Il talento degli eSport in Corea del Sud riceve impulso dai grandi affari, allentando il divieto di gioco Leave a comment


SEOUL, 28 ottobre (Reuters) – L’adolescente sudcoreano Yoon Ki-chan dorme solo tre ore al giorno ma ne trascorre più del triplo giocando ai giochi online – con la benedizione dei suoi genitori e insegnanti – mentre sogna di diventare un top giocatore professionista di League of Legends.

Yoon e i suoi colleghi sono la prossima generazione di giocatori in Corea del Sud, una potenza di eSport in rapida crescita i cui giocatori hanno vinto sei volte il campionato mondiale di League of Legends di Riot Games dall’inizio dell’evento di eSport più seguito nel 2011.

Beneficeranno anche dell’annuncio del paese ad agosto che abolirà una legge decennale che vieta ai minori di 16 anni di giocare ai giochi online sui computer da mezzanotte alle 6 del mattino, a fronte di un crescente consenso sul fatto che i giovani utilizzino sempre più il proprio cellulare telefoni invece.

“Ho sofferto molto per la legge sullo spegnimento. Di solito non dormo molto, quindi ho studiato diverse cose durante le ore di spegnimento. Se non fosse stato per la legge, avrei potuto essere un giocatore migliore ormai”, ha detto Yoon, che dice di poter giocare almeno quattro ore in più ora da quando ha compiuto 16 anni quest’anno.

La mossa della Corea del Sud è in contrasto con quella della Cina, il più grande mercato mondiale di eSport, che a fine agosto ha drasticamente limitato il tempo sotto i 18 anni può spendere in videogiochi per un semplice tre ore a settimana. Per saperne di più

Anche gli eSport saranno presentati per la prima volta come sport da medaglia al Giochi Asiatici ad Hangzhou l’anno prossimo.

“La regolamentazione del gioco cinese potrebbe essere una buona opportunità per noi per rafforzare e riconquistare l’iniziativa di eSport”, ha affermato Park Se-woon, vicepresidente della Seoul Game Academy che offre programmi per coltivare i professionisti.

Park ha affermato che l’accademia privata ha visto un salto di 30 volte nelle consultazioni quotidiane da quando ha iniziato questo programma nel 2016.

Apatia del governo?

Nonostante il crescente status internazionale e l’interesse tra i potenziali giocatori professionisti, il sostegno del governo all’industria degli eSport, stimato nel 2020 in circa 17,9 trilioni di won (15,2 miliardi di dollari), è stato scarso, affermano gli esperti.

Gli eSport e il settore dei giochi hanno ricevuto 67,1 miliardi di won dei 604,4 trilioni di budget nazionali per il prossimo anno.

Ma il ministero della Cultura, dello Sport e del Turismo vuole fare di più, soprattutto in vista di competizioni organizzate come i Giochi asiatici, ha detto un funzionario senza fornire dettagli.

Nel frattempo, lo spazio è stato riempito con investimenti da grandi imprese e istituti di istruzione privati.

Macchina per spaghetti istantanei Nongshim Co Ltd (004370.KS) ha lanciato il suo team di gioco professionale League of Legends, Nongshim RedForce, alla fine dello scorso anno, unendosi ad altri conglomerati sudcoreani che hanno visto il potenziale nel settore.

Tra questi ci sono SK Telecom Co Ltd di SK Group (017670.KS), Hyundai Motor Co (005380.KS) affiliato Kia Corp (000270.KS), Hanwha Life Insurance di Hanwha Group (088350.KS) e KT Corp (030200.KS).

“L’industria degli eSport ha continuato a crescere, ma le misure di sostegno guidate dallo stato sono state deboli, con sponsorizzazioni aziendali e accademie private che hanno principalmente guidato il settore”, ha affermato Oh Ji-hwan, CEO di Nongshim E-Sports.

Oh, ha affermato che le aziende considerano la scena degli eSport come una piattaforma per raggiungere le generazioni più giovani e migliorare l’immagine del proprio marchio.

Il team T1, sostenuto da SK Telecom, su cui gioca “Faker”, il più famoso giocatore di League of Legends di tutti i tempi, ha aperto la sua accademia di eSport il mese scorso. Il programma di 20 settimane costa 5,6 milioni di won, ma le domande stanno arrivando.

Finora, c’è solo una scuola in Corea del Sud con gli eSport nel suo curriculum accademico volto a promuovere i giocatori professionisti. L’adolescente Yoon fa un viaggio di andata e ritorno di due ore alla Eunpyeong Meditech High School ogni giorno per rafforzare le sue possibilità di giocatore professionista.

Oh di Nongshim afferma che il supporto per i talenti del gioco sia dal governo che dal settore privato è fondamentale poiché il mercato della Corea del Sud non sarà mai grande come quello degli Stati Uniti o della Cina.

“Concentrarsi sul talento è la chiave”, ha detto. “L’accumulo di know-how per lo sviluppo dei talenti dovrebbe essere la nostra forza”.

(1$ = 1.177,23 vinti)

Segnalazione di Joori Roh; Montaggio di Karishma Singh

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.