Gli operatori sanitari BC si preparano per Omicron con trepidazione Leave a comment


Mentre la variante Omicron fa salire alle stelle i tassi di casi nella Columbia Britannica, gli operatori sanitari della provincia si stanno preparando per l’ennesima ondata dopo essere stati ridotti da un anno implacabile.

“Posso certamente dirvi che c’è un senso di trepidazione con questa onda di Omicron. Abbiamo attraversato così tante onde prima e per certi versi, sappiamo cosa aspettarci”, ha detto il dottor Matthew Chow, psichiatra e presidente di Medici di BC

“Non è certo il regalo di Natale che qualcuno voleva proprio alla fine di un anno già faticoso”.

L’ufficiale sanitario provinciale, la dottoressa Bonnie Henry, ha dichiarato mercoledì alla CBC che le risorse nel sistema sanitario sono già tese.

“È solo un momento molto difficile in questo momento perché se non adottiamo queste misure in questo momento e otteniamo un’ondata di persone nel nostro sistema sanitario, influenzerà tutti”, ha detto.

Di fatto, un rapporto di un gruppo di modellazione COVID-19 indipendente prevede che i ricoveri dovuti a Omicron raggiungeranno livelli senza precedenti intorno alla metà di gennaio. Questa settimana, il caso giornaliero di COVID-19 di BC conta record infranti per tre giorni di fila.

Tempismo difficile

Il tempismo, dice Chow, è particolarmente duro.

“Le persone che normalmente avrebbero avuto pause per le vacanze non erano in grado di farlo, perché anche durante i tempi di inattività dovevamo recuperare il ritardo con cose come procedure, test e interventi chirurgici posticipati e cure posticipate per le persone. Non c’è stato davvero molto di una pausa per tutto questo periodo di due anni”, ha detto.

Danette Thomsen, vicepresidente ad interim della BC Nurses’ Union, ha affermato che i problemi di personale aggravano il problema.

“I carichi di lavoro sono travolgenti. Le nostre infermiere di assistenza a lungo termine devono fare doppi turni, spesso turni di 16 ore, perché non c’è nessuno che venga a sostituirli”, ha detto Thomsen.

Ha detto che un sondaggio condotto tra i membri del sindacato all’inizio dell’anno ha rivelato che l’82% degli intervistati ha avuto impatti sulla salute mentale a causa della pandemia e il 65% ha avuto impatti sulla salute fisica.

Più allarmante, ha detto, è il numero di infermieri che stanno seriamente pensando di lasciare la professione: il 35 per cento degli infermieri in totale e il 51 per cento di quelli che lavorano nei reparti di terapia intensiva e di emergenza.

“Questi numeri sono sbalorditivi. Siamo già infermieri così bassi”, ha detto.

Supporti necessari

Thomsen ha affermato che sono necessari altri operatori sanitari come ausili, facchini e operatori amministrativi per alleviare l’onere per gli infermieri di svolgere il proprio lavoro al livello di assistenza per cui si battono.

“È difficile andare al lavoro quando sai che avrai un livello di personale del 65 percento e livelli di pazienti del 110 percento, sapendo che non sei in grado di fornire cure di qualità a tutte le persone con cui hai il compito, ” lei disse.

“Queste cose sono moralmente angoscianti per i nostri membri”.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.