Le etichette della data di “scadenza” necessarie per guidare gli australiani nell’acquisto di elettrodomestici ed elettronica, rileva il rapporto | Notizie dall’Australia Leave a comment


Gli elettrodomestici e l’elettronica dovrebbero essere chiaramente etichettati con le informazioni sulla riparazione e le date di “scadenza”, secondo un nuovo rapporto della Commissione per la produttività.

Il rapporto della commissione sul diritto alla riparazione ha rilevato che il sistema di etichettatura dovrebbe essere sperimentato in Australia.

La commissione ha trascorso l’ultimo anno a rivedere il cosiddetto “diritto alla riparazione” in Australia e ha ricevuto più di 300 richieste e commenti. Molti consumatori si sono lamentati del fatto che le aziende stavano rendendo più difficile e più costoso far riparare i dispositivi da chiunque non fosse il produttore e che i dispositivi duravano meno di quanto previsto dai consumatori.

I problemi più comuni con i telefoni, ad esempio, sono gli schermi rotti o la necessità di sostituire la batteria. Sempre più spesso, la commissione ha ascoltato aziende come Apple e Samsung rendevano più difficile per i consumatori riparare il prodotto da soli o far eseguire le riparazioni da chiunque tranne il produttore.

Il rapporto finale, pubblicato mercoledì, ha scoperto che il prezzo è stato il fattore principale che ha spinto le persone a decidere tra la riparazione o la sostituzione di un prodotto rotto. L’inconveniente di far riparare un prodotto e le persone che desideravano il dispositivo più aggiornato erano i motivi principali per cui le persone non eseguivano le riparazioni.

La commissione ha scoperto che c’erano prove “miste” sul fatto che i prodotti stessero riducendo la loro durata di vita al fine di incoraggiare le persone ad acquistare dispositivi più recenti, affermando che sebbene non potesse essere escluso completamente, probabilmente non era diffuso. Le persone avevano molte più probabilità di scegliere di sostituire i propri dispositivi con prodotti più recenti e, in alcuni casi, i prodotti stavano diventando più durevoli.

Il governo australiano dovrebbe provare uno schema di etichettatura del prodotto entro cinque anni per prodotti come elettrodomestici o elettronica di consumo in cui le persone possono vedere le informazioni sulla riparabilità e la durata di un prodotto, ha raccomandato la commissione. Se il pilota è efficace, potrebbe essere esteso a uno schema formale.

La commissione ha inoltre raccomandato di modificare i regolamenti di garanzia per affermare che il diritto ai rimedi ai sensi del diritto dei consumatori non richiede che i consumatori abbiano precedentemente utilizzato servizi di riparazione autorizzati o parti di riparazione.

Pur constatando che l’attuale legge australiana sui consumatori garantisce alle persone il diritto di ottenere riparazioni o sostituzioni per prodotti difettosi, la commissione ha raccomandato modifiche, inclusa la richiesta ai produttori di fornire aggiornamenti software per periodi ragionevoli, per consentire ai gruppi di consumatori di raccogliere reclami comuni su determinati prodotti da presentare come un “super reclamo” per l’Australian Competition and Consumer Commission (ACCC) per indagare.

La commissione ha raccomandato ai governi statali e territoriali di trovare processi alternativi di risoluzione delle controversie per le persone con problemi di riparazione, per evitare che le questioni finiscano nei tribunali e che l’ACCC abbia il potere di chiedere sanzioni quando i fornitori non forniscono rimedi quando richiesto.

Le raccomandazioni nel rapporto sono in gran parte identiche a raccomandazioni nella bozza pubblicata a giugno. Tuttavia, la commissione si è ritirata da un divieto raccomandato sulle clausole di annullamento della garanzia o sugli adesivi posti sui prodotti che annullano la garanzia se rotti, sostenendo che tale divieto potrebbe aumentare il costo per produttori e consumatori.

Dalla pubblicazione della bozza del rapporto, Apple ha annunciato fornirà batterie di ricambio, schermi e parti della fotocamera per iPhone 12 e 13 per consentire alle persone di riparare i propri iPhone.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.