Più personale per la salute mentale da inviare ad APY Lands a seguito di un rapporto critico, preoccupazioni per l’assenza di servizi nel paese Leave a comment


Una revisione dei servizi di salute mentale dei bambini nelle remote terre di Anangu Pitjantjatjara Yankunytjatjara (APY) del South Australia ha rilevato che la maggior parte dei bambini e dei giovani che hanno bisogno di sostegno rischiano di sfuggire alle attuali disposizioni e ha chiesto che il personale raddoppi con urgenza .

Lo psichiatra capo del South Australia, John Brayley, ha intrapreso la revisione dopo che l’APY Lands è stato lasciato senza personale in loco all’inizio di quest’anno, con SA Health implementando invece servizi di telemedicina e fly-in fly-out.

“L’esposizione all’abuso sessuale infantile, alla violenza fisica, all’abuso di sostanze e a malattie mentali e traumi irrisolti derivanti sia dalla colonizzazione che dalle generazioni rubate continuano a incidere in modo significativo sulla salute mentale dei giovani nelle Terre”, ha rilevato il rapporto.

Piuttosto che avere casi segnalati, il rapporto ha rilevato che i lavoratori delle APY Lands avevano bisogno di creare un rapporto di fiducia con le comunità e di recarsi in modo proattivo alle case famiglia per identificare i bambini bisognosi.

Ha riscontrato difficoltà nel reclutare e trattenere il personale, almeno in parte a causa di un modello di finanziamento insicuro che significava che non venivano offerte posizioni permanenti.

Un uomo seduto in un ufficio con gli occhiali distoglie lo sguardo dalla telecamera con un'espressione neutra
Il dottor John Brayley ha chiesto il raddoppio del personale.(ABC News)

Il dottor Brayley ha raccomandato di raddoppiare il numero di dipendenti, passando da tre a sei a livello locale, di tornare il prima possibile e di istituire finanziamenti più sicuri.

Il ministro della Sanità Stephen Wade ha affermato di aver accolto con favore le raccomandazioni del rapporto.

“Attueremo immediatamente la raccomandazione di raddoppiare la forza lavoro per il servizio da tre a sei”, ha affermato.

“Come raccomandato, l’espansione della forza lavoro è supportata da un impegno di finanziamento di quattro anni [which] assicurerà che il servizio possa fornire i continui alti livelli di bisogno di servizi di salute mentale per bambini e adolescenti nelle terre APY e contribuirà a fornire risultati migliori per i giovani e le famiglie”.

I medici smettono di rivendicare una scarsa leadership

Il rapporto arriva quando due assistenti per la salute mentale dei bambini anziani lasciano il sistema pubblico, accusando la scarsa leadership.

Lo psichiatra infantile Jon Jureidini e la psicoterapeuta Patricia O’Rourke hanno testimoniato oggi a una commissione parlamentare.

Il dottor Jureidini ha affermato che la rimozione dei due lavoratori di APY Lands ha comportato la perdita di un ottimo servizio.

“Il livello di competenza che è stato sviluppato da questi lavoratori non ha eguali in Australia… nella salute mentale dei bambini o degli adulti”, ha detto.

“Eppure CAMHS (Child and Adolescent Mental Health Service) e Women’s and Children’s Hospital hanno ritenuto opportuno chiudere efficacemente il servizio e i membri della comunità ne sono profondamente angosciati”.

Un uomo bianco in una camicia con colletto bianco con occhiali marroni rotondi guarda la telecamera con severità con le braccia incrociate
Il dottor Jon Jureidini ha affermato che c’è stata una mancanza di rispetto per l’esperienza clinica e il giudizio.(ABC News: Lincoln Rothal)

Il dottor Jureidini e il dottor O’Rourke hanno detto al comitato che una delle loro motivazioni significative a lasciare il loro lavoro nel CAMHS presso l’ospedale delle donne e dei bambini è stata la chiusura di un’unità che ha aiutato a riunire i bambini trascurati con i loro genitori.

Da allora il servizio è stato affidato a un’organizzazione senza fini di lucro.

“Non abbiamo più un servizio comparabile per queste famiglie”, ha detto il dottor O’Rourke al comitato.

Entrambi i medici hanno affermato di aver perso fiducia nella gestione del Women’s and Children’s Hospital.

“[There is] scarsa leadership e mancanza di rispetto per l’esperienza clinica e il giudizio. Essere trattati in modo umiliante dai membri del CAMHS e dai dirigenti dell’ospedale”, ha affermato il dott. Jureidini.

“È stata un’esperienza profondamente spiacevole quella che abbiamo vissuto e non ci siamo dimessi alla leggera perché entrambi avevamo un impegno duraturo per quell’istituzione”.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *