I piani sanitari devono affrontare le disuguaglianze sanitarie come parte del loro lavoro principale Leave a comment


hLe aziende e le organizzazioni di assistenza sanitaria in tutto il paese sono alle prese con disuguaglianze sanitarie, spinte da devastanti disparità nel bilancio della pandemia e dalla resa dei conti con l’ingiustizia razziale che ha seguito l’omicidio di George Floyd.

Alcuni sono stati a questo per un po’. Altri sono solo all’inizio. Ma tutti hanno molto lavoro da fare.

Lavoriamo per Croce Blu Scudo Blu del Massachusetts (BCBSMA), un piano sanitario privato senza fini di lucro che ha da tempo fatto della diversità, dell’equità e dell’inclusione una priorità nella sua attività, assunzioni e cultura aziendale e nel lavoro della comunità. Ma affrontare direttamente le disuguaglianze razziali nell’assistenza sanitaria non faceva parte del lavoro principale dell’azienda come assicuratore.

annuncio

Per affrontare questo problema, la nostra organizzazione ha recentemente lanciato il primo sforzo di collaborazione del Commonwealth del Massachusetts tra un piano sanitario e la comunità medica progettato specificamente per eliminare le disuguaglianze sanitarie. Il suo obiettivo è migliorare l’assistenza sanitaria per tutti i membri del piano in ogni gruppo razziale ed etnico.

Poiché sappiamo che anche altri piani sono desiderosi di affrontare le disuguaglianze, condividiamo gli approcci adottati finora.

annuncio

Inizia a correggere le disuguaglianze di salute con la raccolta dei dati

La raccolta dei dati è un processo impegnativo e laborioso. Quindi, quando ci sono prove di vecchia data che le popolazioni razziali e delle minoranze etniche hanno ricevuto un’assistenza sanitaria di qualità inferiore negli Stati Uniti, si è tentati di saltare direttamente alle soluzioni senza prima misurare le disparità a livello locale.

Questo è un errore. Senza dati locali, è impossibile essere responsabili di miglioramenti significativi e sostenibili nel tempo nelle comunità servite.

Il nostro piano sanitario ha dovuto affrontare ostacoli immediati in questo primo passo. I dati su razza ed etnia mancavano per oltre il 90% dei membri. Quindi la nostra organizzazione ha iniziato a invitare i membri a riferire autonomamente la propria razza ed etnia, integrandola con i dati condivisi dai clienti dei datori di lavoro e dai sistemi sanitari.

Poiché non volevamo che la mancanza di dati perfetti rallentasse i progressi, abbiamo imputato i dati di razza ed etnia dei membri utilizzando il RAND Bayesian Metodo di geocodifica del cognome migliorato, un approccio comunemente utilizzato quando i dati autodichiarati sono incompleti. Questo metodo utilizza il cognome di una persona nel censimento degli Stati Uniti e la composizione razziale ed etnica del loro quartiere per produrre un insieme di probabilità che un individuo appartenga a uno di un insieme di gruppi razziali ed etnici che si escludono a vicenda. A dire il vero, le analisi basate su dati imputati probabilmente sottovalutano la reale entità delle disuguaglianze, ma sono un buon punto di partenza e possono essere utilizzate per iniziare ad affrontare le disuguaglianze che identificano.

Condividi i dati. Un piano sanitario non può affrontare le disuguaglianze affrontate nel vuoto. Abbiamo iniziato a condividere rapporti riservati con i grandi sistemi sanitari nella nostra rete di copertura nell’estate del 2021, mostrando a ciascuno le disuguaglianze nelle cure all’interno delle loro organizzazioni, ad esempio se i pazienti neri stavano ricevendo farmaci appropriati per controllare gli attacchi di asma alla stessa velocità dei pazienti bianchi — e come si confrontano con i pazienti di altri sistemi sanitari.

BCBSMA metterà a disposizione anche dei suoi clienti datori di lavoro rapporti che mostrano disparità di cure tra dipendenti di razze diverse. Come piano sanitario, l’impulso per farlo è chiaro: i clienti pagano lo stesso importo per l’assicurazione sanitaria indipendentemente dalla loro razza, etnia o quartiere e dovrebbero ricevere cure di uguale qualità. Questo è un business oltre che un imperativo morale.

Lascia che i risultati stimolino i miglioramenti

La nostra azienda ha realizzato dati relativi alle disuguaglianze di cura pubblicamente disponibile quindi può essere utile alla comunità più ampia, che può ritenere BCBSMA responsabile del miglioramento nel tempo. Attingendo ai dati del 2019 per 1,3 milioni dei nostri membri commerciali in Massachusetts, i nostri analisti hanno esaminato 48 misure ampiamente utilizzate per monitorare le prestazioni su importanti dimensioni dell’assistenza sanitaria e hanno riscontrato forti disparità nella stragrande maggioranza delle misure.

Ad esempio, i membri asiatici, neri e ispanici avevano meno probabilità rispetto ai membri bianchi non ispanici di essere sottoposti a screening per il cancro del colon-retto. I tassi di problemi medici potenzialmente letali durante il parto per i membri del piano sanitario neri erano più del doppio di quelli dei membri bianchi non ispanici. e I membri neri e ispanici avevano dal 15% al ​​20% in meno di probabilità rispetto ai membri bianchi non ispanici di ricevere la gestione raccomandata dei farmaci antidepressivi.

Tali disparità sono pervasivi nella sanità americana. Ma questi sono risultati umilianti per un piano sanitario che è stato a lungo impegnato in un’assistenza di qualità ea prezzi accessibili per tutti i suoi membri.

Questi risultati stanno stimolando la nostra organizzazione a fare meglio. L’equità dell’assistenza è ora una quarta priorità strategica per la nostra azienda, alla pari e di pari livello con assistenza di qualità, assistenza a prezzi accessibili e un’esperienza di consumo senza pari.

Collaborare con la comunità medica

BCBSMA ha collaborato per più di un decennio con i sistemi sanitari tramite il suo Contratto di qualità alternativo, che ha sostituito il modello tariffario per servizio e invece sostiene e premia gli sforzi dei medici per migliorare la qualità e il valore delle cure fornite.

La nostra azienda sta ora costruendo su quel modello, di concerto con il Istituto per il miglioramento della sanità, per aiutare i sistemi sanitari nei nostri programmi di pagamento basati sul valore a migliorare l’equità dell’assistenza con una collaborazione di nuova costituzione. Lavorando insieme, determineremo il modo migliore per misurare le disuguaglianze sia nell’accesso che nell’assistenza e creeremo programmi progettati per eliminare tali iniquità.

Creeremo anche nuovi contratti che premiano i medici per la fornitura di cure di pari qualità a persone di tutte le razze ed etnie. Sappiamo che i medici vogliono eliminare le disuguaglianze nelle cure e questi contratti forniranno loro un business case per farlo, proprio come i nostri modelli di pagamento sono stati a lungo strutturati per premiare gli sforzi dei medici per migliorare la qualità e il valore.

L’equità è il lavoro incompiuto della riforma sanitaria

Le disuguaglianze che la nostra organizzazione e molte altre stanno cercando di affrontare sono vecchie di secoli e si estendono ben oltre l’assistenza sanitaria. Ma crediamo che i piani sanitari, in collaborazione con i loro membri, i clienti dei datori di lavoro, i partner della comunità e la comunità medica, possano apportare cambiamenti significativi per ridurli.

Come primo passo, i piani sanitari e gli altri contribuenti possono fare ciò che ha fatto BCBSMA: calcolare le proprie misure di qualità, produrre rapporti interni sull’equità sanitaria basati su tali misure e pubblicare tali rapporti. Ciò migliorerà la capacità degli assicuratori di essere responsabili del miglioramento della qualità dell’assistenza per tutti nel loro sistema sanitario. E inserendo misure di equità nei loro programmi di incentivazione, i pagatori possono supportare la comunità medica nel colmare le lacune in termini di equità.

Gli ultimi 20 mesi ci hanno ricordato costantemente che l’assistenza sanitaria non esiste in un silo: colpisce la nostra economia, le nostre scuole, la nostra salute mentale e la salute nazionale. L’eliminazione delle disparità nell’assistenza sanitaria aiuta a creare comunità e luoghi di lavoro più sani, più produttivi e più resilienti e garantisce che i piani sanitari soddisfino il loro impegno a fornire una copertura di alta qualità a tutti i loro membri.

Negli ultimi anni, i piani sanitari e la comunità medica hanno fatto passi da gigante nell’ampliare l’accesso all’assistenza sanitaria e alla copertura sanitaria e hanno lavorato per migliorare la qualità e la sicurezza. È giunto il momento, da tempo ormai passato, di includere le disuguaglianze razziali al centro del lavoro per creare un sistema sanitario migliore.

Andrew Dreyfus è presidente e CEO di Blue Cross Blue Shield del Massachusetts. Sandhya Rao è un internista, direttore medico e vicepresidente senior di BCBSMA.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.