I conservatori scommettono su Liberal per supervisionare la lotteria e il gioco dell’Ontario Leave a comment


I conservatori progressisti del premier Doug Ford stanno scommettendo su un liberale chiave per supervisionare la lotteria e il gioco dell’Ontario.

Ford ha nominato Jim Warren, un tempo uno dei migliori aiutanti dell’ex premier liberale Dalton McGuinty, nuovo presidente del consiglio provinciale turbato agenzia di gioco d’azzardo.

Warren, che una volta è stato anche vicepresidente di OLG, riempie un posto vacante lasciato dall’ex presidente Peter Deeb, che si è dimesso “per motivi personali” all’inizio di quest’anno tra controversia.

Alti funzionari conservatori, parlando in modo confidenziale per discutere le deliberazioni interne, hanno affermato che il premier ha cercato un incaricato trasversale per tenere d’occhio il gigante del gioco.

Un frequente commentatore politico di CP24 e Newstalk 1010, Warren gestisce la propria società di consulenza, Riseley Strategies, che ha lavorato per Torstar, società madre del Toronto Star.

Più di due decenni fa, Warren ha lavorato a stretto contatto con il ministro per le cure a lungo termine Rod Phillips – lui stesso ex amministratore delegato dell’OLG – nell’ufficio del defunto sindaco di Toronto Mel Lastman.

L’appuntamento triennale OLG paga $ 150.000 all’anno.

All’inizio di quest’anno, il Toronto Sun ha riferito che la partenza di Deeb, un incaricato Ford, era legato a un’indagine della polizia provinciale dell’Ontario. Non sono state formulate accuse.

Nell’estate del 2020, Ford ha dichiarato di volere che i dirigenti di OLG si preparassero dopo aver ricevuto grandi bonus all’inizio della pandemia nonostante i casinò fossero chiusi e migliaia di dipendenti fossero licenziati nelle strutture di gioco del settore privato rivali.

Il premier, il cui governo ha lanciato a OLG una linea di credito da $ 500 milioni tre mesi fa, era indignato per i pagamenti “inaccettabili” e ha chiamato Deeb sul tappeto.

“Per tutti questi grandi ragazzi intelligenti, non sono troppo intelligenti”, ha detto nell’agosto 2020.

“Devi sederti intorno al tavolo e pensare, è prudente farlo?”

UNISCITI ALLA CONVERSAZIONE

Le conversazioni sono opinioni dei nostri lettori e sono soggette al Codice di comportamento. La Star non condivide queste opinioni.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.