I costi dell’assicurazione sanitaria dei datori di lavoro aumentano nel 2021 mentre le procedure elettive riprendono l’indagine Leave a comment


13 dicembre (Reuters) – I costi dell’assicurazione sanitaria per i datori di lavoro sono aumentati di più in oltre un decennio quest’anno, poiché gli americani hanno ripreso le procedure non urgenti ritardate in precedenza a causa della pandemia di COVID-19, secondo un sondaggio pubblicato lunedì.

Il sondaggio della società di beneficienza Mercer sulle aziende che impiegano circa 118 milioni di persone ha mostrato che il costo medio dell’assicurazione sanitaria sponsorizzata dal datore di lavoro per dipendente è salito del 6,3% quest’anno a $ 14.542, il più grande aumento dal 2010.

L’aumento è stato solo del 3,4% nel 2020, quando la pandemia aveva messo a dura prova la capacità ospedaliera e costretto le persone a rimandare le procedure elettive.

Registrati ora per l’accesso illimitato GRATUITO a reuters.com

“Penso che questo sia sicuramente parte del fattore trainante dei costi”, ha detto a Reuters Kate Brown, Center for Health Innovation Leader di Mercer.

Brown ha affermato che molti altri fattori, comprese le affermazioni relative al trattamento degli effetti a lungo termine di COVID-19 e il prezzo dei farmaci speciali, potrebbero anche guidare l’aumento dei costi e potrebbero continuare nel 2022.

L’indagine, che ha coinvolto 1.745 datori di lavoro pubblici e privati, ha mostrato che le aziende si aspettano un aumento dei costi “abbastanza tipico” del 4,4% per il prossimo anno.

Ma la maggior parte di loro non era disposta a cercare di ridurre l’aumento dei costi poiché raddoppiano rendendo l’assistenza sanitaria fisica e mentale più accessibile per i dipendenti che affrontano lo stress della pandemia di quasi due anni.

Tracy Watts, leader nazionale per la politica sanitaria statunitense presso Mercer, ha affermato che generosi benefici per la salute potrebbero aiutare le aziende ad attrarre e trattenere il personale nel ristretto mercato del lavoro.

L’aggiunta o l’espansione di programmi per aumentare l’accesso all’assistenza sanitaria comportamentale era tra le prime tre priorità per tutti i grandi datori di lavoro, ha mostrato il sondaggio.

“È chiaramente diventato molto importante durante la pandemia che la salute mentale è un bisogno critico per tutte le persone ed è diventato davvero più importante per la maggior parte dei datori di lavoro negli ultimi due anni”, ha detto Brown.

Registrati ora per l’accesso illimitato GRATUITO a reuters.com

Segnalazione di Amruta Khandekar; Montaggio di Aditya Soni

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *