Risolvere i tempi della prossima recessione negli Stati Uniti Leave a comment


(16 dicembre): Il compianto economista Rudiger Dornbusch una volta disse che la maggior parte delle espansioni statunitensi sono “assassinate dalla Federal Reserve”.

Questo non è stato il caso della crisi causata dalla pandemia del 2020, ma alcuni stanno iniziando a chiedersi se il perno anti-inflazione della banca centrale aprirà la strada alla contrazione dell’economia a un certo punto.

Per i lettori che hanno bisogno di un aggiornamento, mercoledì il presidente della Fed Jerome Powell e i colleghi:

  • Ha aperto la porta alla fine del massiccio programma di acquisto di asset della banca centrale entro marzo anziché giugno
  • Previsto aumento dei tassi di interesse tre volte nel 2022 con ulteriori aumenti da seguire nel 2023 e nel 2024
  • Ha sollevato la possibilità che la Fed inizi a ridurre il suo enorme bilancio.

Powell ha affermato che l’aumento dei prezzi è ora “una delle due grandi minacce” per ripristinare la massima occupazione, insieme alla pandemia.

si riferisce a Giocare sui tempi della prossima recessione negli Stati Uniti

Gli economisti della Bank of America si sono affrettati a prevedere che il primo aumento arriverà a marzo.

La speranza è che la Fed possa fornire un raro atterraggio morbido, frenando l’accelerazione dei prezzi con aumenti graduali dei tassi che non danneggiano materialmente. Le azioni in rialzo sembravano sostenere questa visione.

Altri sono più preoccupati:

La Fed era rimasta indietro rispetto alla curva in termini di retorica e azioni per contenere la minaccia dell’inflazione”, ha affermato Mark Vitner di Wells Fargo. “In passato, si è rivelato molto difficile rallentare l’inflazione quando l’economia è al pieno impiego e il PIL reale sta crescendo più velocemente del suo potenziale. Ecco dove saremo nel 2022”.

Alla Deutsche Bank, lo stratega Jim Reid stima che il tempo mediano e medio per una recessione sia rispettivamente di 37 e 42 mesi dopo il primo aumento.

Se la Fed aumentasse a giugno, ciò indicherebbe un crollo a partire da luglio 2025 o dicembre 2025. Il primo divario su 13 cicli studiati è di soli undici mesi, il che significherebbe che gli Stati Uniti inizierebbero a precipitare a maggio 2023.

Prendendo come guida la curva dei rendimenti obbligazionari e utilizzando i suoi spostamenti storici, un aumento del giugno 2022 potrebbe significare che i rendimenti a due anni scendano al di sotto di quelli a 10 anni entro giugno 2023, secondo Reid. Le recessioni tendono a verificarsi circa 18 mesi dopo che si verifica in genere, indicando una recessione alla fine del 2024.

Prima della pandemia, la prima recessione che si verificava dopo un’inversione era di nove mesi, il che significherebbe marzo 2023.

“In questa fase, la storia suggerisce che una recessione negli Stati Uniti nel 2024 o nel 2025 è un’ipotesi realistica”. Reid ha detto ai clienti in un rapporto. “Potrebbe arrivare prima, ma ciò presupporrebbe la fine precedente del modello storico”.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.