I bambini con malattie croniche dovrebbero ricevere aiuto con l’apprendimento online | Salute Leave a comment


Secondo uno studio recente, l’apprendimento online pone ulteriori sfide ai bambini con condizioni mediche croniche o bisogni educativi speciali e questi pazienti potrebbero beneficiare di un maggiore supporto da parte dei medici pediatrici per avere successo accademico.

I risultati pubblicati su JAMA Pediatrics sono stati scritti insieme ai ricercatori del Kennedy Krieger Institute e della Johns Hopkins Medicine.

I medici dovrebbero affrontare le sfide o i problemi legati alla scuola come qualsiasi altra esigenza medica nell’assistenza pediatrica, ha affermato Lisa Jacobson, PhD, NCSP, ABPP, condirettore del Center for Innovation and Leadership in Special Education (CILSE) di Kennedy Krieger e direttore della ricerca per Dipartimento di Neuropsicologia dell’Istituto.

LEGGI ANCHE: Per colmare il divario digitale, colmare la distanza tra studente e insegnante

Ciò include la raccolta della storia sanitaria completa di un bambino e i dettagli del rendimento scolastico, nonché l’annotazione di eventuali segni di scuola sfide che il paziente deve affrontare. I medici possono contattare i team di neuropsicologia, gli educatori o gli assistenti sociali per aiutare i loro pazienti con malattie croniche a tenere il passo accademicamente con i loro coetanei.

Queste raccomandazioni si basano sulla ricerca con pazienti oncologici pediatrici, che hanno subito ostacoli unici con l’apprendimento online nella pandemia di covid-19; infatti, più della metà, ovvero il 57%, dei genitori di bambini malati di cancro ha segnalato difficoltà nell’apprendimento online durante questo periodo.

Prima della pandemia, anche i genitori di bambini malati di cancro hanno segnalato difficoltà nell’assicurare servizi di istruzione speciale a causa di diversi fattori, tra cui la mancanza di familiarità con le risorse disponibili e con i modi per proteggerli. Ma queste sfide non sono esclusive dei pazienti oncologici pediatrici; i bambini con altre condizioni croniche, tra cui covid lungo, o bisogni educativi speciali affrontano gli stessi ostacoli, ha detto il dottor Jacobson.

Tuttavia, queste stesse famiglie hanno spesso interazioni regolari con specialisti pediatrici durante il trattamento o la cura del loro bambino. Aumentando la consapevolezza del ruolo positivo che gli specialisti pediatrici possono svolgere nell’educazione dei loro pazienti, questi medici potrebbero fornire assistenza su questioni legate alla scuola, ha affermato, aggiungendo che non farlo potrebbe contribuire a un impatto negativo sulla salute per tutta la vita.

Questa storia è stata pubblicata da un feed di un’agenzia di filodiffusione senza modifiche al testo.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.