Perché il gioco online in India ha bisogno di regolamentazione Leave a comment


Delle numerose cose che la pandemia ha cambiato nelle nostre vite, una ovvia è il modo in cui ci intratteniamo. Tra la proliferazione di canali OTT e l’aumento delle ore di visualizzazione, ciò che è passato inosservato è l’uso crescente dei giochi online. Il tempo medio speso per il gioco online è aumentato di quasi il 65% rispetto ai livelli pre-Covid. Più di 43 crore di persone hanno trascorso del tempo sui giochi virtuali.

Ci sono tre tipi di giochi online. Il primo è l’e-sport. Si tratta di videogiochi che, negli anni ’90, venivano giocati privatamente o su console nei negozi di videogiochi, ma ora vengono giocati online in modo organizzato tra giocatori professionisti, individualmente o in squadra. Il secondo è il fantasy sport. Questi sono giochi in cui scegli una squadra di giocatori sportivi reali di diverse squadre e ottieni punti in base a quanto bene i giocatori si comportano nella vita reale. Infine, ci sono giochi casual online che potrebbero essere basati sull’abilità – dove il risultato è prevalentemente influenzato dall’abilità mentale o fisica – o basati sul caso, dove il risultato è fortemente determinato da alcune attività casuali, come il lancio di un dado. Un gioco d’azzardo può essere considerato gioco d’azzardo se i giocatori scommettono denaro o qualsiasi cosa di valore monetario.

Questa fiorente industria soffre della mancanza di supervisione normativa. Il gioco online rientra in un’area grigia normativa e non esiste una legislazione completa in merito alla sua legalità o ai suoi confini con il gioco d’azzardo e le scommesse, anche se l’aliquota fiscale applicabile viene discussa nei circoli pertinenti.

Da questo problema di definizione scaturisce la legalità del gioco online. I giochi basati sulle abilità sono consentiti nella maggior parte del paese, mentre i giochi d’azzardo sono nell’ambito del gioco d’azzardo, trattati come immorali e proibiti nella maggior parte del paese. Poiché le scommesse e il gioco d’azzardo sono un soggetto statale, diversi stati hanno la propria legislazione. Ogni stato dell’India, ad eccezione di Goa, Sikkim e il Territorio dell’Unione di Daman, proibisce esplicitamente qualsiasi tipo di gioco d’azzardo, scommesse o scommesse sui giochi d’azzardo. Anche Assam, Andhra Pradesh, Nagaland, Odisha, Tamil Nadu e Telangana hanno imposto restrizioni ai giochi di abilità. I giochi online basati sul tradizionale ludo, probabilmente il gioco online più popolare in India, sono stati oggetto di controversie e accuse di scommesse e gioco d’azzardo.

Nonostante la posizione legale, un gran numero di persone sta sviluppando una forte dipendenza dal gioco online. Questa dipendenza sta distruggendo vite e devastando famiglie. L’uso compulsivo della tecnologia stava diventando un problema e la pandemia è riuscita a catalizzare il viaggio costante. Ha causato un drammatico aumento del nostro tempo sullo schermo.

I genitori di tutto il paese stanno lottando, senza molto successo, per aiutare i propri figli a stabilire limiti all’uso della tecnologia e ai giochi. I ragazzi e le ragazze sono intrappolati nel gioco compulsivo, molti trascorrono dalle sei alle otto ore al giorno giocando a giochi online. Ciò sta influenzando le loro prestazioni a scuola e sta mettendo a dura prova la loro vita sociale e le relazioni con i membri della famiglia.

Gli psicologi hanno affermato che il costo opportunità di questo è immenso poiché l’impatto sulla salute cresce ogni giorno che passa. Giochi online come PUBG e il Sfida balenottera azzurra sono stati banditi dopo episodi di violenza e suicidio. Si dice anche che questa dipendenza causi miopia nella nostra giovinezza. Inoltre, la condivisione involontaria di informazioni personali può portare a casi di imbrogli, violazioni della privacy, abusi e bullismo.

C’è bisogno di costruire controlli ed equilibri per evitare che i giovani diventino giocatori patologici. Diverse alte corti hanno spinto i governi statali a regolamentare il panorama dei giochi virtuali. Il Centro, in un recente avviso agli Stati, ha indicato cose da fare e da non fare utili per educare genitori e insegnanti. Anche i casinò non consentono partecipanti minorenni, quindi non c’è motivo per cui le società di gioco online dovrebbero essere negligenti al riguardo. Per inciso, i cinesi, come di consueto, hanno annunciato regole per limitare i videogiochi online per i minori di 18 anni a tre ore alla settimana. I media statali cinesi hanno definito il gioco online “l’oppio della mente”.

Un’industria del gioco online ben regolamentata presenta vantaggi convincenti anche in termini di vantaggi economici. Si prevede che questo settore genererà ricavi superiori a Rs 29.000 crore nel 2025 con oltre 65,7 crore di utenti. Si stima che verranno creati più di 15.000 posti di lavoro diretti e indiretti. Un gruppo di ministri (GoM) del consiglio GST è investito della questione della fissazione della tariffa per i giochi online. Il dibattito tra un tasso GST del 18 per cento per i giochi di abilità e il 28 per cento per i giochi d’azzardo dovrebbe essere risolto a breve. La GST e l’imposta sul reddito generate da questo settore si aggiungeranno al moltiplicatore economico. Questo settore ha il potenziale per attrarre investimenti globali significativi: gli attuali investimenti in società di gioco come Dream11 sono buoni indicatori.

C’è un urgente bisogno di regolamentare adeguatamente questo settore. Il governo dovrebbe garantire il rafforzamento delle norme KYC. Ogni gioco dovrebbe seguire un meccanismo di classificazione in base all’età ben stabilito e ai minori dovrebbe essere consentito di procedere solo con il consenso dei genitori — Verifica OTP su Aadhaar potrebbe potenzialmente risolvere questo problema. Non dovrebbero essere consentiti acquisti in-game senza il consenso di un adulto e, ove possibile, l’opzione di chat in-game dovrebbe essere disabilitata. Le società di gioco dovrebbero educare in modo proattivo gli utenti sui potenziali rischi e su come identificare probabili situazioni di imbroglio e abuso. Dovrebbero rimuovere l’anonimato dei partecipanti e costruire un solido meccanismo di gestione dei reclami.

Dovrebbe essere creata un’Autorità di gioco presso il governo centrale mentre vengono incoraggiate varie forme di autoregolamentazione per l’industria. Questa autorità potrebbe essere responsabile dell’industria del gioco online, monitorando le sue operazioni, prevenendo problemi sociali, classificando adeguatamente i giochi di abilità o di fortuna, controllando la protezione dei consumatori e combattendo l’illegalità e la criminalità.

Questa colonna è apparsa per la prima volta nell’edizione cartacea il 29 dicembre 2021 con il titolo “Regole del gioco online”. Lo scrittore è un deputato di Rajya Sabha ed ex vice primo ministro del Bihar





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.