I problemi di salute comuni aumentano il rischio di COVID-19 grave; l’improvvisa avversione al cibo nei bambini piccoli può essere dovuta al COVID Leave a comment


Le fiale etichettate “VACCINE Coronavirus COVID-19” sono viste in questa illustrazione scattata l’11 dicembre 2021. REUTERS/Dado Ruvic/Illustration/Files

Registrati ora per l’accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

22 dicembre (Reuters) – Quello che segue è un riepilogo di alcuni recenti studi su COVID-19. Includono ricerche che richiedono ulteriori studi per corroborare i risultati e che devono ancora essere certificate da una revisione paritaria.

I problemi di salute comuni aumentano il rischio di COVID-19 grave

Le condizioni comuni che mettono le persone a rischio di malattie gravi come diabete, infarto e ictus le mettono anche a rischio di malattie gravi e morte per COVID-19, hanno scoperto i ricercatori.

Registrati ora per l’accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Quando le condizioni – glicemia alta, ipertensione, obesità e colesterolo alto – si verificano insieme, sono note collettivamente come sindrome metabolica. Utilizzando i dati sui pazienti COVID-19 ricoverati in 26 paesi, i ricercatori hanno confrontato 5.069 adulti con almeno tre delle condizioni e 23.917 senza sindrome metabolica. Quelli con sindrome metabolica avevano probabilità significativamente aumentate di una condizione polmonare potenzialmente fatale chiamata sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) e morte, i ricercatori hanno riferito mercoledì in Rete JAMA aperta. “Con ogni criterio di sindrome metabolica aggiunto da 1 a 4 criteri, il rischio di ARDS è aumentato in modo significativo”, indipendentemente da età, sesso, razza, etnia e altre malattie, hanno detto i ricercatori.

“Se soffri di colesterolo alto, pressione alta, obesità lieve e pre-diabete o diabete e sei ricoverato in ospedale con COVID-19, hai una possibilità su quattro di sviluppare ARDS, il che è significativo”, il leader dello studio Dr. Joshua Denson della Tulane University School of Medicine ha dichiarato in una nota. La sindrome metabolica era significativamente più comune tra i pazienti negli ospedali statunitensi (18,8%) rispetto ad altri paesi (8%), portando i ricercatori a suggerire che uno dei motivi per cui gli Stati Uniti guidano il mondo nelle morti per COVID-19 potrebbero essere i suoi alti tassi di metabolismo sindrome, obesità e diabete.

L’improvvisa avversione al cibo nei bambini piccoli può essere un indizio del COVID-19

Nei bambini piccoli, un indizio per una diagnosi di COVID-19 può essere un improvviso, completo o quasi, evitamento di cibi solidi a causa di alterazioni del senso dell’olfatto e del gusto del bambino, suggeriscono i medici in California.

In un rapporto pubblicato su Martedì in Pediatria, descrivono due bambini piccoli, entrambi di età inferiore ai 18 mesi, che hanno improvvisamente sviluppato un’avversione per i cibi solidi nel periodo in cui è stato loro diagnosticato il COVID-19. Quando mangiavano, imbavagliavano o sputavano il cibo subito dopo. Un bambino è diventato anche acutamente sensibile all’odore di qualsiasi prodotto fragrante contemporaneamente all’avversione per il cibo, un altro segno di un olfatto alterato. Da sei a otto mesi dopo la diagnosi, entrambi i bambini avevano iniziato a tollerare alcuni cibi solidi, ma nessuno dei due aveva ripreso completamente l’assunzione di base.

“Questo decorso clinico ritardato e variabile nei nostri pazienti è coerente con recenti studi negli adulti” che mostrano che i problemi legati al COVID-19 con olfatto e gusto “possono aumentare e diminuire e un terzo dei pazienti può avere sintomi persistenti”, i medici disse. Hanno detto che sperano di vedere più dati da altri pediatri da aggiungere ai loro risultati. Ma sulla base dei loro dati limitati, hanno affermato che l’avversione al cibo nei bambini piccoli e preverbali “dovrebbe essere un fattore scatenante per testare la presenza di infezione da SARS-CoV-2”.

I farmaci anticorpali potrebbero danneggiare alcuni pazienti COVID-19

L’efficacia e la sicurezza di Eli Lilly and Co’s (LLY.N) Il farmaco anticorpo monoclonale bamlanivimab per la polmonite da COVID-19 può differire a seconda che il sistema immunitario del paziente stia già producendo i propri anticorpi, suggerisce una nuova analisi.

I ricercatori hanno rianalizzato i dati di uno studio randomizzato in cui 163 pazienti affetti da COVID-19 ricoverati in ospedale avevano ricevuto bamlanivimab. Circa la metà di quei pazienti non aveva i propri anticorpi contro il virus all’inizio dello studio e sembra che questi pazienti abbiano avuto maggiori probabilità di essersi ripresi più velocemente. Nei pazienti che avevano già i propri anticorpi, tuttavia, il bamlanivimab era collegato a rischi più elevati di morte, insufficienza d’organo o eventi avversi gravi rispetto a un placebo, hanno riferito i ricercatori lunedì in Annali di Medicina Interna.

Le ri-analisi dei dati dello studio sono meno affidabili che se lo studio fosse stato progettato per rispondere alla domanda in primo luogo. Tuttavia, questa analisi fornisce “due messaggi principali”, ha affermato il dott. Jens Lundgren dell’Università di Copenaghen. Gli anticorpi monoclonali possono essere utili nei pazienti ospedalizzati COVID-19 senza i propri anticorpi, ma “possono essere dannosi” quando il sistema immunitario del paziente risponde, ha affermato Lundgren. La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha concesso l’autorizzazione all’uso di emergenza a diversi anticorpi monoclonali che neutralizzano il SARS-CoV-2, incluso il bamlanivimab, che viene somministrato insieme all’etesevimab di Lilly.

Fare clic per un Grafica Reuters sui vaccini in fase di sviluppo.

Registrati ora per l’accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Segnalazione di Nancy Lapid e Megan Brooks; Montaggio di Bill Berkrot

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.