Il tasso di mortalità fetale raggiunge il minimo record negli Stati Uniti | Comunità più sane Notizie sulla salute Leave a comment


Il tasso di mortalità fetale negli Stati Uniti ha raggiunto un minimo record nel 2019 ed è diminuito di quasi il 25% dal 1990, secondo un nuovo rapporto dei Centers for Disease Control and Prevention.

Nel rapporto, pubblicato martedì, i ricercatori del National Center for Health Statistics del CDC affermano che mentre la preoccupazione del pubblico spesso si concentra sul problema della mortalità infantile – o il morte di un bambino prima del loro primo compleanno – la mortalità fetale è “un problema di salute pubblica importante ma spesso trascurato”. La morte fetale si riferisce alla morte intrauterina di un feto: può verificarsi a qualsiasi età gestazionale ed è un termine “tutto compreso” che mira a “porre fine alla confusione derivante dall’uso di termini come natimortalità, aborto spontaneo e aborto spontaneo”. secondo il rapporto. Non include un’interruzione della gravidanza indotta, come un aborto.

Mentre “la stragrande maggioranza delle morti fetali si verifica all’inizio della gravidanza”, afferma l’analisi, gli stati in genere richiedono la segnalazione di quelle che si verificano una volta che un feto raggiunge almeno 20 settimane di gestazione. Nel 2019, un totale di 21.478 di questi decessi si è verificato negli Stati Uniti a un tasso di 5,7 per 1.000 nati vivi e morti fetali, un “minimo storico”, secondo il rapporto. Il tasso era del 3% inferiore al segno di 5,89 nel 2018 e del 24% inferiore al segno di 7,49 nel 1990. I funzionari hanno dati sulla mortalità fetale risalenti al 1942.

Il tasso di mortalità fetale nel 2019 è stato più alto tra le donne nere a 10,41 per 1.000 nati vivi e morti fetali, con un calo statisticamente insignificante verificatosi tra il 2018 e il 2019. Il tasso tra le donne bianche è diminuito del 4% anno su anno da 4,89 a 4,71, mentre il tasso tra le donne ispaniche è diminuito del 5% da 5,06 a 4,79. Il tasso di mortalità fetale era più basso tra le donne asiatiche a 4.02.

Altre differenze notevoli nella mortalità fetale si sono verificate per età e posizione. I tassi erano più alti tra le madri di età compresa tra 40 e 44 anni (9,06) e di età pari o superiore a 45 anni (9,79), e più bassi tra le madri di età compresa tra 30 e 34 anni (5,09).

Tra gli stati, Mississippi ha avuto il più alto tasso di mortalità fetale nel 2019 a 9,41, mentre il tasso era più basso in Nuovo Messico alle 3.00. Questi due stati hanno anche visto i tassi più alti e più bassi di mortalità fetale a 24 settimane o più di gestazione per gli anni combinati dal 2017 al 2019 – un’analisi inclusa nel rapporto per aiutare ad affrontare potenziali problemi di affidabilità statistica e vari requisiti di segnalazione dell’area.

I ricercatori hanno anche affermato che il tasso di morte fetale era più di 1,5 volte superiore tra le donne che fumavano durante la gravidanza (8,52) rispetto a quelle che non lo facevano (5,06).

Tra oltre 15.600 decessi fetali in 42 stati e nel Distretto di Columbia nel 2019, il rapporto afferma che il 31,3% dei decessi era dovuto a cause non specificate; il 25,5% proveniva da complicazioni della placenta, del midollo e della membrana; il 12,5% proveniva da complicazioni materne della gravidanza; il 10,3% proveniva da condizioni materne che potrebbero non essere state correlate alla gravidanza; e un altro 10,3% era legato a malformazioni congenite.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.