GGRAsia – Probabile ritorno degli investimenti nei giochi a metà del 2022: capo BMM Leave a comment


Ritorno degli investimenti di gioco probabile a metà del 2022: capo BMM


Ritorno degli investimenti di gioco probabilmente a metà del 2022: capo BMM

Il tradizionale settore dei casinò fisici potrebbe essere “tornato in pista, lungo tutta la catena del valore” entro la metà del 2022, afferma Martin Storm (nella foto), amministratore delegato del laboratorio di test di gioco e società di consulenza tecnica BMM International LLC, noto come Laboratori di prova BMM.

Nei commenti rilasciati dalla società mercoledì, Storm ha affermato di aspettarsi che il prossimo anno porti “capex più regolari”, ovvero spese in conto capitale, da parte degli operatori di casinò grazie all’aumento dei tassi di vaccinazione e alla “maggiore accessibilità ai viaggi”.

Il dirigente ha aggiunto di essere fiducioso sulla crescita di BMM Testlabs, con i servizi di test dell’azienda che ora impiegano più personale rispetto a prima della pandemia, in previsione della “richiesta che arriverà dai casinò terrestri che riaprono in tutto il mondo”.

BMM Testlabs è uno dei sette laboratori di test internazionali approvati dall’ente regolatore dei casinò di Macao, il Gaming Inspection and Coordination Bureau, noto anche come DICJ, che fornisce certificazioni di conformità agli standard riconosciuti per le macchine da gioco elettroniche.

La società condivide gran parte del mercato per i test delle apparecchiature dei casinò in tutto il mondo con il suo rivale Gaming Laboratories International LLC, con sede negli Stati Uniti, noto come GLI.

BMM Testlabs è stato “un chiaro numero due e in rapida crescita nel mercato dei laboratori di gioco, a livello internazionale”, ha affermato Storm.

L’azienda è stata fondata nel 1981. Impiega circa 500 persone in 14 sedi globali e serve più di 470 giurisdizioni, secondo l’azienda. In Asia, BMM Testlabs ha uffici a Macao e Singapore.

Nel novembre 2019, prima della pandemia di Covid-19, BMM Testlabs ha dichiarato a GGRAsia che prevedeva di trasferire la propria attività di Macao in un ufficio più grande in città e di espandere il proprio personale da sette a 12.







Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.