L’NBA rinvia le prossime 2 partite dei Chicago Bulls a causa dell’epidemia di coronavirus Leave a comment


Mentre un’epidemia di COVID-19 mette da parte 10 dei suoi giocatori, l’NBA ha posticipato i prossimi due Chicago Bulls giochi per consentire al franchise di iniziare a recuperare giocatori sani e frenare ulteriormente la diffusione.

Nella prima partita della stagione, la NBA riprogramma i Bulls-pistoni partita di martedì a Chicago e Bulls-Rapaci giovedì a Toronto per date future.

I Bulls erano ansiosi di avere la lega che concedesse loro sollievo con i rinvii e ottenere il sostegno del Dipartimento di sanità pubblica di Chicago, che ha avuto un impatto sulla decisione della lega, hanno detto fonti.

Dopo in avanti Alize Johnson sono risultati positivi e sono entrati nei protocolli lunedì, hanno detto fonti, i Bulls erano scesi a un minimo di otto giocatori in campionato – e alcuni di questi non erano nemmeno tra i migliori giocatori a rotazione regolare.

Johnson si unisce a una lunga lista di Bulls nei protocolli di salute e sicurezza della lega che include Zach LaVine, DeMar De Rozan, Troy Brown Jr., Coby White, Javonte Green, Matt Thomas, Derrick Jones Jr., Andiamo Dosunmu e Stanley Johnson.

Una volta che i giocatori entrano nei protocolli della lega, devono mettere in quarantena per 10 giorni o fino a quando non restituiscono due test PCR negativi entro una finestra di 24 ore.

I Bulls hanno aggiunto almeno un nuovo giocatore ai protocolli di salute e sicurezza per tre giorni consecutivi dall’inizio della loro epidemia all’inizio del mese. La squadra non ha tenuto una pratica organizzata lunedì.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.