L’ex gigante dell’elettronica RadioShack si riavvia come società di criptovalute Leave a comment


Sebbene la catena di negozi di elettronica RadioShack sia sostanzialmente crollata a seguito di dichiarazioni di fallimento nel 2015 e nel 2017, il nome è sopravvissuto per 100 anni. Nel tentativo di rendere RadioShack rilevante per altri 100 anni, il nuovo proprietario del marchio sta giocando per uno dei settori economici emergenti più caldi e controversi del mondo: la criptovaluta.

Cercando di capitalizzare il marchio globale di RadioShack, il proprietario Retail Ecommerce Ventures con sede a Miami sta spingendo RadioShack (una volta con sede a Fort Worth) nel promettente ma oscuro territorio della criptovaluta. La criptovaluta è una valuta digitale costruita su una piattaforma tecnologica nota come blockchain; Bitcoin è forse il tipo di criptovaluta più conosciuto. A novembre, la dimensione del mercato globale delle criptovalute ha superato i 3 trilioni di dollari.

“La necessità di un ponte tra i CEO che controllano le società mondiali e il nuovo mondo delle criptovalute arriverà molto probabilmente sotto forma di un noto marchio secolare. RadioShack è perfetto”, RadioShack proclama sul suo sito web.

Investitori di alto profilo come il recente trapianto di Austin Elon Musk sono saliti con entusiasmo sul carro delle criptovalute. Eppure altri grandi investitori, come Warren Buffett, mettono in dubbio la fattibilità del mercato delle criptovalute soggetto a truffe e altamente volatile.

Il proprietario di RadioShack condivide chiaramente lo spazio sul carro di Musk. Sul suo sito Web, RadioShack, il cui nome appare ancora in centinaia di negozi gestiti da rivenditori indipendenti, tra cui diversi nell’area di Austin, ha recentemente rivelato i piani per una piattaforma di criptovaluta chiamata RadioShack DeFi (abbreviazione di finanza decentralizzata). L’azienda promuove la capacità di RadioShack DeFi di trarre profitto da un marchio centenario riconosciuto in più di 190 paesi e che un tempo comprendeva più di 8.000 negozi.

Il concetto prevede che le persone possano scambiare liberamente i token di criptovaluta esistenti con i token di criptovaluta RADIO di nuova creazione attraverso la piattaforma RadioShack DeFi.

“La nostra ipotesi è che il modo migliore per far sì che le criptovalute diventino più mainstream è che un marchio affermato nello spazio tecnologico faccia da apripista. … Nonostante il suo ritiro negli ultimi 10 anni, il marchio è decisamente integrato nella coscienza globale, maturo per essere ruotato per aprire la strada alla tecnologia blockchain per l’adozione mainstream da parte di altri grandi marchi “, dichiara RadioShack.

Retail Ecommerce Ventures ha acquistato le risorse del marchio di RadioShack nel 2020. L’azienda possiede anche l’attività di e-commerce di Molo 1, precedentemente con sede in Texas, insieme a marchi al dettaglio obsoleti come Dressbarn, Linens ‘n Things e Stein Mart.

È interessante notare che la configurazione della criptovaluta di RadioShack funzionerebbe su un sistema chiamato Atlas USV di proprietà degli imprenditori Tai Lopez e Alex Mehr, gli stessi proprietari di Retail Ecommerce Ventures e, quindi, di RadioShack.

“Lopez e Mehr stanno chiaramente puntando il successo dell’intera operazione sulla forza del marchio RadioShack con i consumatori”, PCMag.com osserva.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.