In prova, le Nazioni Unite eludono i talebani per pagare gli operatori sanitari afgani Leave a comment


NAZIONI UNITE, 10 novembre (Reuters) – Il Nazioni Unite ha pagato quasi 8 milioni di dollari di stipendi a circa 23.500 operatori sanitari in tutto il mondo Afghanistan nell’ultimo mese, aggirando la corsa dei talebani ministero della salute in un caso di prova per iniettare la liquidità tanto necessaria in una terribile economia afghana.

L’agenzia di sviluppo delle Nazioni Unite UNDP e l’organizzazione di assistenza sanitaria del Fondo globale hanno collaborato per far risorgere un programma che era stato finanziato dalla Banca mondiale fino a quando non ha sospeso l’assistenza quando i talebani ad agosto ha estromesso il governo afghano appoggiato dall’Occidente.

Le Nazioni Unite sono state lottando per ottenere abbastanza denaro in Afghanistan per aiutare a fornire aiuti umanitari a milioni di persone sull’orlo della carestia e prevenire il collasso dell’economia e dei servizi sanitari e dell’istruzione.

“Qualcuno ha dovuto intervenire. Ci siamo confrontati non solo con un sistema sanitario che stava crollando, ma anche con un sistema finanziario che stava crollando”, ha detto a Reuters il direttore regionale dell’UNDP per l’Asia e il Pacifico, Kanni Wignaraja.

“Global Fund si è assunto il rischio finanziario, abbiamo preso il rischio di implementazione per realizzare questi pagamenti”, ha affermato. “Abbiamo dimostrato che è possibile, può funzionare… fa molto per salvare almeno l’economia della gente nel paese”.

Il Fondo globale ha fornito 15 milioni di dollari, di cui quasi 8 milioni sono stati utilizzati per gli stipendi, mentre gran parte del resto è stato speso per fornire attrezzature mediche di base, farmaci essenziali e forniture. L’UNDP ha studiato come portare i fondi nel paese e nelle mani degli operatori sanitari in 31 delle 34 province dell’Afghanistan.

Wignaraja ha detto che l’UNDP ha trasferito parte del denaro all’Afghanistan International Bank e quindi ha utilizzato un grande fornitore di servizi di denaro, che l’UNDP ha rifiutato di identificare per motivi di sicurezza, per distribuire il resto.

‘PROVA ABBASTANZA PAZZESCA’

Gli operatori sanitari pagati finora – che lavorano in quasi 2.200 strutture sanitarie – hanno avuto denaro depositato su conti bancari, mentre altri 2.500 operatori sanitari saranno a breve pagati in contanti perché si trovano in zone remote.

“Ha dato speranza a queste famiglie. Ha riacceso i servizi sanitari”, ha detto Wignaraja, aggiungendo che il programma sarà ora gestito dall’Organizzazione mondiale della sanità e dall’agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia UNICEF per i prossimi tre mesi.

“Senza questo, avresti letteralmente tutti i medici, gli infermieri, i tecnici afgani, che attraversano i confini”, ha aggiunto.

Durante quel periodo Wignaraja ha detto che le Nazioni Unite avrebbero parlato con la Banca Mondiale per vedere se fosse poi in grado di riprendere il programma o trovare una soluzione ibrida se la banca non fosse in grado di ottenere le approvazioni necessarie per farlo.

Da quando i talebani hanno preso il potere, l’economia è entrata in crisi. Le banche afgane hanno fatto molto affidamento sulle spedizioni fisiche di dollari USA, che si sono fermate, mentre miliardi di dollari in attività afgane sono state congelate all’estero. Gli aiuti allo sviluppo sono stati sospesi poiché donatori e istituzioni cercano di evitare di violare le sanzioni unilaterali e dell’ONU e di utilizzarli come leva sui talebani.

Wignaraja ha affermato che il pagamento degli stipendi degli operatori sanitari nell’ultimo mese ha contribuito alla riapertura di alcune banche.

“Nel momento in cui si avvia l’attività economica della comunità locale e le persone sono in grado di depositare denaro e prendere denaro, queste banche sono in grado di aprire le proprie filiali locali”, ha affermato.

Dopo aver dimostrato che potrebbe funzionare, le Nazioni Unite continueranno a utilizzare il sistema bancario formale e i fornitori di servizi monetari per portare contanti in Afghanistan per i prossimi mesi, ha detto Wignaraja, anche se ha aggiunto che anche le agenzie delle Nazioni Unite stanno valutando la necessità di portare dollari USA in Paese.

“Questo è stato per noi un test piuttosto folle del sistema”, ha detto dei pagamenti agli operatori sanitari, aggiungendo che sperava che i donatori internazionali lo stessero “osservando molto da vicino”.

Segnalazione di Michelle Nichols; Montaggio di Mary Milliken e Richard Pullin

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.