L’Australia si unisce al boicottaggio diplomatico dei Giochi invernali di Pechino Leave a comment


  • L’Australia afferma che parteciperanno gli atleti ma non i funzionari governativi
  • I legami australiani con la Cina sono bassi per le origini del COVID-19, il commercio
  • Gli Stati Uniti basano l’azione sulle “atrocità” dei diritti umani in Cina
  • Gran Bretagna e Giappone considerano il boicottaggio diplomatico -media

SYDNEY/PECHINO, 8 dicembre (Reuters) – L’Australia si unirà agli Stati Uniti in un boicottaggio diplomatico dei Giochi olimpici invernali di Pechino, ha detto mercoledì il primo ministro Scott Morrison, mentre altri alleati valutavano mosse simili per protestare contro i diritti umani della Cina.

Gli Stati Uniti hanno detto che i suoi funzionari di governo lo faranno boicottare le Olimpiadi di Pechino di febbraio a causa delle “atrocità” dei diritti umani in Cina, poche settimane dopo i colloqui volti ad allentare le relazioni tese tra le due maggiori economie del mondo. Per saperne di più

La Cina ha detto che gli Stati Uniti lo avrebbero fatto “paga il prezzo” per la sua decisione e ha avvertito di contromisure in risposta, ma non ha fornito dettagli.

Registrati ora per l’accesso illimitato GRATUITO a reuters.com

Morrison ha detto che la decisione di mercoledì è arrivata a causa delle lotte dell’Australia per riaprire i canali diplomatici con la Cina per discutere le presunte violazioni dei diritti umani nella regione occidentale dello Xinjiang e le mosse di Pechino contro le importazioni australiane. Per saperne di più

Annunciando i piani, Morrison ha affermato che Pechino non ha risposto a diverse questioni sollevate da Canberra, comprese le accuse di abuso dei diritti.

“Quindi non sorprende quindi che i funzionari del governo australiano non si rechino in Cina per quei Giochi”, ha detto Morrison ai giornalisti a Sydney.

Un portavoce dell’ambasciata cinese a Canberra, la capitale australiana, ha affermato che alcuni politici australiani erano impegnati in atteggiamenti politici.

“La colpa per l’attuale difficile situazione delle relazioni Cina-Australia è tutta da parte australiana”, ha aggiunto il portavoce in una dichiarazione online.

Il Comitato olimpico australiano ha affermato che il boicottaggio non avrà alcun impatto sui preparativi degli atleti per i Giochi, aggiungendo che le “opzioni diplomatiche” sono una questione di competenza dei governi. Per saperne di più

Altri alleati degli Stati Uniti sono stati lenti nell’impegnarsi ad aderire al boicottaggio.

La Gran Bretagna sta valutando di approvare una partecipazione limitata del governo all’evento dal 4 al 20 febbraio nella capitale cinese che si fermerebbe prima di un boicottaggio diplomatico completo, ha detto mercoledì il quotidiano Telegraph.

Un divieto assoluto di rappresentanza ministeriale e diplomatica ai Giochi invernali rimane una possibilità, è aggiunto.

Il Giappone sta valutando di non inviare membri del governo all’evento dopo che gli Stati Uniti hanno annunciato il loro boicottaggio diplomatico, ha detto mercoledì il quotidiano Sankei Shimbun, citando fonti governative non identificate.

L’emblema di Pechino 2022 è visto su un conto alla rovescia per i Giochi olimpici invernali di Pechino 2022 a Pechino, Cina, 7 dicembre 2021. REUTERS/Carlos Garcia Rawlins

L’amministrazione del presidente Joe Biden ha citato quello che gli Stati Uniti chiamano genocidio contro le minoranze musulmane nella regione cinese dello Xinjiang. La Cina nega tutte le violazioni dei diritti.

La Cina si oppone al boicottaggio diplomatico degli Stati Uniti, ha detto martedì un portavoce del ministero degli Esteri.

“Gli Stati Uniti pagheranno un prezzo per i loro atti sbagliati”, ha detto il portavoce, Zhao Lijian, a un briefing con i media. “Aspettiamo tutti e vediamo.”

Alla domanda se la Cina prenderebbe in considerazione un boicottaggio diplomatico dei Giochi Olimpici negli Stati Uniti, Zhao ha affermato che il boicottaggio statunitense ha “danneggiato le fondamenta e l’atmosfera” dello scambio sportivo e della cooperazione alle Olimpiadi.

I Giochi invernali inizieranno circa sei mesi dopo che i Giochi estivi si sono conclusi nella capitale giapponese di Tokyo dopo un anno di ritardo a causa della pandemia di COVID-19.

“Chiediamo sempre il maggior rispetto possibile e la minima interferenza da parte del mondo politico”, ha affermato Juan Antonio Samaranch, a capo del comitato di coordinamento del Comitato olimpico internazionale per l’evento di Pechino.

“Dobbiamo essere reciproci. Rispettiamo le decisioni politiche prese dagli organi politici”.

Gli Stati Uniti ospiteranno le Olimpiadi estive del 2028 a Los Angeles e si preparano a fare un’offerta per le Olimpiadi invernali del 2030 a Salt Lake City.

Il boicottaggio diplomatico americano, incoraggiato per mesi da alcuni membri del Congresso degli Stati Uniti e gruppi per i diritti, arriva nonostante gli sforzi per stabilizzare i legami tra le due nazioni, con un video incontro il mese scorso tra Biden e il cinese Xi Jinping.

“L’UNICA OPZIONE”

A meno che altri paesi non si unissero al boicottaggio, ciò minerebbe il messaggio che le violazioni dei diritti umani in Cina sono inaccettabili, ha affermato Bonnie Glaser, esperta cinese presso il German Marshall Fund degli Stati Uniti.

“L’unica opzione davvero a nostra disposizione è cercare di convincere il maggior numero possibile di paesi a stare con noi in questa coalizione”, ha detto Glaser in un’audizione al Congresso degli Stati Uniti martedì.

I legami tra l’Australia e il suo principale partner commerciale, la Cina, sono a un punto debole dopo che Canberra ha bandito Huawei Technologies dalla sua rete a banda larga 5G nel 2018 e ha cercato un’indagine indipendente sulle origini del COVID-19.

Pechino ha risposto con tariffe su materie prime australiane come orzo, manzo, carbone e vino.

Registrati ora per l’accesso illimitato GRATUITO a reuters.com

Segnalazione di Gabriel Crossley e Renju Jose; Montaggio di Lincoln Feast e Clarence Fernandez.

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.