I dipendenti pubblici che lavorano negli MTI sono diretti a riferire al dipartimento della salute – Quotidiano Leave a comment


PESHAWAR: Il governo ha ordinato a tutti i dipendenti pubblici che lavorano negli istituti di insegnamento medico di presentarsi al dipartimento della salute entro il 31 gennaio e il mancato rispetto sarebbe considerato la loro riluttanza a rimanere come dipendenti pubblici.

Dopo la scadenza del termine, tutti i dipendenti pubblici che non si iscrivono al dipartimento della salute, sarebbero disciplinati dalla legge sulla riforma degli istituti di insegnamento medico (MTIRA) 2015.

Un’ordinanza dell’ufficio emessa dall’assessorato alla salute rilevava il prevalere di ambiguità in merito alla condizione dei dipendenti pubblici e degli impiegati istituzionali operanti negli MTI per cui era stato chiarito per tutti.

Ha affermato che prima della promulgazione del MTIRA, tutto il personale amministrativo e docente nominato dai consigli di gestione ai sensi dell’abrogata Khyber Pakhtunkhwa Medical and Health Institution and Regulation of Healthcare Services Ordinance, 2002, indipendentemente dallo stato dei termini e delle condizioni dei servizi sarebbe considerato dipendenti di il relativo MTI a tali termini e condizioni come da regolamento.

La mancata osservanza fino al 31 gennaio sarà considerata la loro riluttanza a rimanere come dipendenti governativi

“Ora sono dipendenti del MTI”, ha detto l’ordine. Prima dell’entrata in vigore dell’MTIRA, i dipendenti pubblici, che hanno optato per l’MTI esistente, sarebbero soggetti ai termini e alle condizioni di lavoro previsti dalla normativa pertinente, ad eccezione della struttura dei servizi, delle promozioni e delle questioni disciplinari.

Avrebbero diritto a benefici ed emolumenti successivi al pensionamento come da legge del governo e gli MTI dovranno versare il contributo per la loro pensione.

Ai sensi del MTIRA, i dipendenti pubblici, che scelgono di lavorare in MTI, cesserebbero di essere dipendenti pubblici dalla data di assorbimento in MTI e la loro anzianità, pensione e altre questioni sarebbero determinate a norma di legge.

L’ordinanza diceva che tutti i dipendenti pubblici, che hanno optato per MTI, vi hanno praticamente aderito o vi lavoravano, sarebbero stati considerati dipendenti della MTI dalla data di adesione in quanto dimostrava la loro disponibilità a lavorare lì. Pertanto, tutti i dipendenti pubblici, che non erano disposti a rimanere in MTI, dovrebbero immediatamente presentarsi al dipartimento della salute per il loro ulteriore incarico come dipendenti pubblici, altrimenti sarebbero considerati dipendenti dell’istituto di insegnamento medico in cui lavorano attualmente, ha aggiunto.

I funzionari hanno affermato che l’avvertimento è stato emesso grazie alla persuasione degli MTI, dove centinaia di dipendenti pubblici lavoravano come medici, paramedici, infermieri e altri funzionari. I dipendenti pubblici sono passati sotto il controllo del governo provinciale ed erano dipendenti governativi in ​​base alle Regole sui dipendenti pubblici del 1973, mentre i dipendenti dell’MTI erano trattati in linea con l’MTIRA, hanno affermato.

La provincia ha 11 MTI, gestite da consigli di amministrazione che prendono tutte le decisioni amministrative sui dipendenti.

Il MTI Policy Board ha chiesto al dipartimento della salute di riprendere i dipendenti pubblici e finora circa il 50 per cento di loro è stato trasferito e inviato in strutture sanitarie governative.

I funzionari hanno affermato che la maggior parte dei dipendenti, che sono stati trasferiti dagli MTI, sono stati distaccati nei loro distretti nativi dove i loro servizi erano più necessari.

Gli MTI si sono lamentati con il dipartimento della salute di non avere alcuna autorità amministrativa sui dipendenti pubblici e quindi vogliono che siano tutti ripresi dal dipartimento della salute.

L’Associazione Provinciale Medici ha respinto la decisione del governo di richiamare i dipendenti pubblici dagli MTI.

Un comunicato stampa dell’associazione afferma che il governo vuole prendere di mira i dipendenti pubblici per non aver migliorato l’assistenza ai pazienti nonostante abbia speso miliardi di rupie per l’MTI.

Diceva che i dipendenti pubblici lavoravano negli MTI da decenni e che il governo stava progettando di privarli della pensione e di altri benefici. L’associazione stava tenendo una riunione per decidere la futura linea d’azione in tal senso, ha aggiunto.

Pubblicato in Dawn, 4 gennaio 2022



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.