Le iene affamate possono aiutare la salute umana Leave a comment


Ridacchiando, subdolo, spazzino di carogne e buono per la salute pubblica? Le iene intorno alla città etiope di Mekelle cenano spesso con carcasse di bestiame. Nel processo, suggerisce un nuovo studio, potrebbero prevenire le infezioni da antrace e tubercolosi bovina negli esseri umani e negli animali vicini.

Secondo gli autori dello studio, a Mekelle vivono più di 300.000 persone, insieme a più di 100.000 capi di bestiame. Quando i residenti gettano polli, asini o bestiame morti nella discarica della città, iene maculate vieni a chiamare. “Se cammini di notte per Mekelle e non vedi una iena, stai facendo qualcosa di sbagliato”, afferma Chinmay Sonawane, studente laureato alla Stanford University. La selvaggina è diventata scarsa nella zona e le iene fanno la differenza con il bestiame morto. La conseguente riduzione dei rifiuti fetidi “è qualcosa che le persone a Mekelle e in Etiopia apprezzano ampiamente”, afferma Sonawane.

Per indagare più da vicino i possibili benefici per la salute pubblica, Sonawane e i suoi colleghi hanno osservato le iene masticare nella discarica locale per oltre 40 notti per sapere quanto mangiano. I ricercatori hanno quindi stimato quanti casi di antrace e tubercolosi bovina potrebbero diffondersi dal contatto con i rifiuti di carcasse di animali a Mekelle e hanno modellato i tassi di malattia con e senza iene affamate che puliscono.

Hanno scoperto che una singola iena sgranocchia 983 chilogrammi di bestiame morto all’anno. Nel 2019 le circa 210 iene di Mekelle hanno ingoiato circa il 4,2% delle carcasse di animali disponibili. In tal modo, suggerisce il modello, gli spazzini hanno prevenuto tre infezioni da antrace e due da tubercolosi bovina nelle persone e 11 infezioni da antrace e 129 da tubercolosi bovina nel bestiame. Calcolando il trattamento delle malattie e i costi del bestiame, gli scienziati hanno calcolato che le iene hanno salvato gli esseri umani più di $ 50.000 quell’anno. Sonawane e i suoi colleghi hanno pubblicato i loro risultati nel Giornale di ecologia applicata.

Nonostante la sua importanza per l’ecosistema, lo scavenging è stato studiato meno di comportamenti come la predazione, afferma Laura Prugh, ecologista della fauna selvatica dell’Università di Washington, che non è stata coinvolta nello studio. Prugh dice che spera che studi come questo, che esplorano come gli spazzini avvantaggiano direttamente gli umani, “aiuteranno a motivare le persone a conservare specie che spesso non ottengono lo stesso rispetto.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.