I viaggiatori internazionali risultano negativi all’aeroporto, contraendo Covid in seguito: ministro della salute di Delhi | Ultime notizie Delhi Leave a comment


Mercoledì il ministro della salute di Delhi, Satyendar Jain, ha dichiarato che diversi viaggiatori internazionali, risultati negativi al test del coronavirus (Covid-19) all’arrivo in aeroporto, sono risultati positivi dopo alcuni giorni e hanno infettato i loro familiari durante il periodo. Ha detto che le autorità distrettuali sono in contatto con questi viaggiatori.

Jain ha incolpato i voli internazionali per l’aumento costante dei casi quotidiani di Covid-19 a cui la capitale nazionale sta attualmente assistendo. “Anche durante le prime ondate, i casi sono aumentati con i voli in arrivo”, ha detto ai giornalisti.

Secondo linea guida esistenteCome condiviso dal ministero della salute dell’Unione, i viaggiatori provenienti da paesi “a rischio” che risultano negativi al coronavirus in aeroporto devono sottoporsi obbligatoriamente alla quarantena domiciliare per sette giorni.

L’ottavo giorno, vengono nuovamente testati e se il risultato risulta nuovamente negativo, sono tenuti ad automonitorare la propria salute per i successivi sette giorni.

Per coloro che arrivano da nazioni non identificate come “a rischio”, un 2% casuale dovrà sostenere il test RT-PCR in aeroporto. Se l’esito è negativo, sono tenuti ad automonitorare il proprio stato di salute per almeno 14 giorni.

In entrambi i casi, se i viaggiatori risultano positivi al Covid-19 in qualsiasi momento, i loro campioni vengono inviati per il sequenziamento del genoma. Questi pazienti sono gestiti in una struttura di isolamento separata e “trattati secondo il protocollo standard stabilito, inclusa la ricerca dei contatti”.

Inoltre, i loro contatti sono tenuti in quarantena istituzionale o in isolamento domiciliare e la loro salute è rigorosamente monitorata dal governo statale interessato.

Leggi anche | Niente feste di Capodanno a Delhi, Mumbai, Chennai, Bengaluru. Dettagli qui

Le dichiarazioni di Jain sono arrivate un giorno dopo che Delhi ha registrato il più grande aumento di casi di Covid-19 in un solo giorno dal 4 giugno con 496 infezioni e l’ennesimo decesso.

Nel frattempo, mercoledì il conteggio di Omicron della capitale nazionale è salito a 238, rendendola così la regione più colpita dell’India. Maharashtra, che fino ad ora è stato il principale contributore, ha finora registrato 167 delle 781 infezioni relative alla variante altamente trasmissibile segnalate nel Paese.

Jain ha anche assicurato ai cittadini che il governo di Delhi è pienamente preparato ad affrontare la crisi prevalente. “Finora, quello che abbiamo visto è che i pazienti non richiedono ossigeno per il trattamento e si curano facilmente”, ha affermato PTI.

Martedì il governo di Delhi imposto “allerta gialla” in città a seguito della situazione del coronavirus. Ciò include la chiusura di scuole e college, cinema e palestre, tra gli altri. È stato inoltre imposto il coprifuoco notturno tra le 22:00 e le 05:00.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.