 protesi di ginocchio negli Stati Uniti ogni anno e più di 27 miliardi di dollari di spesa sanitaria annuale.

Come viene trattato?

Nessun trattamento per l’OA del ginocchio è l’ideale o funziona in ogni caso. Gli approcci standard al trattamento includono la gestione del dolore, l’esercizio e la perdita di peso in eccesso.

Per il dolore, le persone con OA del ginocchio possono prendere in considerazione

  • farmaci antinfiammatori che vengono strofinati sulla pelle, come il gel di diclofenac
  • medicinali antinfiammatori, come l’ibuprofene
  • antidolorifici, come il paracetamolo
  • iniezioni di corticosteroidi.

oppiacei, chirurgia artroscopica, e altri trattamenti iniettabili non sono raccomandati di routine a causa dei rischi, della mancanza di comprovati benefici o di entrambi. La chirurgia sostitutiva del ginocchio ha un alto tasso di successo per l’OA del ginocchio, ma è generalmente considerata l’ultima risorsa perché è un intervento chirurgico importante che richiede tempi di recupero significativi.

Le visite virtuali possono aiutare

Prima della pandemia di COVID-19, molte persone con OA del ginocchio vedevano regolarmente i loro operatori sanitari

  • monitorare il loro dolore e la capacità di funzionare
  • considerare i cambiamenti nel trattamento
  • controllare gli effetti collaterali del trattamento
  • determinare se altri problemi stanno contribuendo ai sintomi.

Si scopre che gran parte di questo può essere fatto virtualmente. La pandemia ne ha fatto una necessità. E un nuovo studio suggerisce che funziona.

Cosa ha scoperto lo studio sull’artrosi del ginocchio?

Lo studio ha dimostrato che le visite di telemedicina sono un buon modo per fornire assistenza alle persone con OA del ginocchio. I ricercatori hanno arruolato quasi 400 partecipanti che avevano OA del ginocchio ed erano in sovrappeso o obesi. Sono stati divisi in tre gruppi:

  • Il gruppo 1 ha avuto accesso a un sito Web che forniva informazioni sull’OA, inclusi farmaci antidolorifici, esercizio fisico, perdita di peso e gestione del dolore.
  • Il gruppo 2 ha ricevuto le stesse informazioni del gruppo 1 e si è anche impegnato in sei sessioni di esercizi con un fisioterapista in videoconferenza. Queste sessioni sono durate da 20 a 45 minuti e includevano consigli sull’autogestione, consulenza comportamentale e istruzione sulla scelta delle attrezzature per esercizi.
  • Il gruppo 3 ha seguito lo stesso formato del gruppo 2 e ha avuto anche sei consultazioni in videoconferenza con un dietista su perdita di peso, alimentazione e risorse comportamentali. Anche queste sessioni sono durate dai 20 ai 45 minuti.

Dopo sei mesi, i partecipanti ai gruppi 2 e 3 hanno riportato sollievo dal dolore rispetto al gruppo 1. Su una scala del dolore da 1 a 10:

  • il gruppo 3 è migliorato più del gruppo 1 di 1,5 punti
  • il gruppo 2 è migliorato più del gruppo 1 di circa 1 punto.

Le persone nei gruppi 2 e 3 avevano anche punteggi migliori per la funzione rispetto al gruppo 1. Tutti questi miglioramenti sono stati considerati significativi e mantenuti per almeno 12 mesi.

Inoltre, quelli assegnati al gruppo 3 hanno perso circa 20 libbre nel corso dello studio, mentre i pesi degli altri gruppi sono rimasti quasi invariati. Questa è una scoperta importante, perché l’eccesso di peso può peggiorare l’artrosi del ginocchio. Perdere peso in eccesso può migliorare i sintomi e aiutare a prevenire il peggioramento dell’artrite.

Dal momento che non c’era confronto con l’assistenza di persona, è impossibile dire se queste visite virtuali fossero migliori, peggiori o simili a una visita in ufficio. Inoltre, questo studio non ha riportato i costi di queste sessioni virtuali, l’impatto a lungo termine delle visite virtuali o se visite virtuali ripetute potrebbero mantenere i miglioramenti segnalati dalle persone.

La linea di fondo

La pandemia offre ai ricercatori l’opportunità di studiare seriamente il potenziale valore e i limiti dell’assistenza virtuale su larga scala. Se queste visite sono buone o migliori delle visite di persona per determinate condizioni e i costi non sono maggiori, è un grosso problema. Una visita virtuale può eliminare il tempo speso in viaggio e in sala d’attesa, ed eventuali costi di parcheggio che possono rendere una breve visita medica un’impresa costosa che richiede mezza giornata. L’assistenza virtuale ha anche il potenziale per raggiungere i pazienti che altrimenti non possono raggiungere l’ambulatorio del proprio medico.

Ovviamente, la telemedicina non è ugualmente disponibile per tutti a causa di barriere linguistiche, capacità tecniche, piani assicurativi sanitari o semplicemente non avendo accesso a smartphone, computer o piani dati. Alcuni stati stanno affittando scadono le misure di emergenza a sostegno dei servizi di telemedicina. E alcuni assicuratori potrebbero ricorrere a regole pre-pandemia sulla copertura o sulla licenza del medico che creano incertezza sul futuro della telemedicina.

Questo studio e altri suggeriscono che potrebbe essere un errore frenare la telemedicina proprio quando sta prendendo piede. Altri studi come quello qui descritto potrebbero far valere ad assicuratori, agenzie di regolamentazione, operatori sanitari e pazienti che il futuro dell’assistenza medica dovrebbe fare affidamento Di più, non meno, l’assistenza sanitaria virtuale e incoraggiare approcci che superino gli ostacoli al suo utilizzo.

Come servizio per i nostri lettori, Harvard Health Publishing fornisce l’accesso alla nostra libreria di contenuti archiviati. Si prega di notare la data dell’ultima revisione o aggiornamento su tutti gli articoli. Nessun contenuto di questo sito, indipendentemente dalla data, deve mai essere utilizzato come sostituto del consiglio medico diretto del proprio medico o altro medico qualificato.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.