I giocatori di “EVE Online” giocano come ricercatori di Covid-19 Leave a comment


Loro sanno tutto sul salvataggio di mondi immaginari, ma i giocatori ora stanno diventando chiamato dai ricercatori per dare una mano in una delle più grandi crisi dell’umanità: la pandemia di Covid-19. Finora sono stati all’altezza della situazione e hanno consegnato l’equivalente di 471 anni di lavoro.

Nell’opera spaziale multiplayer EVE Online, un minigioco chiamato Scoperta del progetto funge anche da piattaforma scientifica per i cittadini, studiando la risposta del sistema immunitario umano al nuovo coronavirus. I partecipanti affrontano l’analisi dei dati attraverso un gameplay che aiuta i ricercatori a isolare modelli specifici come predittori della gravità della malattia.

Il progetto è una collaborazione con la McGill University, il British Columbia Cancer Research Centre, l’Università della Pennsylvania e l’Università di Modena e Reggio Emilia. Per progettare la componente della scienza dei cittadini, EVE Online sviluppatore Giochi del PCC ha lavorato con Scienza online multigiocatore di massa (MMOS), un’azienda svizzera che collega la ricerca scientifica con i giochi per creare un’esperienza di gioco senza soluzione di continuità. Secondo un portavoce di CCP Games, ci sono 426.000 giocatori che partecipano al minigioco Covid-19 in questo momento e hanno completato 1,8 milioni di attività di analisi dal lancio del progetto nel giugno 2020.

Nello spazio MMORPG altamente competitivo, ottenere e trattenere i giocatori è una sfida senza fine. Per i progetti di scienza dei cittadini, afferma Bergur Finnbogason, direttore creativo di EVE Online, trattenere i giocatori è fondamentale. A differenza dei programmi di calcolo distribuito come SETI@Home, che richiedono una potenza di calcolo di massa, progetti come questi richiedono l’input umano. E per questo hai bisogno di giocatori che tornino a giocare ancora e ancora.

Nonostante le cifre in calo, EVE Online rimane popolare come uno dei giochi multiplayer online più longevi: è precedente a World of Warcraft da un anno e mezzo, ed è stato chiamato “impareggiabile.” Il suo immenso universo, chiamato Nuovo Eden, comprende quasi 8.000 sistemi stellari. Il gameplay è essenzialmente un’opera spaziale fai-da-te, in cui i giocatori, chiamati capsuleer, intraprendono epiche missioni spaziali che comprendono esplorazione, estrazione mineraria, industria e altro ancora. Inoltre, c’è un sacco di pirateria, così come battaglie PvP e PvE senza esclusione di colpi. Tra la lotta per la ricchezza e la gloria cosmiche, i capsuleer possono anche impiegare del tempo per potenziare i processi di ricerca critici sulla Terra tramite Project Discovery. In cambio, vengono ricompensati con oggetti di gioco unici, come abbigliamento esclusivo e miglioramenti facciali, per non parlare dell’onore di avere una mano nelle scoperte scientifiche del mondo reale.

Nell’ultima missione di Project Discovery, i giocatori aiutano gli scienziati a studiare l’impatto di Covid-19 sul nostro sistema immunitario analizzando il sangue degli individui infetti per individuare i marcatori di malattie. “In pratica abbiamo costruito un’interfaccia con i server scientifici… [through which] puoi scambiare i dati [into the game]”, afferma Finnbogason. I giocatori devono trovare e contrassegnare i cluster di cellule nel sangue dei pazienti infetti da Covid-19 utilizzando uno strumento di tracciamento.

“Spesso, è davvero facile vedere raggruppamenti grandi e densi”, dice, “ma quando le cose diventano molto scarse, è lì che stanno i soldi, in un certo senso”. Più giocatori lavorano sugli stessi set di dati per raggiungere il consenso sulle aree di interesse specifiche. Una volta che i set di dati vengono inviati al laboratorio di ricerca e verificati, una sezione trasversale dell’area a risoluzione più elevata viene inserita nel gioco affinché i giocatori possano esaminarla nuovamente.

Il processo aiuta gli scienziati a individuare le aree che devono esaminare più da vicino per comprendere l’infezione in diverse popolazioni e tipi di cellule. Il contributo dei giocatori, afferma David Ecker, direttore di produzione di EVE Online, aiuta a ridurre un sacco di attività di elaborazione dei dati che altrimenti gli scienziati dovrebbero svolgere. Considerando che ci sono un numero significativamente inferiore di scienziati rispetto ai giocatori, aggiunge, “possiamo semplicemente saltarli in avanti così tanti anni di lavoro, in modo che [only] guarda i campioni che i nostri giocatori hanno ritenuto degni di essere guardati”.

I dati presentati dai cittadini scienziati non solo aiuteranno i ricercatori a studiare le infezioni da SARS-CoV2. Diventeranno anche dati di addestramento per i sistemi di intelligenza artificiale in modo che questo tipo di processi possa essere automatizzato in futuro. Le IA addestrate potrebbero aiutare non solo con la ricerca sul Covid-19, ma anche per altre malattie.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.