Infermieri del Victoria tra gli operatori sanitari che hanno perso il pagamento del COVID-19 dopo un ritardo amministrativo Leave a comment


Una rete ospedaliera di Melbourne ha accusato un “ritardo amministrativo” di sottopagare centinaia di dipendenti a cui era stato promesso un bonus extra durante la pandemia.

Ad alcuni lavoratori del fornitore di sanità pubblica Eastern Health, compresi gli infermieri del reparto COVID-19 del Box Hill Hospital, sono dovuti circa $ 2.000 in pagamenti dell’Hospital Surge Support Allowance.

A metà ottobre, quando i casi di COVID sono aumentati e gli ospedali sono stati travolti durante l’epidemia del Delta del Victoria, il il governo statale ha introdotto un pagamento aggiuntivo di $ 60 per turno per i lavoratori dell’ospedale pubblico e dell’ambulanza Victoria.

I pagamenti esentasse fino a $ 300 a settimana avrebbero fatto molta strada, hanno detto all’ABC diversi operatori della Eastern Health.

Consideravano i bonus una piccola ricompensa per essersi messi a rischio di contrarre il COVID-19 e per lavorare su lunghi turni con DPI completi.

Diversi membri dello staff della Eastern Health hanno dichiarato all’ABC di aver ricevuto due settimane di indennità questa settimana. Tuttavia, erano ancora dovute circa sei settimane di indennità come arretrato.

“Semplicemente non ti senti apprezzato”, ha detto un’infermiera.

“Ci stiamo mettendo in pericolo… centinaia di noi non sono stati pagati [the allowance]”, ha detto un altro.

Gli infermieri hanno detto che i pericoli del lavoro sono stati evidenziati questa settimana con il morte di un’infermiera del pronto soccorso dell’Eastern Health, che ha contratto il COVID-19.

La donna con le labbra rosa sorride alla macchina fotografica.
Gillian “Jill” Dempsey è morta domenica pomeriggio nel reparto di terapia intensiva del Box Hill Hospital.(In dotazione: Gofundme)

Ritardo amministrativo da incolpare per i ritardi di pagamento, afferma Eastern Health

In una dichiarazione, un portavoce dell’Eastern Health ha affermato che il personale ha ricevuto puntualmente gli stipendi regolari, ma che c’è stato “un ritardo amministrativo nel pagamento dell’indennità di emergenza sanitaria”.

“Questo viene corretto con l’emissione di arretrati nel prossimo periodo di paga”, ha detto un portavoce.

Eastern Health non ha risposto alle domande su quanto personale fosse stato colpito attraverso la sua rete, che include ospedali a Box Hill, Ringwood East, Upper Ferntree Gully e Healesville.

La segretaria vittoriana dell’Australian Nursing and Midwifery Federation (ANMF), Lisa Fitzpatrick, ha affermato che è “frustrante” che alcuni ospedali abbiano impiegato così tanto tempo per pagare l’indennità.

“Non possiamo capire perché alcuni servizi sanitari abbiano impiegato più di sette settimane per attuare il pagamento dell’indennità”, ha affermato.

“L’indennità di sostegno ospedaliero è un importante pacchetto da 255 milioni di dollari [that] L’ANMF ha negoziato con il governo di Andrews per garantire che infermieri e ostetriche – e altri – si prendano cura dei pazienti e svolgano altri ruoli nei servizi sanitari in prima linea contro la pandemia, non si sentono dati per scontati”.

I pagamenti dei bonus scadranno a febbraio.

Molti lavoratori degli ospedali privati, che hanno assunto pazienti COVID-19 dal sistema pubblico, sono rimasti sconvolti per non aver ricevuto l’indennità.

Il sindacato degli infermieri ha affermato che stava facendo pressioni sul governo statale per fornire l’indennità per il personale ospedaliero privato, insieme all’assistenza agli anziani pubblica e agli operatori della salute mentale.

Il governo del Victoria è stato contattato per un commento.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.