Il governo esaminerà gli schemi PLI per le aziende di elettronica Leave a comment


Il governo è pronto ad avviare una revisione completa del suo ambizioso incentivo legato alla produzione (DI PIÙ) schemi sulla produzione elettronica, hanno detto i funzionari. La revisione arriva tra le crescenti preoccupazioni che anche l’obiettivo già abbassato di $ 250- $ 300 miliardi per la produzione locale entro il 2026 potrebbe essere difficile da raggiungere, date la pandemia e le sfide legate alla politica.

“Ci è stato chiesto di fornire una tabella di marcia dettagliata su come raggiungere l’obiettivo di 250-300 miliardi di dollari per la produzione elettronica entro il 2026”, ha detto un alto funzionario del governo a ET.

Il funzionario ha aggiunto che tra gli schemi, sotto particolare attenzione c’è quello sull’hardware IT. Ciò viene fornito con la tiepida risposta allo schema con le aziende che si impegnano a raggiungere solo la metà degli obiettivi di produzione previsti.

Anche la produzione di telefoni cellulari, che dovrebbe contribuire alla maggior parte del 40% dell’obiettivo e ha registrato i primi guadagni, potrebbe non raggiungere gli obiettivi a lungo termine, se problemi come la riduzione della GST e la proliferazione del 5G non vengono affrontati, hanno affermato i dirigenti del settore che hanno incontrato funzionari.

Il ministro di stato per l’elettronica, Rajeev Chandrasekhar, ha chiesto ai funzionari del ministero di elettronica e Information Technology (MeitY) per capire cosa è necessario fare per raggiungere gli obiettivi prefissati entro il 2026, affermano i funzionari.

A MeitY è stato chiesto di verificare in particolare se sono necessarie modifiche per rendere più attraente lo schema PLI esistente per l’hardware IT o se è necessario creare un nuovo schema.

Il governo, pur annunciando la politica nel febbraio di quest’anno, aveva stabilito un esborso di 7,325 crore per raggiungere una produzione totale di ₹ 3,26 lakh crore. Tuttavia, i partecipanti che includevano le major manifatturiere Dell, Flex, Foxconn e Wistron hanno impegnato una produzione per un valore di soli 1,60 lakh crore, circa la metà dell’obiettivo.

Apple, uno dei principali produttori di tablet e laptop, ha sbagliato completamente questo schema. L’iconica major degli smartphone, attraverso i suoi produttori a contratto, è il principale motore del programma PLI per i telefoni cellulari, impegnandosi per l’80% delle esportazioni totali previste attraverso il programma.

La politica relativa a dispositivi udibili e indossabili, che contribuiranno a circa 7 miliardi di dollari entro il 2026, deve ancora vedere la luce del giorno, hanno osservato i dirigenti del settore.

“I 250 miliardi di dollari entro il 2026 avranno bisogno di molti pezzi strategici per riunirsi in perfetta armonia”, ha affermato Pankaj Mohindroo, presidente dell’India Cellular and Electronics Association (ICEA).



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.