Rapporto sulla legge sui giochi di Macao Parte 4: durata della concessione? Leave a comment


Stampa amichevole, PDF ed e-mail

Questo articolo fa parte 4 di una serie di articoli sul Rapporto finale sulla consultazione pubblica sulla legge sui giochi di Macao. Per i collegamenti a tutti gli articoli della serie, vedere il indice alla fine di questo articolo.

Come indicato nei precedenti articoli in questa serie, il governo di Macao sembra intenzionato a completare il processo di riautorizzazione della concessione di gioco prima che le attuali concessioni scadano il 26 giugno 2022. Sta inoltre diventando evidente che i risultati finali di questo processo di riautorizzazione potrebbero non essere così negativi come inizialmente temuto da alcuni – o addirittura male.

Dopo aver coperto le questioni di autorizzazione governativa dei dividendi e il numero di concessioni da rilasciare, passiamo probabilmente alla prossima domanda più importante: quale periodo sarà concesso per la prossima tornata di concessioni?

Le attuali concessioni, rilasciate dopo la liberalizzazione del settore dei giochi di Macao del 2002, avevano una durata di 20 anni con una possibile proroga fino a cinque anni a discrezione del governo, ovvero una proroga massima possibile del 25% del periodo di concessione originario (si ricordi quel numero per dopo). Tale periodo di proroga può essere concesso in una o più proroghe fino al periodo massimo di cinque anni.

Gli storici tra di voi ricorderanno che i due periodi di concessione del monopolio prima delle attuali concessioni erano di 40 anni ciascuno, quindi nel secolo scorso i tre periodi di concessione hanno avuto una durata media di circa 33 anni.

Documento di consultazione

Il documento di consultazione emesso dal governo alla fine del 14 settembre 2021 per dare il via al periodo di consultazione di 45 giorni faceva riferimento alle “prospettive economiche incerte” già nel 2001, rilevando che “la costruzione di complessi turistici su larga scala e il periodo di ammortamento richiedevano un certo lasso di tempo” e di conseguenza “era necessario attrarre forti investitori per fare offerte per operazioni attraverso questo incentivo.” [italics added]

Nota la frase “questo incentivo”, affermando che 20 anni dovrebbero essere visti come un lungo periodo di concessione – un’affermazione che è certamente discutibile, specialmente nell’attuale clima economico di Macao! Ne parleremo più avanti.

Il documento di consultazione prosegue affermando che “l’attuale contesto di investimento e le altre condizioni sono diverse da quelle di allora” e che “un periodo di concessione eccessivamente lungo e inflessibile può causare alcuni ostacoli e può ridurre l’entusiasmo dei concessionari di ottimizzare e migliorare le proprie servizi per attirare nuovi clienti”.

Hmm, non ne sono così sicuro.

Il documento prosegue affermando: “Considerando e bilanciando la stabilità del mercato del lavoro, il tempo necessario agli investitori per operare e svilupparsi, le ragionevoli aspettative di rendimenti, nonché la revisione in corso da parte del governo della RAS delle esigenze di sviluppo del settore, è consigliato a revisione il periodo di concessione”. [italics added]

Sebbene la parola chiave qui sia “revisione”, la pesante implicazione è che il governo pensa che le nuove concessioni dovrebbero essere più brevi degli attuali 20 anni.

Infine, il documento suggerisce che si dovrebbe prendere in considerazione il mantenimento del periodo di proroga facoltativa nello stesso rapporto del 25% rispetto al periodo di sovvenzione. Nota che il documento presenta il periodo di estensione come a fatto, senza nemmeno sollevare la questione se debba o meno essere prevista una proroga.

Opinione pubblica

Durante il periodo di consultazione pubblica sono pervenuti 171 pareri relativi al periodo di concessione, così suddivisi:

Opinione Numero % di tutte le risposte % di quelli con un atteggiamento chiaro
Meno di 20 anni 72 42,1% 49,7%
Esattamente 20 anni 56 32,8% 38,6%
Più di 20 anni 17 9,9% 11,7%
Nessun atteggiamento chiaro/neutrale 26 15,2%
TOTALE 171 100.0% 100.0%

L’opinione pubblica durante il periodo di consultazione ha concordato principalmente con la riduzione del periodo di concessione ed è stata in modo schiacciante a favore di un periodo massimo di concessione di 20 anni.

Le diverse opinioni espresse dal pubblico durante il periodo di consultazione sono state riassunte nel rapporto come segue:

  • Il periodo di concessione dovrebbe essere più lungo di 20 anni, poiché i progetti di investimento nuovi o di grandi dimensioni richiedono un periodo di ammortamento più lungo e, se il periodo di concessione è troppo breve, i concessionari saranno meno proattivi nell’effettuare investimenti a Macao.
  • Il periodo di concessione dovrebbe essere di 20 anni.
  • Il periodo di concessione dovrebbe essere di 15 anni con possibilità di essere eccezionalmente prorogato per altri tre-cinque anni.
  • Il parere generale prevedeva un periodo di 10 anni e, in circostanze eccezionali, un periodo di proroga da uno a 10 anni.
  • La durata della concessione dovrebbe essere fissata tra gli otto ei dieci anni.
  • Il periodo di concessione dovrebbe essere un periodo massimo di cinque anni, prorogabile di due anni e mezzo solo in casi eccezionali e ragionevolmente giustificati.
  • Un periodo di concessione esteso consentirà alla RAS di Macao di collegarsi al più ampio piano di sviluppo della Cina.
  • Nella definizione del periodo di concessione si dovrebbe considerare il ragionevole ritorno sull’investimento dei concessionari, al fine di aumentare la fiducia degli investitori e incoraggiarli a investire più risorse nello sviluppo di progetti diversificati, garantendo la crescita del settore.
  • I concessionari dovrebbero disporre di tempo sufficiente per pianificare la formazione del personale e rafforzare la stabilità occupazionale dei propri lavoratori, sulla base degli interessi del sano sviluppo della RAS di Macao a lungo termine, nel rispetto delle linee guida stabilite per la formazione del personale locale qualificato e strategie per lo sviluppo futuro.
  • Se il periodo di concessione è troppo lungo, porterà a una mancanza di flessibilità e inerzia tra i concessionari, facendoli perdere nel lungo periodo la loro competitività sul mercato.
  • Poiché le attrezzature e le strutture del casinò torneranno alla RAS di Macao alla fine dell’attuale periodo di concessione, i nuovi concessionari potrebbero non aver bisogno di tempo per costruire casinò, quindi il periodo di concessione dopo la revisione della legge non dovrebbe essere troppo lungo.
  • Il periodo di concessione dovrebbe essere legato alla forza aziendale dei concessionari, in base alle loro diverse capacità finanziarie e piani di investimento, fissando il periodo di concessione in modo proporzionale, per aumentare la flessibilità della concessione e ridurre i costi amministrativi associati alle nuove gare d’appalto.
  • Il governo di Macao dovrebbe concentrarsi sui piani di investimento degli operatori di gioco durante il periodo di concessione, e non semplicemente sul numero di progetti di investimento, introducendo indicatori specifici nei nuovi contratti di concessione, e se i concessionari soddisfano questi standard, il governo può estendere direttamente le loro concessioni .
  • Dovrebbe esserci un meccanismo di revisione intermedia, che richieda ai concessionari di presentare relazioni, al fine di valutarne le prestazioni.

Risposta del governo

Il governo ha fornito un’analisi e una risposta alle opinioni del pubblico, osservando: “Dato lo sviluppo generale di Macao, il periodo di concessione troppo lungo e inflessibile può causare alcuni ostacoli, tenendo presente che l’attuale ambiente di investimento e le risorse territoriali differiscono dalla situazione della gara pubblica indetta nel 2002”.

️ Questo articolo continua sotto i post correlati ️

La risposta del governo ha poi motivato il perché “il documento di consultazione suggeriva di rivedere il periodo di concessione” e poi ha subito rilevato “la percentuale più alta di pareri raccolti ha favorito la fissazione di un periodo di concessione inferiore ai 20 anni.

“Considerando che le priorità per lo sviluppo dell’industria dei giochi dovrebbero essere il miglioramento della qualità e lo sviluppo diversificato e sano di Macao, l’accorciamento del periodo di concessione consente alla RAS di Macao maggiori opportunità di adeguarsi alle tendenze e alle politiche di sviluppo e di adeguare l’industria dei giochi nel modo più appropriato ea tempo debito, per garantire la competitività dell’industria del gioco.

La risposta del governo, tuttavia, ha offerto un barlume di speranza a coloro che sono a favore di un periodo di concessione più lungo, affermando: “Si dovrebbe considerare l’equità nella fissazione del periodo di concessione. Pertanto, deve essere considerato un equilibrio di vari aspetti, vale a dire la stabilità del mercato del lavoro, il tempo di ritorno necessario per lo sviluppo e l’esecuzione delle attività da parte degli investitori e la necessità per il governo della RAS di Macao di effettuare una valutazione continua del gioco sviluppo del settore”.

Perché Macao dovrebbe prendere in considerazione un periodo di concessione di 27 anni

Mentre la risposta del governo è un messaggio molto chiaro che è a favore di un periodo di concessione più breve, credo che sarebbe nell’interesse di Macao prendere in considerazione un più a lungo periodo di concessione, per 27 anni fino alla fine del periodo di 50 anni One Country, Two Systems il 20 dicembre 2049. Sì, ero uno dei 17 intervistati che suggerivano un periodo superiore a 20 anni.

Ci sono molte ragioni per suggerirlo.

In primo luogo, i giorni dei “super profitti” a Macao sono alle nostre spalle. Non solo la pandemia di COVID-19 ha annientato i ricavi negli ultimi due anni, ma il recenti sviluppi nel settore dei junket di Macao mostrare che il gioco VIP (almeno come lo abbiamo conosciuto) sarà un ricordo del passato. La Cina continentale ha dimostrato di non aver paura di “chiudere il rubinetto”, controllando il flusso di turisti verso Macao. La concorrenza regionale di paesi come Filippine, Corea del Sud, Vietnam, Australia e Singapore è aumentata. E alla fine dovremo anche affrontare la concorrenza del Giappone, e forse anche della Thailandia.

Tutto ciò crea senza dubbio un pari maggiore prospettive economiche incerte rispetto agli offerenti di concessione affrontati nel 2002. E non c’è una buona argomentazione che i concessionari abbiano diritto a un periodo di “recupero” per gli ultimi due anni di disastro economico – durante il quale hanno fatto tutto ciò che il governo ha chiesto di loro? Molti commentatori affermano che è improbabile che il settore ritorni ai livelli del 2019 fino al 2025!

Inoltre, sarebbe sbagliato presumere che non siano necessari ulteriori investimenti a Macao. I lotti 7 e 8 sulla striscia di Cotai rimangono sottosviluppati, ci sono fasi successive di strutture turistiche esistenti in costruzione e potrebbero esserci altri sviluppi non ancora annunciati in cantiere. Il governo chiede concessioni per sviluppare più strutture non di gioco. Poi c’è il “fattore di ristrutturazione”: per mantenere gli standard elevati di Macao, i concessionari devono rinnovare le proprie strutture ogni sette o dieci anni. Tutto ciò significa che potremmo vedere investimenti da 40 miliardi di dollari o 50 miliardi di dollari o anche di più a Macao nei prossimi dieci o due anni, supponendo che i concessionari possano giustificarlo davanti ai loro finanziatori e ai loro azionisti – e quale migliore giustificazione che fornire un periodo significativo per cerchi ritorni su questo enorme investimento?

Se il governo trova 27 anni semplicemente troppo sgradevoli, potrebbe costruire revisioni regolari, ad esempio ogni cinque anni circa, per garantire che i concessionari rispettino i loro impegni. Se i concessionari si adeguano, possono continuare, ma in caso contrario potrebbero essere penalizzati o addirittura perdere la licenza a metà termine. In alcune giurisdizioni di gioco esistono già revisioni periodiche formali come questa.

Se ora viene offerto un termine di 10 o 15 anni, ci sarà un termine imbarazzante di 12 o 17 anni nel periodo che precede il 2049, e qualsiasi offerta per quel periodo avrà la spada di Damacle sospesa su di esso – “Cosa succede nel 2049? Perdiamo semplicemente tutto?”

Dovremo solo aspettare fino a quando le bozze di emendamento non saranno rese pubbliche per saperlo con certezza, ma dato il tono del linguaggio del governo nel rapporto finale della consultazione pubblica, penso che sia abbastanza chiaro che il governo ha il cuore rivolto a concessioni più brevi in ​​futuro, e nonostante le mie riserve personali, è quello che mi aspetto di vedere.

La quinta parte di questa serie sarà pubblicata nella prima settimana di gennaio.


SERIE DI RAPPORTI FINALI DI CONSULTAZIONE PUBBLICA DI DIRITTO DEI GIOCHI DI MACAO
Indice degli articoli

Parte 1: Introduzione
Parte 2: Autorizzazione governativa dei dividendi
Parte 3: Quanti concessionari?
Parte 4: durata della concessione?




Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.