L’età, le condizioni di salute di base sono state un “doppio colpo” per Colin Powell, dicono gli esperti Leave a comment


Le infezioni da Covid-19 di svolta fatale tra le persone che sono state completamente vaccinate, come l’ex Segretario di Stato Colin Powell, sono rare. Ma gli esperti dicono che tali morti mostrano la necessità per la società nel suo insieme di proteggere i suoi più vulnerabili: quelli di età avanzata e quelli con un sistema immunitario compromesso.

Powell, che è morto lunedì di complicanze Covid, soddisfaceva entrambi i criteri. Il funzionario pubblico pionieristico aveva 84 anni e aveva mieloma multiplo, un tumore del sangue in cui le plasmacellule maligne superano lo spazio solitamente riservato alle plasmacellule normali che combattono le infezioni.

Il suo cancro potrebbe averlo reso particolarmente suscettibile: non solo il mieloma multiplo priva il corpo della sua capacità di resistere alle infezioni, ma può anche interferire con l’efficacia di un vaccino. Ricerca pubblicata sulla rivista Natura a luglio su pazienti affetti da mieloma multiplo hanno scoperto che solo il 45% ha sviluppato una “risposta adeguata” ai vaccini Covid mRNA.

“Il Covid è stato il nostro peggior incubo”, ha affermato il dottor Paul Richardson, leader del programma clinico e direttore della ricerca clinica presso il Jerome Lipper Multiple Myeloma Center presso il Dana-Farber Cancer Institute.

“I pazienti non sono solo vulnerabili all’infezione in primo luogo anche nonostante la vaccinazione, ma quando vengono infettati, il loro sistema immunitario è così disfunzionale, che hanno la peggio di entrambi i mondi”.

Rispetto al numero di decessi che si sono verificati tra le persone non vaccinate negli Stati Uniti, che ora supera più di 722.000, le morti rivoluzionarie sono solo una scheggia. Tra gli oltre 187 milioni di persone che sono state completamente vaccinate negli Stati Uniti, ci sono stati 7.178 decessi, secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, con l’85% dei decessi che si verificano nelle persone di età pari o superiore a 65 anni.

L’età è sempre stata un fattore che contribuisce alla gravità del Covid e di molte altre infezioni, ha affermato il dottor William Schaffner, professore di malattie infettive presso la Vanderbilt University School of Medicine e direttore medico della National Foundation for Infectious Diseases.

“Man mano che invecchiamo, le nostre cellule fisiche diventano meno robuste. Diventano più fragili e questo può accadere anche al nostro sistema immunitario”, ha detto. “Se si aggiunge a questo, ovviamente, la malattia di base, questo è un doppio colpo per il sistema immunitario”.

La speranza, ha detto Schaffner, è che i richiami di Covid in quelle età dai 65 anni in su aumentino il numero di anticorpi che hanno, fornendo loro una protezione più lunga. Al momento, sono disponibili colpi di richiamo per le persone di età pari o superiore a 65 anni e altre persone ad alto rischio che hanno ricevuto il vaccino Pfizer-BioNTech; si prevede che i richiami per altri destinatari del vaccino dai 65 anni in su saranno approvati a breve.

Non era chiaro se Powell avesse ricevuto una vaccinazione di richiamo, ma gli esperti hanno affermato che probabilmente si sarebbe qualificato per la dose aggiuntiva del vaccino che la Food and Drug Administration ha autorizzato per l’uso in alcuni individui immunocompromessi in agosto.

“Abbiamo una responsabilità”

La morte di Powell riflette il motivo per cui l’onere è su tutti di fare la propria parte per porre fine alla pandemia, ha affermato il dott. Khalilah Gates, professore associato di terapia polmonare e critica presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine.

“Quando parliamo di vaccinazioni, non si tratta solo di noi come individui. Riguarda quelli di noi nelle nostre comunità e nella nostra società che sono più vulnerabili: sono i nostri anziani e i nostri bambini”, ha detto, riferendosi ai bambini sotto i 12 anni per i quali il vaccino non è ancora stato approvato. “Abbiamo la responsabilità di proteggere coloro che non possono proteggersi da soli”.

La funzione dei vaccini non è solo quella di proteggere l’individuo, ma anche di creare un “bozzolo di protezione” attorno ai virus in modo che non possano trovare persone vulnerabili, ha affermato Schaffner.

Non farsi vaccinare, ha detto, “è simile a qualcuno che arriva a un semaforo e guida con il rosso. Sì, si assumono un certo grado di rischio per se stessi, ma mettono a rischio gli altri”.

La morte di Powell non dovrebbe dissuadere nessuno dal farsi vaccinare se non l’ha già fatto, ha detto Schaffner, aggiungendo che oltre il 90% delle persone ricoverate per Covid nel suo ospedale non sono vaccinate.

“I vaccini non sono perfetti”, ha detto. “Ma il vaccino sposta le probabilità a tuo favore per una malattia grave in una protezione contro la malattia grave”.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.