Riot Games pagherà $ 100 milioni per risolvere la causa contro la discriminazione di genere | Giochi Leave a comment


Un importante produttore di videogiochi, Riot Games, ha accettato di pagare $ 100 milioni (£ 74 milioni) per risolvere una causa contro la discriminazione di genere con California agenzie statali e più di 2.000 dipendenti donne ed ex dipendenti.

In base all’accordo, la società, che produce giochi tra cui League of Legends, pagherà $ 80 milioni ai membri della class action 2018 e circa $ 20 milioni per le spese legali.

L’accordo è in attesa dell’approvazione finale, prevista in un’udienza presso un tribunale di Los Angeles nei prossimi mesi.

L’agenzia statale per i diritti civili della California, il Department of Fair Employment and Housing (DFEH), ha salutato un “accordo storico” che avrebbe inviato un segnale potente all’industria del gioco e ad altri.

Kevin Kish, il direttore del DFEH, ha dichiarato: “Se approvato dal tribunale, questo decreto risarcirà i dipendenti e gli appaltatori colpiti da discriminazioni e molestie sessuali, assicurerà un cambiamento duraturo in questo luogo di lavoro e invierà il messaggio che tutte le industrie in California, tra cui l’industria dei giochi, deve fornire parità di retribuzione e luoghi di lavoro liberi da discriminazioni e molestie”.

La causa, seguita da due inchieste da parte delle agenzie statali della California, è stato presentato da dipendenti di sesso femminile più di tre anni fa. Ha denunciato discriminazione di genere, disparità di retribuzione, molestie e ritorsioni.

“Sono così felice che abbiamo compiuto questo primo passo verso la giustizia per le donne di Riot Giochi“, ha detto Jes Negron, un querelante.

“Spero che questo caso serva da esempio per altri studi e fonte di ispirazione per le donne del settore in generale. Le donne nel gioco non devono subire iniquità e molestie in silenzio: il cambiamento è possibile”.

Genie Harrison, un avvocato specializzato in occupazione e molestie sessuali che rappresenta i querelanti, ha dichiarato: “Questo è un grande giorno per le donne di Riot Games – e per le donne di tutte le società di videogiochi e tecnologie – che meritano un posto di lavoro libero da molestie e discriminazioni. .”

Nell’ambito dell’accordo, l’azienda ha accettato la riforma del posto di lavoro, compreso il monitoraggio da parte di un terzo per tre anni, la trasparenza retributiva e “limitazione della soggettività e dei pregiudizi impliciti nei processi di assunzione e selezione”.

Riot Games ha accettato di risolvere la causa nel 2019 per $ 10 milioni, ma l’accordo è stato bloccato dal DFEH, che ha sostenuto in un deposito del tribunale che le vittime avrebbero dovuto avere diritto fino a $ 400 milioni.

In una dichiarazione di lunedì, Riot Games, di proprietà della società Internet cinese Tencent, ha dichiarato: “Nel tentativo di promuovere la trasparenza e la responsabilità continue, Riot si è anche impegnata a far monitorare i propri processi interni di reporting e di equità salariale da una terza parte. approvato congiuntamente da Riot e dal Dipartimento per l’occupazione e l’alloggio equo della California per tre anni.

In un’e-mail ai dipendenti visti dal Washington Post, cinque dirigenti della società hanno risposto all’accordo.

“Vogliamo riconoscere che il tempismo di questo annuncio non è l’ideale”, secondo quanto riferito. “I dettagli finali dell’accordo si sono riuniti rapidamente e volevamo che tu ne sentissi parlare direttamente da noi piuttosto che leggerlo nelle notizie durante la pausa”.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.