L’elettronica conquista il settore tessile • Recycling International Leave a comment


Ci siamo abituati alle auto elettriche, alle e-bike e persino ai droni. Nuovi entusiasmanti gadget vengono aggiunti all’elenco dei dispositivi elettronici ogni anno e sembra che non ne abbiamo mai abbastanza. Una parola che non conoscevo è e-textiles. La parola suggerisce che non sono solo i nostri telefoni a diventare più intelligenti.

La prossima settimana parteciperò all’E-Waste Expo di Francoforte. Uno degli argomenti che ha attirato la mia attenzione è stato un parlare sugli e-textile di Jessica Saunders. Ho considerato la parola per un momento. Certo, abbiamo delle coperte riscaldate in casa mia da quando ho memoria. (Ammetto che penso solo a loro durante l’inverno.) Questo prodotto semplice è un incrocio tra tessuti e rottami elettronici.

Proprio come le magliette “immagini in movimento” che ho visto al mercato quest’estate durante il mio viaggio ad Aruba. Il mio ragazzo era affascinato dai disegni colorati che cambiavano davanti ai suoi occhi; una silhouette che fa passi di breakdance, un cane che scodinzola, soundbar stereo animati che vanno su e giù in sincronia con la musica di sottofondo.

Non ne ha comprato uno a causa del cartellino del prezzo di 50 dollari. Tuttavia, devo ammetterlo, è una versione aggiornata dei (brutti) maglioni con le luci di Natale che abbiamo indossato durante le vacanze, non è vero? Se si deve credere agli analisti di mercato, il mercato dei tessili intelligenti passerà da 2,3 miliardi di dollari (2 miliardi di euro) quest’anno a 6,6 miliardi di dollari (5,8 miliardi di euro) entro il 2026.

Illustra quanto questa nicchia relativamente sconosciuta si sia evoluta nell’ultimo decennio. È giusto dire che i tessuti moderni hanno la tecnologia intrecciata in loro. Sono fatti per adattarsi a due categorie; tessuti estetici e tessuti che migliorano le prestazioni. Il primo l’ho già descritto, e il secondo serve principalmente ad applicazioni mediche e militari.

Ad esempio, i tessuti con sensori e microchip integrati possono aiutare a monitorare la temperatura corporea interna e la frequenza cardiaca durante l’esercizio o il ricovero. Un’altra opzione è l’integrazione di linee di alimentazione e dati nei tessuti per creare dispositivi di protezione personale leggeri per i soldati.

Nel frattempo, ho visto diversi vlogger promuovere vestiti digitali come la prossima grande cosa. È esattamente quello che sembra: i designer vendono abiti digitali (che vanno da fantasiosi abiti da sera a costumi ultraterreni più arte che abbigliamento) in modo che le persone possano aggiungere pezzi unici al loro guardaroba digitale. Questi elementi possono essere photoshoppati professionalmente sulla persona, sia in video che in foto.

Tecnicamente, questo significa che non devi più possedere le loro controparti fisiche. Vestiti con un fattore wow senza fare affidamento su alcuna materia prima. Ma mi chiedo se questo principio influenzerà la nostra abitudine al consumo di moda. (Mi sto dando un promemoria mentale per pulire i miei armadi troppo pieni prima di Capodanno.)

Tutto sommato, sembra che i tempi stiano cambiando sia per l’elettronica che per i tessuti. E sono sicuro che la tendenza diventerà più visibile al cantiere di riciclaggio nei prossimi dieci anni.

Sono molto curioso di sentire cosa dirà Jessica Saunders in merito. Resta sintonizzato per la recensione di E-waste Expo, che sarà pubblicata nel nostro primo numero del 2022!

Vuoi condividere con noi sviluppi interessanti o idee per articoli? Non esitare a Contattaci.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.