La pandemia è un duro colpo per la salute mentale e questo significa più bambini scomparsi | Francisco Garcia Leave a comment


Ti primi anni di vita non sono stati facili per Leo*. Sua madre era gravemente dipendente dalla droga, così come altri membri della sua famiglia. Ci furono periodi di abbandono e fu affidato alle cure della sua autorità locale quando era ancora un bambino molto piccolo. Ora 16, Leo vive in un alloggio semi-indipendente. Ma le sue difficoltà non sono svanite. Spesso si è sentito solo e non voluto. In diverse occasioni recenti, Leo è stato oggetto di una denuncia di scomparsa. Quando è stato visitato dagli assistenti sociali dopo il ritorno, la conversazione si è ripetutamente rivolta ai suoi problemi di salute mentale. Si sente giù per la maggior parte del tempo.

La storia di Leo non è unica, così come la crisi delle persone scomparse nel Regno Unito non è una novità: lo sono 170.000 persone denunciata scomparsa ogni anno, al ritmo di uno ogni 90 secondi. Più di 70.000 sono bambini e la maggioranza, come Leo, entra e scompare ripetutamente dalla vista, forse vivendo in famiglie assistite o instabili. Sebbene sia raramente possibile individuare una singola causa che porta a una scomparsa, la cattiva salute mentale è molto spesso un fattore che contribuisce in modo significativo. Un bambino su cinque soggetto a un’intervista di ritorno con l’ente di beneficenza Missing People ha rivelato informazioni su problemi di salute mentale.

Questo era vero molto prima della pandemia. Ma gli eventi degli ultimi 18 mesi hanno solo accelerato le tendenze esistenti. In un rapporto pubblicato dall’impresa sociale e benefica Catch-22, viene reso esplicito il legame tra la salute mentale dei bambini e gli episodi scomparsi. I suoi stessi dati hanno dimostrato che la salute mentale era un fattore in un terzo di tutti gli incidenti scomparsi di bambini segnalati tra aprile 2020 e aprile 2021. Le cifre più alte sono arrivate tra ottobre e dicembre 2020, nonostante il blocco e la chiusura delle scuole. Ma anche dopo la fine delle restrizioni, i tassi sono rimasti alti in modo allarmante.

Quando qualcuno torna dopo essere stato disperso, c’è un’inestimabile possibilità di capire cosa ha portato alla scomparsa in primo luogo. E la maggior parte delle persone scomparse, adulti o bambini che siano, tornano. Gli ultimi dati suggeriscono che 90% di bambini scomparsi sono di nuovo in vista entro 48 ore. La guida statutaria in Inghilterra e Galles ora afferma che a ciascuno di questi bambini rimpatriati dovrebbe essere offerto un servizio indipendente “colloquio di ritorno a casa” (noto come discussioni di ritorno in Scozia). Dovrebbero offrire la possibilità di un intervento, condotto da un organismo non di polizia fidato, come Catch-22 o Missing People.

La storia di Leo è una delle tante. Prendi un 15enne Alice*. Il suo rapporto con i suoi genitori era già irritabile e il blocco ha esacerbato le cose. Alice si è rapidamente isolata e ha trovato difficile l’apprendimento a distanza. Già vivendo con diverse condizioni neurodivergenti, si era sottoposta a un’enorme pressione per nascondere i suoi problemi di salute mentale alla sua famiglia. Anche dopo l’allentamento delle restrizioni, le discussioni sono continuate, principalmente incentrate sui compiti scolastici e sul vedere gli amici. Incapace di far fronte a casa, Alice è scomparsa ripetutamente e ha iniziato a farsi del male.

Chiaramente c’è qualcosa di profondamente rotto, in un anno in cui numeri da record di bambini e adolescenti sono stati indirizzati ai servizi di salute mentale in Inghilterra. Tra il 2020 e il 2021, i dati del NHS mostrano che ci sono stati 527.339 rinvii in totale, in crescita del 33% rispetto al 2019. Il quadro più ampio del Regno Unito è altrettanto preoccupante. All’inizio di dicembre, è stato rivelato che quasi 2.000 giovani in Scozia aspettava da più di un anno un appuntamento con i servizi di salute mentale per bambini e adolescenti: un aumento del 106% rispetto al 2020.

Le statistiche difficilmente rappresentano la vita di giovani sempre più vulnerabili come Leo e Alice. Per un consulente psichiatra infantile di Liverpool che ha parlato di recente alla BBC, il consistente gravità dell’autolesionismo è il peggiore che abbiano mai visto. In tempi di grave disagio, la probabilità di scomparire non fa che aumentare. La maggior parte dei giovani scomparsi potrebbe tornare “sana e in salute”, ma ce ne sono molti che non lo fanno. Uno su sette di coloro che hanno completato i colloqui di ritorno a casa con Missing People è stato sfruttato sessualmente.

Le crisi raramente emergono completamente formate durante la notte. Tendono a costruire negli anni. I tagli ai servizi di salute mentale per i bambini sono niente di nuovo, anche se gli effetti della pandemia hanno portato le cose a un punto di ebollizione non ignorabile. Ecco perché una delle raccomandazioni chiave di Catch-22 prevede l’accesso tempestivo al supporto professionale. Dopotutto, raccogliere dati scrupolosi dai rimpatriati è una cosa; trasformarlo in azione è tutt’altra cosa.

La nostra società è lacerata da disuguaglianze profonde, e il mondo delle persone scomparse non è diverso. Per i bambini che vivono con problemi di salute mentale, in condizioni di povertà o che entrano ed escono dal sistema di assistenza, il rischio di scomparsa è notevolmente aumentato. Queste non sono domande accademiche: la posta in gioco difficilmente potrebbe essere più alta. Questa estate ha segnato il primo nella storia dei servizi mancanti di Catch-22. Un bambino con gravi problemi di salute mentale era stato denunciato per la scomparsa ed è stato successivamente scoperto che si era tolto la vita. Avevano appena 14 anni.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.