Il consiglio del Texas adotta materiale sull’educazione sessuale ma rifiuta i libri di testo sulla salute per gli studenti delle elementari Leave a comment


Per ora, non ci saranno materiali didattici sulla salute adottati dallo stato per le 6.700 scuole elementari dello stato.

Con una svolta sorprendente, venerdì il Texas State Board of Education ha invertito la sua decisione all’inizio della settimana approvando una serie di materiali sanitari per le scuole medie e superiori che includevano argomenti molto dibattuti sull’educazione sessuale. Tra le modifiche apportate dall’editore per ottenere l’approvazione c’era la rimozione di contenuti sulla fluidità di genere e l’elevazione dell’astinenza rispetto alla contraccezione in varie sezioni.

Tuttavia, con un voto di 6-6, il consiglio di stato non ha concesso l’autorizzazione finale ai materiali sanitari elementari, nonostante martedì abbia dato l’approvazione preliminare per una serie di corsi online rivolti dalla scuola materna alla quinta elementare.

È stata una svolta notevole per il consiglio partigiano di 15 membri, e uno che almeno un membro credeva fosse fatto per placare quelli nelle più alte cariche dello stato.

Il membro del consiglio Marisa Perez-Diaz, D-Converse, ha espresso la sua frustrazione durante l’incontro, dicendo ai colleghi che era “davvero confusa su dove si trova questo corpo in termini di come supportiamo i nostri studenti”.

Dopo l’incontro, Perez-Diaz ha definito la serie di incontri di una settimana “molto politica” e non focalizzata sui bisogni dei 5,5 milioni di studenti dello stato.

“Sono in perdita…” disse. “Ora abbiamo lasciato le nostre scuole elementari e gli studenti delle scuole e quei distretti che vogliono offrire l’educazione sanitaria come opzione per le famiglie senza risorse ora”.

Durante la deliberazione sui materiali della scuola media e superiore, il membro del consiglio Tom Maynard, R-Florence, ha accennato a tale pressione, affermando che “l’ufficio del governatore è molto preoccupato per noi che non adottiamo nulla, e poi lasciamo i distretti scolastici per trovare il loro modo.”

Martedì, il consiglio ha discusso quattro serie di materiali presentati per insegnare i recenti cambiamenti negli standard sanitari dello stato. Poi è apparso come se i materiali elementari – realizzati dall’editore QuaverEd – sarebbero stati gli unici elementi a ottenere l’approvazione, soprattutto perché i testi non affrontavano in alcun modo l’educazione sessuale.

La stragrande maggioranza degli oltre 50 oratori pubblici questa settimana si è scagliata contro i materiali online delle scuole medie e superiori, offrendo le proprie obiezioni su come quei testi presentassero argomenti come l’identità di genere, l’aborto, la masturbazione e l’eccitazione sessuale.

I contenuti online di QuaverEd, progettati per gli studenti della scuola primaria e secondaria e che trattano argomenti come la salute mentale, il processo decisionale responsabile, una dieta equilibrata e una buona igiene, hanno ricevuto l’approvazione preliminare martedì con un voto di 7-6.

Dopo gli ostacoli iniziali, i corsi sono stati rivisti da QuaverEd per rispondere alle preoccupazioni espresse dal consiglio all’inizio della settimana.

QuaverEd ha rimosso una componente di apprendimento socio-emotivo dal suo sistema online in cui gli studenti avrebbero risposto a un sondaggio sul loro benessere emotivo e fisico con l’uso di emoji. Alcuni membri del consiglio e oratori pubblici erano preoccupati che le informazioni sulla salute mentale sarebbero state utilizzate per tenere traccia degli studenti o sarebbero state a rischio di estrazione di dati.

L’editore ha assicurato al consiglio che tale tracciamento e raccolta di dati non sarebbe avvenuto, eliminando per precauzione il sondaggio giornaliero. QuaverEd ha anche rimosso alcuni passaggi sul suicidio e l’autolesionismo dai vecchi corsi elementari.

Ma quando i materiali di QuaverEd sono arrivati ​​alla votazione finale venerdì, Will Hickman, R-Houston, ha ribaltato il suo voto. Gli sforzi per raggiungere Hickman per un commento non hanno avuto successo.

Il consiglio ha accettato le modifiche apportate ai materiali delle scuole medie e superiori da un editore, Goodheart Wilcox, approvando i corsi online con un voto di 10-3. Il consiglio in precedenza ha respinto quei libri di testo su un pareggio 7-7.

Il presidente del consiglio di amministrazione Keven Ellis, R-Lufkin, ha affermato che l’editore ha apportato modifiche significative a ciò che sarebbe stato incluso nel corso online.

Il membro del consiglio Matt Robinson, R-Friendswood, ha notato di aver ricevuto un messaggio da un ministro metodista in pensione che insegnava un corso di educazione sessuale a studenti delle scuole superiori, incoraggiandolo a votare per l’approvazione.

Robinson ha ricordato ad altri membri che l’adozione statale dei corsi online non avrebbe leso i diritti dei genitori, dal momento che una nuova legge statale ha creato un requisito obbligatorio di “opt-in” per l’educazione sessuale. I distretti scolastici sono ora tenuti a ottenere il consenso scritto dei genitori o dei tutori prima di poter impartire qualsiasi istruzione sull’educazione sessuale.

I distretti scolastici saranno ora nella posizione di dover garantire di insegnare tutti gli standard sanitari richiesti – chiamati Texas Essential Knowledge and Skills, o TEKS – senza un libro di testo approvato dallo stato su cui fare affidamento.

Il personale della Texas Education Agency ha ricordato ai membri del consiglio che le scuole sono tenute a garantire che i materiali didattici soddisfino il 100% dei TEKS richiesti in ogni corso, ad eccezione dell’educazione fisica. È una mossa che i distretti devono fare prima di poter accedere ai finanziamenti statali per i materiali didattici.

I distretti dovranno ora controllare i propri libri di testo di salute elementare. Inoltre, dovranno garantire che qualunque cosa scelgano soddisfi gli standard di accessibilità, come avere materiali in braille, caratteri grandi e audio. Questo processo può arrivare fino a $ 130.000 per titolo, ha affermato lo staff.

Il DMN Education Lab approfondisce la copertura e la conversazione su questioni educative urgenti fondamentali per il futuro del Texas settentrionale.

Il DMN Education Lab è un’iniziativa giornalistica finanziata dalla comunità, con il supporto di The Beck Group, Bobby e Lottye Lyle, Communities Foundation of Texas, The Dallas Foundation, Dallas Regional Chamber, Deedie Rose, The Meadows Foundation, Solutions Journalism Network, Southern Methodist Università e Fondazione della famiglia Todd A. Williams. Il Dallas Morning News mantiene il pieno controllo editoriale del giornalismo dell’Education Lab.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.