Il cane da guardia del gioco esorta il Premier a chiamare l’inchiesta sul riciclaggio di denaro delle slot machine Leave a comment


La lettera è stata distribuita al Premier e a membri selezionati del gabinetto, tra cui il ministro responsabile per i giochi, Victor Domininello, e il ministro della polizia David Elliott.

“La nostra preoccupazione è che la criminalità organizzata approfitti della diffusione del gioco
macchine in tutto il NSW, nel contesto di questa lacuna normativa, nel perseguire il suo riciclaggio di denaro
attività”, ha scritto Crawford.

Ha detto che un’inchiesta pubblica dovrebbe avere il potere di esaminare la prevalenza e i casi di riciclaggio di denaro tramite slot machine, l’adeguatezza delle leggi e delle misure esistenti all’interno dei pub e dei club per combatterlo e se il problema del gioco d’azzardo con le macchine da poker potrebbe essere meglio arginato.

La richiesta di una commissione d’inchiesta, e il fatto che sia fortemente sostenuta da ILGA e dalla polizia del NSW, è stato un punto chiave all’ordine del giorno dell’ultima riunione del gabinetto di lunedì prima della pausa estiva.

Il Premier la scorsa settimana ha ricevuto un briefing dalla polizia del NSW e dall’ILGA che presentava i risultati di una recente indagine da parte degli investigatori della squadra criminale organizzata.

Se il governo agisce su consiglio di Mr Crawford, lo mette in potenziale rotta di collisione con Clubs NSW, che ha presentato una serie di proposte di misure per contrastare il riciclaggio di denaro prima della riunione del gabinetto.

In base alla proposta di Clubs NSW, il commissario di polizia del NSW avrebbe il potere di emettere ordini di esclusione dai club su presunti riciclatori di denaro, mentre verrebbe introdotta una linea sicura per le segnalazioni alla polizia e un codice di condotta obbligatorio del settore per le sedi di gioco.

Ne segue a Araldo un’indagine che la scorsa settimana ha rivelato che 10 slot di “mini casinò” di Sydney erano stati presi di mira da sospetti riciclatori di denaro professionisti che pulivano milioni di dollari in contanti sporchi.

Il regolatore del gioco d'azzardo del NSW Phil Crawford.

Il regolatore del gioco d’azzardo del NSW Phil Crawford. Credito:Wolter Peeters

Questa testata e 60 minuti il mese scorso ha rivelato le prove della CCTV di un sindacato di riciclaggio di denaro che puliva decine di migliaia di dollari nei luoghi di gioco del centro città e ha diffuso affermazioni dal capo investigatore del gioco del NSW, David Byrne, che centinaia di milioni di dollari di fondi sporchi venivano lavati attraverso i pub e club.

I sostenitori della riforma hanno respinto la proposta di Clubs NSW come tentativo di impedire un’inchiesta giudiziaria, dato che i club sono già autorizzati a rimuovere o vietare le persone sospettate di riciclaggio di denaro nei loro locali secondo le leggi vigenti, compresi i membri del club.

Mentre un club potrebbe essere sfidato per limitare una persona prima che un’accusa sia dimostrata, un portavoce di Liquor and Gaming NSW ha affermato che sosterrà “qualsiasi proposta ragionevole da parte di Clubs NSW per vietare i clienti sospettati di cattiva condotta criminale”.

Una portavoce di ClubsNSW ha dichiarato: “Sembra inutile che si tenga anche un’inchiesta statale” perché era in corso un’inchiesta federale sul regime antiriciclaggio australiano e il governo federale era responsabile della lotta al riciclaggio di denaro.

Il reverendo Tim Costello, sostenitore della riforma del gioco d’azzardo, ha affermato di ritenere che ci fossero “molte buone possibilità” che Perrottet si impegnasse in un’inchiesta giudiziaria.

“So che ci saranno burattini dalla parte della Coalizione interamente di proprietà dei club. Spero che il Premier resista. E inviterei il leader dell’opposizione del NSW Chris Minns a offrire supporto bipartisan perché laburisti e governo sono ugualmente all’ombra di questo settore”.

Il premier del NSW Dominic Perrottet.

Il premier del NSW Dominic Perrottet.Credito:Kate Geraghty

Si prevede che il NSW Labor non si opporrà a un’indagine, soggetto a termini di riferimento ragionevoli e di ampia base.

Il problema dei test ha diviso il governo del NSW e ha accelerato le pressioni del settore per privare il ministro del servizio clienti Victor Dominello di liquori e giochi, mentre il Premier finalizza un rimpasto tanto atteso.

Fonti del governo e dell’industria affermano che il ministro del Lavoro e del Commercio Stuart Ayres ha espresso a lungo il desiderio di detenere liquori e giochi con l’obiettivo di creare un super portafoglio di ospitalità, combinando turismo, grandi eventi, liquori e giochi.

La newsletter Morning Edition è la nostra guida alle storie, alle analisi e agli approfondimenti più importanti e interessanti della giornata. Iscriviti qui.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *