Le schede elettroniche di Manchester utilizzano l’energia di tre famiglie ciascuna | Manchester Leave a comment


Gli schermi pubblicitari elettronici che sono stati criticati per aver bloccato i marciapiedi a Manchester utilizzano ciascuno la stessa quantità di energia come tre famiglie, ha appreso il Guardian.

Gli schermi a marchio comunale, che sono diventati uno spauracchio pedonale quando lo erano coperto di misteriose scatole grigie durante la loro installazione, guadagna l’autorità locale 2,4 milioni di sterline all’anno in affitto dalla società pubblicitaria JCDecaux, più il 2,8% delle entrate di ciascuna pubblicità.

Nelle ultime settimane i consigli di amministrazione hanno pubblicizzato GB News e Floki, una criptovaluta il cui il marketing è oggetto di indagine dalla Advertising Standards Authority (ASA).

Secondo l’analisi dei dati rivelati da una richiesta di libertà di informazione (FoI), ciascuno degli 86 tabelloni pubblicitari digitali in Manchester il centro cittadino consuma 11.501 kWh di energia ogni anno.

Il consiglio comunale di Manchester, che ha dichiarato un’emergenza climatica nel 2019, afferma che gli schermi sono alimentati da energia rinnovabile, ma sono collegati alla rete elettrica, piuttosto che alimentati, ad esempio, da un pannello solare.

“Il fornitore di elettricità di JCDecaux ha accordi di fornitura con generatori eolici britannici indipendenti e acquista certificati di elettricità rinnovabile e garanzie di origine sull’energia rinnovabile (o Regos)”, ha affermato un portavoce del consiglio.

“L’obiettivo del consiglio di diventare a zero emissioni di carbonio entro l’anno 2038 non consiste nel non utilizzare affatto l’elettricità. Questo sarebbe un presupposto assurdo. Ciò che significa riguarda un cambiamento culturale a livello locale, che il consiglio sta cercando di attuare, per utilizzare l’elettricità che proviene da fonti rinnovabili e non comporta la combustione di combustibili fossili per generare.

Rego sono stati criticati per scappatoie che rischiano di “contare due volte” l’uso di energia rinnovabile del Regno Unito o addirittura di rivendicare come proprie le rinnovabili straniere.

Gli schermi, alti quasi tre metri e larghi un metro, sono stati condannati per aver occupato prezioso spazio lastricato in una città che ha affermato di voler dare la priorità pedoni.

Alla domanda sul perché i cartelloni non potessero togliere spazio alle auto invece che ai pedoni, un portavoce del consiglio ha detto: “Il posizionamento di cartelloni pubblicitari sulla strada non soddisferebbe i criteri di sicurezza delle autostrade”.

Non sono state effettuate valutazioni dell’impatto sull’uguaglianza prima dell’installazione delle schede, ma il consiglio ha insistito sul fatto che il posizionamento di ciascuna avrebbe superato il “test del doppio buggy”, assicurando che fosse fornito spazio sufficiente per consentire il passaggio dei pedoni.

Nella sua brochure per le schede, sotto la voce “inclusività e accessibilità”, JCDecaux mostra solo l’immagine di un cieco con un bastone e la didascalia “unità facilmente rilevabile dalle persone che usano un bastone bianco”.

Delle schede, 22 sono in grado di monitorare il passaggio dei pedoni e la qualità dell’aria, una cosa che secondo il consiglio sarà utilizzata solo internamente per informare la politica.

Tutte le 86 unità tranne cinque hanno sostituito i precedenti display e colonne di carta retroilluminati che erano in vigore dalla fine degli anni ’90. Tutta la pubblicità che appare sui tabelloni deve essere conforme al codice di condotta dell’ASA, ha affermato il consiglio.

Roberta Fusco, direttrice ad interim delle politiche e delle comunicazioni per l’organizzazione benefica Living Streets, ha dichiarato: “La creazione di strade che incoraggino a camminare ha un enorme potenziale per ridurre la congestione e l’inquinamento atmosferico, affrontare la solitudine e l’isolamento e far rivivere le nostre strade principali locali. Le strade ingombranti con cartelloni pubblicitari elettronici sfuggono a tutto ciò.

“Le autorità locali devono dare la priorità allo sgombero di marciapiedi e marciapiedi. Ciò include il divieto di cartelloni pubblicitari, la rimozione di cartelli e scatole di utilità eccessive e la garanzia che rimanga sempre almeno 1,5 metri di spazio sul marciapiede quando l’arredo urbano è a posto”.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.