L’ex ministro della salute del Quebec testimonia all’inchiesta sui decessi nelle case di cura per COVID-19 Leave a comment


L’ex ministro della salute del Quebec sta dicendo all’inchiesta del coroner che la provincia non ha trasferito in modo massiccio i pazienti anziani alle case di cura a lungo termine per liberare i letti d’ospedale all’inizio della pandemia di COVID-19.

Danielle McCann, che è stata estromessa dal portafoglio sanitario nel giugno 2020, ha dichiarato giovedì all’inchiesta che i trasferimenti dagli ospedali alle case di cura sono aumentati del 20% a marzo 2020 rispetto al mese precedente, per un totale di meno di 1.000 trasferimenti.

Per saperne di più:

Il miglior medico del Quebec è stato interrogato sulla mancanza di preparazione all’inchiesta sui decessi per cure a lungo termine COVID

Il governo del Quebec ha affrontato critiche per la sua decisione di trasferire i pazienti dagli ospedali a case di cura con personale insufficiente e poco attrezzate, che sono state devastate durante la prima ondata di COVID-19.

Il dottor Jacques Ramsay, che sta assistendo il coroner Géhane Kamel nella sua indagine, ha detto a McCann che il numero di trasferimenti può sembrare piccolo, ma è stato “significativo”.

La storia continua sotto la pubblicità

Dice che molte case di cura a lungo termine, note come CHSLD, continuerebbero ad avere problemi a creare zone separate per pazienti infetti e non infetti a causa dell’elevato numero di residenti.

McCann afferma che il governo ha deciso che il trasferimento dei pazienti in case di cura a lungo termine aiuterebbe a proteggerli dal contrarre il COVID-19 negli ospedali.


© 2021 La stampa canadese





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.