Rendere più sicuro il denaro elettronico nell’ERA DIGITALE Leave a comment


Immagina di andare a pagare il tuo caffè mattutino e la tua carta di valore memorizzato restituisce un messaggio di errore, o il portafoglio nell’app per i pagamenti sul tuo telefono non si apre perché la società che fornisce il servizio di pagamento è fallita. Peggio ancora, cosa accadrebbe se vivessi in una zona rurale e il servizio di moneta elettronica fornito tramite il tuo telefono cellulare fosse l’unico accesso che hai al finanziario sistema? O il tuo governo ora fa affidamento sul sistema di moneta elettronica per trasferire benefici o riscuotere tasse su larga scala?

Digitale forme di denaro, comprese le valute digitali della banca centrale, le stable coin emesse da privati ​​e la moneta elettronica, continuano a evolversi e a trovare nuovi modi per diventare più integranti nella vita quotidiana delle persone. In sostanza, la moneta elettronica è una rappresentazione digitale della valuta fiat garantita dal suo emittente.

I clienti scambiano denaro normale in moneta elettronica, che possono utilizzare per effettuare pagamenti tramite un’app sul proprio cellulare a privati ​​e aziende con facilità ed effetto immediato. Rispetto ad altre forme di moneta digitale sviluppate di recente, come le stablecoin, la moneta elettronica esiste da tempo e la sua base di clienti continua ad aumentare rapidamente. A differenza della maggior parte delle stablecoin emesse da privati, la moneta elettronica opera in un quadro regolamentato.

Per i regolatori e le autorità di vigilanza incaricati di proteggere i consumatori e di garantire condizioni di parità per tutti gli intermediari finanziari, tenere il passo con i nuovi sviluppi può essere difficile. Le autorità di regolamentazione e di vigilanza devono considerare come proteggere al meglio i clienti dal fallimento degli emittenti di moneta elettronica (potenzialmente sistemici), compresa la prevenzione della perdita dei loro fondi.

Un nuovo documento dello staff dell’FMI considera questi e altri scenari che potrebbero mettere a rischio i consumatori e, potenzialmente, interi sistemi di moneta elettronica. Esaminiamo l’evoluzione delle pratiche normative paese per paese e proponiamo una serie di raccomandazioni politiche sulla regolamentazione degli emittenti di moneta elettronica e sulla salvaguardia dei fondi dei loro clienti.

La moneta elettronica offre soluzioni di pagamento per gli unbanked

Possiamo pensare alla moneta elettronica come a un negozio elettronico di valore monetario su una carta prepagata o un dispositivo elettronico, spesso un telefono cellulare che può essere ampiamente utilizzato per effettuare pagamenti. Il valore memorizzato rappresenta anche una forzatura reclamo nei confronti dell’emittente moneta elettronica, mediante la quale i suoi clienti possono richiedere in ogni momento il rimborso dei fondi utilizzati per l’acquisto di moneta elettronica.

La moneta elettronica è già una parte vitale della vita quotidiana di miliardi di persone, soprattutto in molti paesi in via di sviluppo, dove molti non hanno accesso al sistema bancario. Come mostrato nel grafico sottostante, un’alta percentuale della popolazione in un certo numero di paesi dell’Africa orientale utilizza ora la moneta elettronica, il che la rende importante da una prospettiva macrofinanziaria. Si stima, ad esempio, che i due terzi della popolazione adulta combinata di Kenya (dove M-PESA ha raggiunto un alto grado di penetrazione del mercato), Ruanda, Tanzania e Uganda utilizzino regolarmente il denaro.

Molte di queste persone non hanno conti bancari o altro accesso al sistema finanziario formale, quindi conservano quote significative dei loro fondi disponibili in portafogli di denaro e vi accedono utilizzando telefoni cellulari o computer.

Protezione dei sistemi finanziari e dei consumatori allo stesso modo

Con la crescente importanza degli emittenti di moneta elettronica, è fondamentale un quadro completo e solido per la regolamentazione e la salvaguardia dei fondi dei clienti. Gli emittenti dovrebbero essere soggetti a requisiti regolamentari prudenziali proporzionati.

Ad esempio, dovrebbero stabilire sistemi di governance e gestione del rischio operativo per identificare e limitare i rischi. Dovrebbero inoltre essere vietati i prestiti al dettaglio. E, al fine di proteggere i consumatori che potrebbero essere meno sofisticati dei clienti bancari, dovrebbero essere messe in atto regole che regolino il modo in cui gli emittenti divulgano le commissioni, proteggono i dati dei consumatori e gestiscono i reclami.

Una delle misure normative più importanti identificate nel nostro documento è che per proteggere il denaro dei clienti, tutti gli emittenti di moneta elettronica devono implementare meccanismi per tenere al sicuro e segregare quei fondi. Gli emittenti devono mantenere un pool sicuro di fondi liquidi che sia equivalente agli importi dei saldi dei clienti e che sia tenuto separato dai fondi propri dell’emittente. Si tratta di una salvaguardia fondamentale contro l’uso improprio dei fondi e dovrebbe consentire, in linea di principio, il recupero di tali fondi in caso di fallimento di un emittente.

Mantenere i fondi dei clienti segregati, tuttavia, non risolve tutti i problemi se un emittente potenzialmente sistemico dovesse fallire. In assenza di specifiche regole fallimentari, la segregazione di per sé non garantisce che i clienti ottengano un rapido accesso ai propri fondi e questa discontinuità può creare gravi problemi se l’emittente svolge un ruolo potenzialmente sistemico nel sistema dei pagamenti e nel day-to- transazioni giornaliere del paese.

Potenzialmente sistemico, potenzialmente problematico

Le autorità di regolamentazione e di vigilanza potrebbero dover rafforzare in modo significativo vigilanza prudenziale e accordi di protezione degli utenti, a seconda del modello di business e delle dimensioni del sistema di moneta elettronica. Nei paesi con un emittente o un settore di moneta elettronica potenzialmente sistemico, la protezione in atto dovrebbe cercare di preservare i fondi dei clienti e garantire la continuità dei servizi di pagamento critici.

Sebbene alcuni paesi abbiano cercato di estendere l’assicurazione dei depositi alla moneta elettronica, potrebbero essere necessari ulteriori sforzi per rendere operativa tale protezione e garantire che funzioni efficacemente nella pratica.

In particolare, i clienti non dovrebbero perdere l’accesso ai propri fondi e, pertanto, i servizi dovrebbero essere ripristinabili o sostituibili rapidamente, preferibilmente entro poche ore. Ma l’attuazione pratica dell’assicurazione sui depositi di denaro rimane finora non testata, almeno in termini pratici. I costi e i benefici dell’estensione efficace della copertura assicurativa sui depositi alla moneta elettronica dovrebbero essere considerati con attenzione.

Come per molti problemi nella sfera fintech, le migliori pratiche stanno ancora prendendo forma, rendendo difficili le decisioni politiche. Tuttavia, la pandemia ha solo aumentato l’importanza di quadri di moneta elettronica prudenti, poiché il numero di transazioni online e la crescita della moneta elettronica hanno accelerato. Per i regolatori e le autorità di vigilanza, il momento di agire è adesso.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.