Preoccupazioni per la salute mentale dei rifugiati afghani traumatizzati che vivono nel limbo Leave a comment


Lasciando la loro patria quest’estate, agli afgani diretti nel Regno Unito è stata data l’opportunità di un nuovo inizio, ma il trasferimento non ha bandito i demoni della salute mentale da decenni di conflitto.

I bisogni primari e un ambiente sicuro sono i più evidenti preoccupazioni per il benessere dei rifugiati, ma cura e sollecitudine per la loro salute mentale si colloca molto bene anche per molti.

Le circostanze traumatiche dell’arrivo degli sfollati nel Regno Unito dopo che i talebani sono saliti al potere in Afghanistan sono state ben pubblicizzate. Lo stress di arrivare a un aeroporto sorvegliato dalle truppe ed essere preso di mira da almeno un attentatore suicida è stata una brutta coda per i loro ultimi giorni nel paese.

Per molti di coloro che sono recentemente arrivati ​​nel Regno Unito “la guerra non è finita”, dice l’esperta di salute mentale Dr Hana Abu-Hassan La nazionale. Il gran numero di rifugiati è per lo più immobile vivere nel limbo in hotel temporanei, dove è probabile che i problemi di salute mentale aumentino.

“I disordini civili a casa, le persone che hanno lasciato alle spalle, il trauma che hanno vissuto sono in corso, attraverso i social media, le notizie, i contatti con la famiglia”, afferma il medico di famiglia con sede nel Regno Unito.

Per Omran Maroofi, il replay del suo ultimo giorno in Afghanistan continua a perseguitarlo tre mesi dopo. Era giovedì 26 agosto e due attentati suicidi strappati tra la folla fuori dall’aeroporto di Kabul uccidendo decine di persone. Migliaia di afgani disperati per fuggire dal loro paese dopo la presa del potere da parte dei talebani stavano aspettando in file che sono durate giorni. Il signor Maroofi stava per imbarcarsi su un volo di evacuazione con la moglie e il figlio di 2 anni quando le esplosioni sono scoppiate al Baron Hotel, dove i funzionari della Nato stavano elaborando le credenziali per uscire dall’Afghanistan.

“Sogno molto l’hotel Baron, la folla di persone fuori dall’aeroporto che cercano di uscire dall’Afghanistan”, dice Maroofi, nel piazzale dell’hotel dove alloggia nel centro di Londra.

Gli incubi affliggono anche sua moglie, che è incinta di tre mesi e continua a chiedere al marito di riportarla in Afghanistan dove rimangono i suoi genitori.

“Era un momento davvero pericoloso, abbiamo visto molte cose”, mi dice, la voce che si spegne mentre la sua mente si sforza di ricordare le scene inquietanti.

L’aeroporto di Kabul era all’epoca teatro di un caos e di una confusione opprimenti. La gente ha aspettato per giorni nei tunnel fognari per attraversare i cancelli, mentre altri hanno riferito di essere stati aggrediti o schiacciati tra la folla. Scene di persone sospese dalle ali degli aeroplani a mezz’aria, e in seguito di corpi esplosi dalle bombe, hanno cristallizzato l’estremità della situazione a terra.

Riconoscendo che molti degli sfollati afghani sarebbero arrivati ​​con pesanti fardelli mentali ed emotivi, Hopscotch – un centro comunitario per donne – si è affrettato a spingere il consiglio londinese in cui hanno sede ad adottare un “approccio informato sul trauma” quando si tratta con gli afgani in la loro cura.

“Abbiamo capito che poiché sono gli ultimi aerei a partire, probabilmente saranno i più traumatizzati e comprendendo lo schema del trauma … a quel punto sarebbero stati in modalità sopravvivenza, ma in seguito lo faranno esci dalla modalità di sopravvivenza e il trauma colpirà”, ha detto l’amministratore delegato di Hopscotch, Benaifer Bhandari.

L’organizzazione ha condotto un Progetto Afghan Refugee Advocacy che include workshop sulla vita nel Regno Unito e attività linguistiche, nonché sessioni di formazione per qualsiasi difensore degli sfollati sulle pratiche informate sul trauma e sulla consapevolezza culturale.

In stretta collaborazione con il consiglio, Hopscotch e altri servizi comunitari volontari (VCS) sono intervenuti per aiutare a colmare alcune delle lacune nelle disposizioni per gli afgani. Ciononostante, nel migliore dei casi, sono elusive diagnosi e cure adeguate per la salute mentale, per non parlare delle barriere linguistiche, della mancanza di risorse e di un gran numero di persone bisognose.

In un mondo ideale, afferma la signora Bhandari, ogni famiglia dovrebbe avere una valutazione dei bisogni di salute mentale ed essere guidata ai servizi disponibili nel Servizio sanitario nazionale e nel VCS.

“Invece, noi come VCS… abbiamo solo cercato di soddisfare quante più esigenze possibili [but] molti sono scivolati via”, dice la signora Bhandari.

Dopo tre mesi di visita ai nuovi arrivati, afferma che il trauma ha iniziato a manifestarsi, in particolare perché le famiglie lottano per affrontare gli aspetti pratici e la confusione della vita quotidiana in un paese straniero.

“Non è davvero una sorpresa e ci stiamo solo assicurando che i nostri servizi soddisfino alcune di queste preoccupazioni per il futuro in modo che il trauma possa essere libero di fluire”, afferma la signora Bhandari.

Per molti, lo scontro di un passato tumultuoso con un futuro poco chiaro sta causando estrema ansia.

Il signor Maroofi afferma che i suoi genitori e suoceri sono una delle principali fonti di preoccupazione per lui e invia loro tutto il denaro che può dal Regno Unito.

“Stiamo attenti con ogni sterlina perché significa molto per le persone in Afghanistan”, dice di una crisi economica nel suo paese d’origine che il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite ha avvertito potrebbe vedere metà della sua popolazione affrontare la fame acuta.

Il signor Maroofi afferma di non aver parlato con un operatore sanitario dei suoi sogni, in parte perché non sa con chi parlare e sta ancora aspettando che gli venga assegnato un assistente sociale.

“È molto difficile o impegnativo per un richiedente asilo affermare di avere un problema di salute mentale e la ricerca ci dice che i migranti in generale usano meno servizi sanitari pubblici”, afferma la dott.ssa Hana.

“Sono il tipo che vuole nascondersi e non causare problemi. Normalmente sono grati per tutto ciò che ricevono e si sentono ospiti, il che fa sorgere domande, quindi quanto di una casa stai davvero dando loro?”

Tre mesi dopo essere atterrato nel Regno Unito, Maroofi e la maggior parte degli sfollati stanno ancora aspettando un posto da chiamare casa. Invece, lui e la sua famiglia stanno per essere trasferiti in un altro hotel provvisorio a due ore di distanza da quello in cui hanno soggiornato negli ultimi due mesi.

“L’unico motivo per cui le persone hanno lasciato le loro case è per trovare una casa più sicura. Se qualcuno viene ed è di nuovo nomade e non c’è alcuna garanzia di futuro, cosa gli dà?” chiede il dottor Hana.

L’“ansia anticipatoria” è un altro problema segnalato dalla dottoressa Hana quando parliamo dei sentimenti dei rifugiati nei confronti dei processi contorti e opachi coinvolti nella creazione di una nuova vita.

“Come rifugiati vogliamo che diventino membri funzionali della società, ma ci aspettiamo che qualcuno sia funzionale senza aiutarli”.

Omran vorrebbe girovagare un po’ di più per la città, ma non è ancora a suo agio con i mezzi pubblici perché nessuno gli ha mostrato come farlo.

“Non avevamo treni come questi in Afghanistan o strade adeguate come qui e ho problemi a capire le mappe e la tecnologia utilizzata qui”, dice.

Vorrebbe continuare gli studi, visto che la laurea in Scienze Politiche è stata interrotta dall’avanzata dei talebani, e trovare un buon lavoro così da poter essere un “grande uomo” e un modello per suo figlio di 2 anni.

C’è una “incoerenza nella messaggistica”, dice la signora Bhandari, che tutti i rifugiati e i volontari trovano la parte più difficile e frustrante dell’attuale calvario.

“A volte possiamo districare un po’ della confusione, ma a volte sembra una mancanza di diritti umani fondamentali quando anche gli esseri umani che sono in traumi vengono lasciati, sai, metaforicamente, e probabilmente effettivamente fisicamente, al buio”, ha detto.

Un portavoce del governo ha detto La nazionale che la fornitura di alloggi e servizi di salute mentale ai rifugiati afghani era una priorità.

“Ora è in corso un enorme sforzo per portare le famiglie in case permanenti in modo che possano sistemarsi e ricostruire le loro vite e per garantire che coloro che sono ancora temporaneamente alloggiati negli hotel abbiano accesso all’assistenza sanitaria, all’istruzione, a tutti gli elementi essenziali di cui hanno bisogno e alle opportunità di lavoro, o Universal Credit”, ha detto il portavoce.

“Scuole e college hanno accesso a una serie di programmi di sostegno del governo per aiutare i bambini e i giovani con la loro salute mentale. Di recente abbiamo annunciato più di 17 milioni di sterline (22,7 milioni di dollari) per sfruttare il supporto per la salute mentale già disponibile nei contesti educativi, compresi i finanziamenti del valore di 9,5 milioni di sterline per formare i responsabili della salute mentale di quest’anno.

“Continueremo a lavorare con i servizi sanitari per fornire supporto in prima linea agli afgani quando arrivano nel Regno Unito attraverso i nostri programmi di reinsediamento e come parte dello sforzo di reinsediamento”.

Aggiornato: 27 novembre 2021, 04:00



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.