Italia: la polizia si muove contro gli attivisti anti-vaccini violenti | Notizie sulla salute Leave a comment


Di NICOLE WINFIELD, Associated Press

ROMA (AP) — Lunedì la polizia ha condotto perquisizioni in tutta Italia contro 17 attivisti anti-vaccini che sarebbero stati affiliati a una chat di Telegram che sposava la violenza contro figure governative, mediche e dei media per il loro sostegno alle restrizioni COVID-19.

La polizia di Torino ha affermato che la chat “Basta Dittatura” (Basta con la dittatura) ha avuto decine di migliaia di membri ed è stata un forum privilegiato per organizzare proteste contro il lasciapassare sanitario italiano.

Come molti paesi europei, l’Italia richiede alle persone di mostrare il cosiddetto Green Pass per cenare al chiuso, visitare musei e cinema e per i trasporti pubblici a lunga percorrenza. Il pass mostra la prova della vaccinazione, un recente test negativo o la guarigione dal COVID-19.

Le proteste sono diventate più acute dopo che l’Italia il mese scorso è diventata il primo paese occidentale a richiedere anche il pass per accedere ai luoghi di lavoro.

Cartoni politici

In una dichiarazione lunedì, la polizia ha affermato di aver monitorato per settimane la chat di Telegram, ora chiusa, e di aver identificato 17 estremisti che hanno minacciato, tra gli altri, il premier Mario Draghi.

“Altri bersagli ricorrenti erano anche la polizia, i medici, gli scienziati, i giornalisti e altri personaggi pubblici accusati di ‘schiavitù’ e ‘collaborazione’ con la ‘dittatura’ in atto”, afferma la nota.

Quasi tutti i fine settimana sono stati caratterizzati da proteste contro i vaccini e contro i pass verdi in Italia, incluso uno il 9 ottobre a Roma in cui gli estremisti hanno distrutto la sede del principale sindacato italiano. Una protesta lo scorso fine settimana a Milano ha visto l’attivista americano contro i vaccini, Robert F. Kennedy.

La scorsa settimana, il ministero dell’Interno ha emesso una guida ai dipartimenti di polizia a livello nazionale, consigliandoli di limitare le manifestazioni di protesta nei centri urbani congestionati. Il ministero ha riaffermato il diritto dei manifestanti di riunirsi, ma ha citato la potenziale minaccia alla sicurezza pubblica e il contagio nel raccomandare che le proteste siano consentite solo più lontano.

L’Italia, dove l’epidemia di coronavirus è scoppiata per la prima volta in Europa nel febbraio 2020, sta assistendo a un costante aumento del suo carico di lavoro giornaliero in mezzo a una nuova ondata di infezioni. Le autorità hanno registrato 62 casi ogni 100.000 abitanti la scorsa settimana, la terza settimana consecutiva di aumento dell’incidenza.

Ma l’Italia per ora sta facendo meglio di tanti altri paesi dell’Europa occidentale. A livello nazionale, la capacità dei letti ospedalieri è ben al di sotto della soglia critica e, mentre il bilancio ufficiale delle vittime in Italia di 132.775 rimane uno dei più alti in Europa, i decessi giornalieri sono rimasti sotto i 100 per mesi. Gli esperti citano l’obbligo del pass verde in Italia, i mandati continui delle maschere per interni e il tasso di vaccinazione relativamente alto: l’84% della popolazione di età superiore ai 12 anni è completamente vaccinato.

Copyright 2021 Il Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.