Razer mostra Project Sophia, un prototipo futuristico di scrivania da gioco Leave a comment


progetto-sophia-key-visual-08

Razer

Questa storia fa parte di QUELLI, dove CNET copre le ultime notizie sulla tecnologia più incredibile in arrivo.

Razer porta sempre il suo forte prototipo di gioco a QUELLI. Negli anni passati abbiamo visto laptop a triplo schermo, desktop modulari e laptop con touchpad a scomparsa. La maggior parte di questi concetti non diventa mai prodotti reali, ma è una divertente vetrina per interessanti idee tecnologiche future.

Per il CES 2022, il prototipo Razer ora richiesto si chiama Project Sophia, che la società chiama un “concetto di scrivania da gioco”. Di solito riesco almeno a dare un calcio alle gomme di questi progetti una tantum, ma mostrare un prototipo in un evento in gran parte remoto è più difficile. Per ora, tutto quello che ho visto sono alcune immagini di un rendering 3D del concept e un breve video clip.

Tuttavia, sembra interessante ed esattamente come il tipo di costoso giocattolo di livello dirigenziale che non potrei mai permettermi o inserire nel mio appartamento di Brooklyn.

L’enorme scrivania è modulare, con la possibilità di scambiare componenti e funzionalità dentro e fuori secondo necessità. Nelle immagini di esempio, è collegato a un enorme display OLED da 65 pollici, francamente troppo grande per stare davvero così vicino. Ma ecco perché è un rendering 3D di un concetto: puoi fare quello che vuoi se non lo stai effettivamente costruendo.

progetto-sophia-render-04.png

Inserisci alcuni moduli extra nella tua scrivania intelligente!

Razer

Secondo Razer, la scrivania può supportare fino a 13 moduli intercambiabili. La società afferma: “Ciò consente di configurare ogni sezione con una serie di componenti specifici per le attività, come schermi secondari, strumenti di monitoraggio del sistema, pannelli di tasti di scelta rapida touch-screen, pen tablet e unità mixer audio o persino schede di acquisizione esterne”.

Il concetto è alimentato dal proprio processore Intel integrato e dalla GPU Nvidia, entrambi alloggiati in uno chassis con fattore di forma ridotto che si attacca magneticamente alla parte inferiore della scrivania con ripiano in vetro. Ciò lo rende più un dispositivo di elaborazione complementare che una scrivania, poiché anche le scrivanie più avanzate o da gioco non hanno bisogno della propria CPU.

Che tipo di componenti aggiuntivi puoi scambiare in Sophia? Razer afferma che possono includere digitalizzatori touchscreen, fotocamere e microfoni, moduli audio THX, pad di ricarica wireless o persino uno scaldatazze. Poiché si tratta di un prodotto Razer, supporta naturalmente l’illuminazione Chroma, che è il sistema di illuminazione a colori coordinati presente in quasi tutti i prodotti Razer.

Vedremo mai Project Sophia nella vita reale? Probabilmente no. Ma le scrivanie più avanzate stanno diventando più importanti, soprattutto in un mondo di lavoro da casa o ibrido? Decisamente sì. Mi piacerebbe vedere alcune di queste idee filtrare nelle superfici di lavoro o negli accessori che rendono le nostre scrivanie una parte più intelligente dei nostri spazi di lavoro.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.