L’Australia segnala il terzo caso di variante Omicron COVID-19 | Notizie sulla salute Leave a comment


Di ROD McGUIRK, Associated Press

CANBERRA, Australia (AP) – Le autorità australiane hanno annunciato lunedì un terzo caso della variante omicron COVID-19 mentre i leader del governo hanno riconsiderato i piani per allentare le restrizioni alle frontiere questa settimana.

Un uomo sudafricano sulla trentina che giovedì scorso è volato da Johannesburg alla città di Darwin, nel nord dell’Australia, è risultato positivo alla nuova variante presso la struttura di quarantena più sicura d’Australia a Howard Springs, ha detto il ministro della Sanità del Territorio del Nord Natasha Fyles.

Le autorità statali del Nuovo Galles del Sud hanno riferito domenica che due viaggiatori dal Sudafrica a Sydney sono diventati i primi casi di omicron in Australia. Entrambi erano completamente vaccinati, non mostravano sintomi ed erano in quarantena a Sydney.

Il premier del New South Wales Dominic Perrottet ha detto lunedì che potrebbe esserci un terzo caso di omicron nello stato più popoloso dell’Australia.

Cartoni politici

Nelle 24 ore trascorse domenica, 141 passeggeri su cinque voli sono arrivati ​​dai nove paesi colpiti dalla variante omicron, hanno detto i funzionari. Tutti i viaggiatori erano in quarantena.

I ministri senior del governo federale si incontreranno lunedì per considerare la risposta nazionale, inclusa la modifica dei piani per allentare le restrizioni alle frontiere a partire da mercoledì.

Il ministro federale della Sanità Greg Hunt ha affermato che le autorità australiane “non esiteranno a intraprendere ulteriori misure se le prove mediche dimostrano che sono necessarie ulteriori” azioni.

Il primo ministro Scott Morrison ha annunciato la scorsa settimana che a partire da mercoledì, studenti vaccinati, lavoratori qualificati e viaggiatori in vacanza lavorativa potranno atterrare negli aeroporti di Sydney e Melbourne senza essere messi in quarantena.

Anche i cittadini vaccinati del Giappone e della Corea del Sud con determinati visti australiani sarebbero ammessi senza quarantena, così come le persone con visti umanitari, ha affermato il governo la scorsa settimana.

Lunedì Morrison ha sollecitato una risposta calma all’omicron, che l’Organizzazione mondiale della sanità ha designato come una variante di preoccupazione.

“Non ci sono prove che suggeriscano che questo porti a una malattia più grave. Semmai, suggerisce una forma minore di malattia, in particolare per coloro che sono vaccinati”, ha detto Morrison alla televisione Nine Network.

“I numeri dei casi di per sé non sono il problema. Si tratta di sapere se le persone hanno una malattia peggiore o se questo metterà sotto stress il tuo sistema ospedaliero”, ha detto Morrison.

Il Nuovo Galles del Sud e Victoria, il secondo stato più popoloso dell’Australia, così come la capitale nazionale Canberra, hanno introdotto un requisito generale di quarantena di 72 ore per tutti gli arrivi internazionali.

Hunt ha annunciato sabato che a causa delle preoccupazioni per omicron, i cittadini non australiani e i residenti permanenti che sono stati in Sudafrica, Namibia, Zimbabwe, Botswana, Lesotho, Eswatini, Seychelles, Malawi e Mozambico negli ultimi 14 giorni non poter entrare in Australia.

Gli australiani saranno ammessi ma dovranno essere messi in quarantena per 14 giorni.

Copyright 2021 Il Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.