Legislazione che richiede firme elettroniche, appalti “socialmente responsabili” si avvicinano all’approvazione Leave a comment


Una proposta che richiederebbe l’uso di firme elettroniche in tutti i dipartimenti cittadini, nonché una misura correlata per garantire che la città si impegni in pratiche di approvvigionamento “sostenibili e socialmente responsabili” potrebbe essere approvata già la prossima settimana, dopo che il Consiglio comunale di Pittsburgh ha avanzato mercoledì la legge.

L’ordinanza, guidata dall’amministrazione del sindaco Bill Peduto, imporrebbe a tutti i dipartimenti cittadini di continuare a utilizzare le firme elettroniche in modo permanente, dopo che sono diventate comuni durante la pandemia di covid-19.

In questo modo durante la pandemia i rifiuti sono stati ridotti di oltre 5.800 sterline in due anni, hanno stimato i funzionari della città.

Una seconda ordinanza correlata sarebbe garantire che i soldi delle tasse della città sostengano i fornitori e le aziende responsabili dal punto di vista ambientale e sociale che entrano in servizi professionali accordos con la città.

La proposta di legge prevede che i funzionari della città valutino potenziali fornitori e servizi di assistenza su fattori come sostenibilità, diversità e inclusione. Indicherebbe inoltre ai funzionari di tenere conto di considerazioni come la distanza di trasporto e il riutilizzo del prodotto durante la revisione delle proposte.

Un altro segmento della legislazione aggiorna il codice della città relativo a prodotti cartacei, elettronici, illuminazione, mobili e forniture per ufficio per allinearlo con l’amministrazione considera i moderni standard ambientali.

“Dobbiamo dare l’esempio”, ha affermato la consigliera Erika Strassburger, aggiungendo che la città dovrebbe garantire il rispetto di linee guida sostenibili e socialmente responsabili prima di chiedere alle società private di fare lo stesso.

La misura consentirebbe alla città di valutare potenziali fornitori e aziende che forniscono servizi professionali a giudicare dalla loro sostenibilità e responsabilità sociale in termini di diversità e altri fattori. Si applicherebbe a società come gli studi legali che lavorano con la città, ha affermato la consigliera Deb Gross.

Tuttavia, non si applica ai subappaltatori, come le squadre che pavimentano le strade cittadine, ha affermato.

La proposta esorta anche i dipartimenti della città a considerare cose come l’imballaggio e le emissioni legate alla consegna quando si valutano i contratti a bassa offerta, ha affermato Jennifer Olzinger, assistente direttore degli appalti. Inoltre, esorta i lavoratori della città ad acquistare articoli socialmente responsabili e sostenibili, come optare per le luci a LED rispetto a quelle normali.

“Guida maggiormente il personale della città su ciò che dovremmo acquistare”, ha detto.

Gross ha affermato che le cosiddette “schede segnapunti” che i funzionari comunali utilizzano quando prendono decisioni sui contratti non sono attualmente disponibili per i membri del consiglio comunale, anche se “volevamo vedere questo punteggio, specialmente su contratti più grandi”.

Il team legale della città ha consigliato loro di non rilasciare quelle scorecard nemmeno ai membri del consiglio, ha detto Olzinger. Sono considerati “deliberazioni interne” e non sono soggetti alle leggi sul diritto alla conoscenza, ha affermato.

La normativa proposta non sembra contenere alcun meccanismo per rendere pubbliche tali scorecard.

Tuttavia, i membri del consiglio hanno espresso entusiasmo all’idea di concentrarsi su contratti sostenibili e socialmente responsabili.

Gross ha indicato un pezzo della proposta che incoraggia la città a considerare l’utilizzo di materiali stradali riciclati, una misura che è “accolta con entusiasmo” dal consiglio, ha affermato.

“Risolverebbe molti problemi”, ha detto il consigliere Anthony Coghill, aggiungendo di aver sentito parlare di un’azienda che utilizzava plastica riciclata per le strade.

Elementi come i materiali stradali riciclati non sono obbligatori nella legislazione, ma la proposta incoraggia i funzionari della città a prendere in considerazione tali opzioni.

Entrambe le ordinanze sono state avanzate mercoledì con il sostegno di tutti i membri del consiglio durante la riunione. Il consigliere Corey O’Connor era assente.

Julia Felton è una scrittrice dello staff di Tribune-Review. Puoi contattare Julia al 724-226-7724, jfelton@triblive.com o tramite Twitter .





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.