La principale fiera dell’elettronica del Giappone si apre con i riflettori sulla tecnologia a basse emissioni di carbonio Leave a comment


Martedì si è aperto il principale spettacolo annuale di elettronica del Giappone che coinvolge più di 300 aziende, con i riflettori sulle tecnologie all’avanguardia progettate per raggiungere la neutralità del carbonio.

Come è avvenuto l’anno scorso, gli organizzatori hanno deciso di tenere online l’Esposizione combinata di tecnologie avanzate come precauzione contro il coronavirus. L’evento fino a venerdì, sul tema “Verso la società 5.0 con la nuova normalità”, è accessibile al pubblico previa registrazione.

Lo screenshot del 18 ottobre 2021 mostra l’ingresso online dell’Esposizione combinata delle tecnologie avanzate. (Kyodo)

Le batterie ricaricabili per immagazzinare l’energia rinnovabile e le tecnologie di riciclaggio del carbonio sono tra i prodotti esposti che potrebbero aiutare il Giappone e altri paesi a raggiungere l’obiettivo di zero emissioni nette di carbonio nei prossimi decenni.

Il concetto di Società 5.0 per incorporare tecnologie innovative come l’intelligenza artificiale e i robot nella società è stato promosso dalle industrie giapponesi e dal governo.

“Come una mostra che crea nuovi mercati, speriamo di proporre soluzioni che contribuiranno a una società in cui i valori e i comportamenti delle persone stanno cambiando rapidamente”, ha detto lunedì Kiyoshi Shikano, produttore esecutivo di CEATEC, quando lo spettacolo di elettronica era disponibile per i media.

Gli spettatori possono cercare sul sito web CEATEC le aziende per nome o argomento e visitare le pagine delle aziende. Le aziende hanno caricato video che spiegano i loro prodotti e comunicano con i visitatori tramite chat o e-mail.

Per simboleggiare la popolarità di ogni pagina, un’icona è allegata al banner di un’azienda elencato sul sito Web CEATEC quando molti visitatori stanno visualizzando la sua pagina aziendale.

Tra le aziende che attirano molti visitatori c’è Toshiba Corp., che espone la sua batteria solare simile a un film, leggera e flessibile che può essere installata su superfici curve e finestre, a differenza delle celle solari esistenti a base di silicio.

La nuova batteria ha raggiunto un’efficienza di conversione dell’energia paragonabile ai pannelli solari in polisilicio prodotti in serie a settembre e potrebbe aiutare ad aumentare l’uso di energia rinnovabile nelle aree urbane, secondo Toshiba, che sta anche mostrando una tecnologia in grado di riciclare l’anidride carbonica in carburante per l’aviazione.

NGK Insulators Ltd. espone la sua serie di batterie micro ricaricabili EnerCera. Uno di questi arriva fino a 459 millimetri quadrati e ha uno spessore di 0,45 mm.

Utilizzando una tale batteria insieme a un gadget per la raccolta di energia che raccoglie energia dall’ambiente circostante, comprese le vibrazioni e le differenze di temperatura, più dispositivi possono essere collegati alla tecnologia Internet of Things e alimentati da energia verde, ha affermato un portavoce di NGK.

Kyocera Corp. sta esponendo una boa in grado di raccogliere dati sull’ambiente marino per aiutare i ricercatori a studiare l’inquinamento e l’aumento della temperatura durante il riscaldamento globale.

La boa, alimentata dalle correnti di marea, è stata sviluppata in collaborazione con l’Università di Nagasaki.

Il produttore di condensatori Nichicon Corp. presenta vari prodotti in grado di inviare energia immagazzinata in veicoli elettrici o ibridi plug-in alle case, fornendo anche a quei tipi di veicoli energia solare prodotta in casa.

“Le auto caricate con il sistema possono funzionare senza utilizzare combustibili fossili e non emettono anidride carbonica”, ha detto il portavoce di Nichicon Fumio Yamashita. “Il sistema sta anche attirando l’attenzione come mezzo per prepararsi alla mancanza di energia in caso di calamità naturali”.

Oltre alle mostre, durante i quattro giorni sono in programma numerose conferenze online, comprese discussioni sulla neutralità del carbonio nel settore automobilistico.

Gli organizzatori avevano inizialmente pianificato di organizzare il CEATEC di quest’anno virtualmente e fisicamente presso il centro congressi in cui si tiene di solito nella prefettura di Chiba vicino a Tokyo. Tuttavia, il formato è stato cambiato a giugno a causa della recrudescenza dei casi di coronavirus.

La Japan Electronics and Information Technology Industries Association, uno degli organizzatori, ha affermato che 314 aziende e istituzioni, di cui 85 provenienti dall’estero, hanno presentato domanda per partecipare all’evento e sono attesi circa 150.000 visitatori online.

L’anno scorso ha attirato oltre 150.000 persone, con 356 aziende partecipanti.

Mitsubishi Fuso Truck and Bus Corp. è tra le 128 aziende che partecipano per la prima volta a CEATEC. La filiale giapponese della tedesca Daimler AG mostra il suo eCanter, il primo camion elettrico leggero al mondo in vendita nel 2017.


Copertura correlata:

Lo spettacolo di elettronica chiave del Giappone si terrà di nuovo online in mezzo alla pandemia

Lo spettacolo di elettronica online in Giappone mostra soluzioni per superare la pandemia






Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.