Il Massachusetts dovrebbe adottare una legge sul diritto alla riparazione per l’elettronica? Leave a comment


Nathan Proctor
Nathan ProctorKimball Nelson

Quando qualcosa si rompe, lo aggiusti. Questo è solo buon senso.

Da bambino, ho passato molti sabati ad aiutare mio padre a riparare elettrodomestici, giocattoli, mobili, qualsiasi cosa. Potevamo ordinare le parti di cui avevamo bisogno e avevamo manuali di servizio per tutti i nostri elettrodomestici. Questo perché non molto tempo fa, la maggior parte dei beni di consumo e dei prodotti aziendali veniva fornita con un manuale di servizio completo ed era facilmente riparabile con parti ampiamente disponibili.

In questi giorni, i produttori di qualsiasi cosa, dai tostapane ai trattori, trattengono i manuali, le parti e gli strumenti di servizio di cui le persone hanno bisogno per aggiustare le cose. Quando solo il produttore ha accesso a ciò di cui hai bisogno, costringe i consumatori a tornare dal produttore o dal loro fornitore di servizi “autorizzato”, dove possono addebitarti quello che vogliono o spingerti ad acquistare un aggiornamento.

Questo sta alimentando un allarmante problema dei rifiuti. I residenti di Bay State sostituiscono ogni giorno 8.000 cellulari, in base ai dati del 2009, ei rifiuti elettronici sono il flusso di rifiuti in più rapida crescita al mondo. È assurdo che trattiamo tanti prodotti come usa e getta. È anche una minaccia ecologica.

Poiché i materiali minerari e la produzione di smartphone richiedono un’elevata intensità energetica, l’elettronica usa e getta minaccia il clima. Il PIRG statunitense ha calcolato che se la Bay Staters utilizzasse in media i propri telefoni cellulari per un anno in più, avrebbe benefici climatici equivalenti a togliere dalla strada 13.300 auto. È fondamentale che ripariamo e non sostituiamo.

Non solo fa bene al pianeta, la riparazione può far risparmiare un sacco di soldi ai consumatori. Stimiamo che riparare invece di sostituire la nostra elettronica farebbe risparmiare alla famiglia media del Massachusetts $ 330 all’anno, che ammontano a più di $ 850 milioni per tutte le famiglie dello stato.

Da quando il Massachusetts ha aperto la strada e ha approvato le prime regole sul diritto alla riparazione per le auto nel 2012, entrate in vigore nel 2014, sono aumentate le richieste di estendere questi diritti ad altri prodotti. Ora, dopo sei anni di discussione sulla questione, i legislatori statali possono ottenere ciò per le riparazioni elettroniche approvando la legislazione in sospeso a Beacon Hill. La Federal Trade Commission ha indagato sul diritto alla riparazione e ha scoperto che c’erano “poche prove” per giustificare le restrizioni di riparazione dei produttori.

Abbiamo aspettato abbastanza a lungo per queste riforme di buon senso. È tempo di sistemare le nostre leggi in modo che possiamo sistemare le nostre cose – e il Massachusetts dovrebbe prendere l’iniziativa come abbiamo fatto con le auto.

NO

Dustin Brighton

Direttore della Repair Done Right Coalition

Dustin Brighton
Dustin BrightonDispensa

La pandemia in corso ha chiarito che i dispositivi elettronici sicuri sono fondamentali per le nostre vite. La legislazione che ha un impatto su tali dispositivi dovrebbe quindi essere esaminata attentamente, in particolare quando l’effetto crea nuove vulnerabilità per i residenti del Massachusetts e mina la cultura dell’innovazione che rafforza lo stato.

I legislatori statali stanno attualmente valutando una legislazione che imponga ai produttori di elettronica di trattare le officine di riparazione non addestrate o certificate per riparare i loro prodotti allo stesso modo della rete di riparazione autorizzata del produttore.

I produttori investono in solide reti di riparazione autorizzate che consentono ai consumatori di riparare i loro prodotti, fornendo al contempo la garanzia che i tecnici siano adeguatamente formati, utilizzino parti originali e siano ritenuti responsabili in caso di riparazioni errate. Ma la legislazione minerebbe questi sforzi imponendo ai produttori di fornire a officine di riparazione non addestrate informazioni tecniche su migliaia di dispositivi connessi a Internet senza alcuna protezione, requisito o restrizione su chi potrebbe accedere a informazioni sensibili del produttore o dei consumatori.

L’approvazione di questa legislazione porterebbe a nuove vulnerabilità per i Bay Stater, compresi i rischi per la sicurezza. Molti dispositivi elettronici moderni utilizzano batterie agli ioni di litio e consentire a terze parti non addestrate di aprire i dispositivi per sostituire queste batterie potrebbe causare lesioni gravi. La Commissione per la sicurezza dei prodotti dei consumatori degli Stati Uniti ha avvertito quest’anno che le celle della batteria al litio ricaricabili se maneggiate dai consumatori “possono surriscaldarsi e subire fughe termiche, incendiando i materiali interni delle celle ed espellendo con la forza il contenuto in fiamme, provocando incendi, esplosioni, lesioni gravi e persino la morte”.

Questa legislazione indebolirebbe anche la cultura dell’innovazione che rafforza l’economia del Massachusetts. I produttori di tutte le dimensioni effettuano investimenti significativi nello sviluppo di dispositivi elettronici e la protezione della proprietà intellettuale è un aspetto legittimo e importante per sostenere la salute di tutte le industrie. Fornire a strutture di riparazione non autorizzate l’accesso alla proprietà intellettuale dei produttori senza garanzie contrattuali crea rischi per produttori, fornitori, distributori e reti di riparazione e potrebbe avere un effetto raggelante sulle startup del Massachusetts che sognano la prossima generazione di dispositivi connessi.

Le fatture del mandato di riparazione devono ancora diventare legge in qualsiasi legislatura statale in cui sono state presentate, poiché i responsabili politici riconoscono che la modifica della legge comprometterebbe le opzioni di riparazione sicure, sicure e affidabili del produttore su cui fanno affidamento i loro elettori. I residenti del Massachusetts meritano una riparazione fatta bene. Esortiamo il legislatore a respingere la legislazione sul mandato di riparazione.

Come detto al corrispondente del Globe John Laidler. Per suggerire un argomento, si prega di contattare layler@globe.com.

Questa non è un’indagine scientifica. Si prega di votare solo una volta.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *