Omaggi incandescenti pagati al leader infermieristico di salute mentale dopo la morte improvvisa Leave a comment


Un’infermiera esperta di salute mentale e leader infermieristica che ha lavorato per “rendere il servizio migliore”, è morta improvvisamente all’età di 56 anni.

Elaine Thompson, che è stata di recente infermiera capo ad interim per la qualità e i contratti presso il NHS East Leicestershire e il Rutland Clinical Commissioning Group (CCG), è morta il 22 ottobre, appena due giorni prima del suo 57esimo compleanno.

Suo marito da 32 anni, Laurence Thompson, ha detto Orari infermieri la causa della morte della signora Thompson non era chiara, ma le era stata diagnosticata una cardiopatia ischemica e aveva sofferto di convulsioni prima di morire.

La signora Thompson si era ritirata dall’assistenza infermieristica solo un anno prima della sua morte, dopo quasi 40 anni di lavoro come infermiera.

“Ci sono quelle persone con cui lavori e se ne vanno e pensi ‘non ricordo chi sono’, con Elaine non è così”

Marianne Cole

Sei settimane prima della sua morte, la signora Thompson aveva avuto un attacco a casa e diverse convulsioni mentre era in ospedale ed era stata dotata di un pacemaker. È stata dimessa dall’ospedale e la famiglia e gli amici pensavano che sarebbe andata bene fino all’arrivo della notizia scioccante.

Thompson ha detto che la coppia, che viveva insieme a Bromsgrove, nel Worcestershire, aveva programmato di viaggiare per il mondo per la pensione, “voleva viaggiare in Islanda, Canada, Alaska e Giappone”.

La descrisse come “piena di vita, piena di energia, davvero frizzante, davvero intelligente”.

La dinamica del loro matrimonio era stata che lei parlava e il signor Thompson ascoltava.

“Aveva un cervello che non si spegneva mai o si calmava”, ha detto.

La signora Thompson ha incontrato suo marito nel dicembre 1988 e si sono sposati nel settembre 1989. Hanno condiviso l’amore per le creature mitiche, costruendo una collezione di draghi e figurine di maghi in mostra in un armadietto appositamente costruito a casa loro, oltre a statue di draghi decorare il loro giardino.

Prima che si sposassero, durante una gita di un giorno a Broadway, nei Cotswolds, il signor Thompson aveva visto un drago e una statuetta di mago in una vetrina e la signora Thompson aveva detto che non le sarebbe dispiaciuto averli. Il signor Thompson in seguito è tornato al negozio e li ha acquistati per lei come regalo di nozze e da lì è cresciuto.

Elaine Thompson e il suo cane Merlino

La carriera della signora Thompson è iniziata nel 1982 al Barnsley Hall Hospital, dove si è formata come studentessa infermiera. Era una struttura psichiatrica nel Worcestershire e suo padre era l’amministratore dell’ospedale.

“In un certo senso ce l’aveva nel suo DNA”, ha detto Alison Tedstone, la sorella della signora Thompson.

La signora Thompson aveva 17 anni quando ha iniziato a lavorare a Barnsley Hall. Nel 2013 ha scalato la catena fino a diventare vice capo infermiera e poi capo infermiera associata al Birmingham CrossCity CCG.

Altri ruoli che ha ricoperto includono capo dell’assistenza infermieristica, trasformazione dell’assistenza e della salute mentale presso NHS Birmingham e Solihull CCG e responsabile della qualità e della sicurezza presso NHS England per l’area di Birmingham, Solihull e Black Country.

La signora Tedstone ha spiegato come il padre non avesse voluto che sua figlia entrasse nella professione infermieristica e in particolare nell’assistenza alla salute mentale.

“In quei grandi ospedali psichiatrici, c’erano abbastanza spesso attacchi agli infermieri in corso”, ha detto. Non pensava che sarebbe stata al sicuro lavorando lì”.

La signora Tedstone ha detto anche nei primi anni che la signora Thompson era il “maschiaccio” e che lei stessa era quella “prim”, cosa che infastidiva sua sorella.

Ha aggiunto: “Ha più talento di me in un modo artistico. Elaine è una di quelle persone irritanti che potrebbero volgere la mano a fare le cose.

“Ha imparato da sola a fare artigianato e a cucire. Era musicale, suonava la chitarra, sapeva cantare e ha imparato a suonare le tastiere”.

Oltre a viaggiare per il mondo, la signora Thompson aveva voluto competere su Mastermind.

Sua sorella ha detto che “se avesse voluto fare qualcosa sarebbe andata a farla”.

Le due sorelle hanno combattuto durante l’infanzia e nella prima età adulta, ma si sono unite quando è stato il momento di prendersi cura dei loro genitori; prima il padre morto nel 2016 all’età di 91 anni e poi la madre che soffre di demenza ed è attualmente in una casa di cura. Le sorelle hanno scelto insieme la sua casa di cura ed entrambe hanno supervisionato la sua cura.

“Mia sorella era sempre lì per me e io ero sempre lì per lei”, ha detto la signora Tedstone.

“Era una musicista, suonava la chitarra, sapeva cantare e ha imparato da sola a suonare le tastiere”

Alison Tedstone

All’inizio del suo pensionamento, all’età di 55 anni, la signora Thompson ha iniziato a svolgere lavori per mantenere la sua mente attiva. Ha lavorato su un progetto a Leicester per un ex capo Manjeet Garcha, poi un altro contratto a breve termine che lavorava per NHS Coventry & Warwickshire CCG. La signora Thompson era da alcune settimane nel progetto quando è morta.

La signora Garcha ha detto Orari infermieri La signora Thompson non si sarebbe mai tirata indietro per dire “oh, non posso farlo”.

“Ha iniziato a lavorare di più e la settimana che è passata si è seduta in un giorno virtuale di trasferta che abbiamo trascorso, ed era il suo sé normale”, ha detto la signora Garcha.

“È stata assolutamente la notizia più scioccante che due giorni dopo il giorno della trasferta, l’abbiamo persa. Non è solo una perdita come amica e collega, è una grande perdita per il settore sanitario. Non era una che diceva che è così. Ho finito. Era una badante, una sorella e un’amica fantastica”.

Ha aggiunto: “Era totalmente altruista e totalmente dedita, una di quelle persone che hanno appena capito, non dovevi spiegarle troppo, ha aggiunto molto di più, è andata oltre ciò che le hai chiesto di fare, andando oltre la linea del dovere.

“Essendo un’infermiera di salute mentale, ha portato quel pensiero in più, avrebbe portato il pensiero olistico a tutto ciò che era fantastico in quanto non è sempre evidente agli altri”.

Molti altri ex colleghi della signora Thompson hanno voluto porgere i loro omaggi e riflettere sul lavoro, sul sostegno e sull’aiuto che aveva fatto per loro.

Marianne Cole, una responsabile di reparto al Bushey Fields Hospital, a Dudley, dove la signora Thompson aveva lavorato, ha detto: “Ci sono quelle persone con cui lavori e se ne vanno e pensi ‘non riesco a ricordare chi sono’, con Elaine è non come quello.

“Era una ragazza grande con un grande carattere. Aveva sempre una storia da raccontare. La sua memoria per le cose, era come un’enciclopedia, era in grado di fare clic immediatamente sulle cose. Nego a chiunque di non amare Elaine, di aver incontrato lei e non è andata avanti”.

La signora Cole ha affermato, che era un modello, che la signora Thompson aveva agito come mentore ed era stata una grande parte del motivo per cui la signora Cole era dove si trova ora nella sua carriera.

“Anche quando ho passato momenti difficili a casa, momenti difficili a livello personale, lei mi aiutava, mi guidava e mi rinchiudeva di nuovo; per lei era questo che le piaceva”

Jasvinder Chopra-Povall

“Ho iniziato a usarla come supervisore clinico, cosa potevo fare meglio, qualsiasi preoccupazione avessi, come avrei potuto svilupparmi di più, e lei sarebbe sempre stata davvero coinvolta. Il mondo ha perso una persona preziosa”.

Riflettendo sulla morte della sua amica, Sheila Sievewright, una terapista occupazionale, ha parlato a lungo della sua amica ed ex collega sottolineando gli anni in cui avevano lavorato insieme al Burton Road Hospital, a Dudley, West Midlands, negli anni ’90.

Ha descritto il tempo, la pazienza e i modi innovativi in ​​cui la signora Thompson si prendeva cura dei pazienti, senza mai condiscendenza e prendendosi sempre il tempo per capire le loro esigenze.

“Mostrava solo entusiasmo in tutto e pensava fuori dagli schemi. Diceva, ‘beh, perché non proviamo in questo modo’ e io pensavo, ‘oh no, non funzionerà’, ma di solito fatto.”

Ha detto la signora Siewright Orari infermieri sul gruppo, Validation, che la sig.ra Thompson ha avviato, per i pazienti affetti da demenza, per ridurre le situazioni difficili tra paziente e infermiera e per aiutare gli infermieri a capire come si sentiva il paziente.

La notizia della morte della signora Thompson è stata uno shock per la signora Sievewright che aveva mantenuto i contatti da quando l’aveva incontrata negli anni ’90.

“Lei e suo marito erano a casa mia cinque giorni prima della sua morte, mi ha portato un regalo di compleanno e uno squisito biglietto fatto in casa che era un comportamento assolutamente tipico per lei, pensando sempre agli altri, nonostante fosse stata operata di recente al cuore”, ha detto la signora Sievewright .

Aveva disapprovato il fatto che la signora Thompson lavorasse durante il suo ricovero.” Le stavamo tutti inviando messaggi che dicevano “non osare, dovresti riposare” e lei ha detto: “oh no va bene, lavorerò a casa non faccio troppo’”.

La signora Sievewright era così rattristata che la signora Thompson non è mai arrivata al suo 57esimo compleanno.

Ha spiegato la quantità di responsabilità che la signora Thompson si è assunta, che non avrebbe riconosciuto.

“Negli ultimi sei mesi Elaine ha avuto molti cambiamenti a cui adattarsi e priorità da destreggiarsi; i cambi di lavoro, il semipensionamento, il sostegno e l’organizzazione del trasferimento di due parenti all’assistenza residenziale, la perdita del loro adorato cane Merlino; deve aver avuto un impatto su di lei”, ha detto.

Jasvinder Chopra-Povall, direttore della divisione ad interim per la qualità e l’assistenza infermieristica, fiducia del Gloucestershire Hospitals NHS, un ruolo che ha ricoperto per due anni, ha affermato che la signora Thompson l’ha aiutata a ottenerlo.

“È qualcosa in cui mi ha aiutato e supportato, nelle interviste che sono uscite, è sempre stata come ‘puoi farcela’”, ha detto la signora Chopra-Povall.

“Anche quando ho avuto momenti difficili a casa, momenti difficili a livello personale, lei mi aiutava, mi guidava e mi metteva di nuovo a terra; per lei era questo che le piaceva”.

Nella settimana della sua morte, la signora Chopra-Povall aveva detto alla signora Thompson come ha fatto così tanto per le persone, lei aveva risposto “‘questo è ciò che mi dà il più grande piacere’ queste erano le sue parole”, ha detto la signora Chopra-Povall.

Riflettendo sul suo tempo con la signora Thompson come sua manager, ha detto: “Aveva il tipo di capacità di fare un passo indietro e lasciarti fare, perché avevi bisogno di farlo e avevi bisogno di imparare. Se andassi da lei chiedendo costantemente ‘Elaine , puoi aiutarmi, puoi aiutarmi?’, lo riconobbe e fece un passo indietro e lasciò che lo facessi.

“Aveva la capacità di dare le redini e fidarsi davvero di me e lo ha fatto, è stato fantastico che si sia fidata abbastanza della mia capacità di farlo, e mi ha visto crescere. Era qualcosa su cui abbiamo scherzato dopo, sapeva cosa era facendo.”



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.