Dopo la rivolta del 6 gennaio, i dipartimenti di polizia affrontano il bilancio della salute mentale del lavoro Leave a comment


CHINCOTEAGUE, Virginia — Gli agenti di polizia di tutta la nazione sono arrivati ​​a Washington, DC, la scorsa settimana per onorare coloro dei loro ranghi che sono morti in servizio. Due ufficiali morti poco dopo aver combattuto contro i rivoltosi in Campidoglio il 6 gennaio, tuttavia, non sono tra coloro che sono stati onorati.

Erin Smith, il cui marito, Jeffrey Smith, è morto suicida giorni dopo aver risposto alla rivolta al Campidoglio, vuole cambiare le cose.

“Gli darebbe il riconoscimento che gli è dovuto”, ha detto. “Se non fosse per il 6 gennaio, sarebbe ancora qui”.

Smith era un membro della polizia metropolitana di Washington. L’altro ufficiale che non è stato onorato, Howard Liebengood, era un membro della polizia del Campidoglio degli Stati Uniti e anche lui ha risposto alla rivolta. Si è tolto la vita il 10 gennaio. Poiché sono morti per suicidio, la loro morte non è riconosciuta come avvenuta nell’adempimento del dovere.

Guarda un’intervista esclusiva con Erin Smith su “Nightly News” di domenica.

Il dibattito sul suicidio della polizia arriva mentre gli Stati Uniti sono nel mezzo di una resa dei conti nazionale sulla polizia, alimentata dall’uccisione di uomini di colore per mano di agenti di polizia. La discussione ha anche portato molti a chiedere delle persone dietro le armi. Gli sforzi per affrontare la polizia e ritenerli responsabili sono giunti con avvocati e dipartimenti di polizia che spingono per soldi per affrontare i problemi di salute mentale tra gli in uniforme.

Il disegno di legge sulla riforma della polizia che è andato in pezzi al Senato il mese scorso avrebbe incluso decine di milioni di dollari per i dipartimenti di polizia di tutto il paese per affrontare i crescenti bisogni di salute mentale.

Per famiglie come gli Smith, l’aiuto non è arrivato abbastanza presto.

Jeffrey Smith.Jack Reznicki

Erin e Jeffrey Smith si sono sposati nel 2019. Dice che era amorevole, premuroso e un amico devoto. È andato al lavoro il 6 gennaio presumendo che avrebbe coperto una protesta comune, cosa che faceva spesso come agente di polizia nel centro di Washington.

Ma subito dopo l’inizio del suo turno, ha ricevuto un messaggio che diceva: “Londra sta cadendo”, che ha detto significava che il Campidoglio era stato superato.

Ha guardato la copertura in diretta, ha controllato Twitter e ha seguito gli avvisi di notizie sul suo telefono, cercando qualsiasi segno che suo marito stesse bene. Ma mentre tornava a casa quella notte, non stava bene.

Jeffrey Smith è stato colpito alla testa almeno una volta. Il filmato della sua bodycam, condiviso con NBC News, mostra che è stato attaccato con il suo stesso bastone. Una causa federale intentata da Erin Smith accusa due uomini di averlo picchiato, ma nessuno dei due è stato accusato.

Prima di tornare a casa il giorno della rivolta, Jeffrey Smith ha mandato un messaggio a sua moglie per dire che sarebbe andato alla clinica dei vigili del fuoco e della polizia perché è stato “colpito”. Ha detto che gli è stato detto di prendere l’ibuprofene e di andare a casa.

Immediatamente, Erin ha notato una differenza. Suo marito, che non aveva precedenti di depressione o problemi di salute mentale, divenne irritabile, distante, solitario e arrabbiato.

“Ha in qualche modo rifiutato mentre era sdraiato a letto. Non voleva fare niente, notti insonni a passeggiare in giro, solo che non era il suo sé normale”, ha detto.

Al suo appuntamento di follow-up otto giorni dopo, dice Erin Smith, è stato appena esaminato e gli è stato ordinato di tornare al lavoro il giorno successivo.

Gli preparò il pranzo, lo accompagnò alla macchina e lo salutò con un bacio. Non ce l’ha mai fatta a lavorare. Si è ucciso prima di arrivare lì.

Erin e Jeffrey Smith.Jack Reznicki

Gli agenti di polizia che muoiono durante il servizio a causa di un colpo di pistola, un incidente d’auto, un infarto e persino Covid sono designati come morti “in servizio”. La distinzione offre agli ufficiali sepolture ufficiali e riconoscimento sul memoriale della polizia nazionale e la famiglia sopravvissuta ottiene benefici, inclusa l’assicurazione sanitaria.

Nella sua recensione, il capo medico legale della DC ha affermato che c’era “una relazione diretta di causa ed effetto tra il trauma della linea di lavoro il 6 gennaio e la morte di Jeffrey Smith il 15 gennaio”, aggiungendo che Smith non aveva “nessuna precedente storia di depressione , problemi di salute mentale o cure per la salute mentale”.

Ma il suicidio non è considerato una morte per servizio, anche se gli esperti affermano che molti suicidi della polizia possono essere fatti risalire direttamente al loro lavoro.

“I primi soccorritori sono soggetti a incidenti stressanti più spesso di qualsiasi altra professione, forse ad eccezione dei militari”, Steven Hough, co-fondatore di Blue HELP, un’organizzazione che fornisce assistenza per la salute mentale agli ufficiali e tiene traccia dei suicidi della polizia. Sottolinea che i danni al cuore e ai polmoni sono trattati come lesioni da lavoro.

“Come possiamo dire che la mente non è influenzata dal lavoro?” chiese Hough.

Nella maggior parte degli anni, il suicidio eguaglia o supera le morti per servizio. Finora quest’anno, 116 ufficiali a livello nazionale sono morti per suicidio. (Poiché il Covid è classificato come un decesso “in servizio”, questi numeri sono aumentati quest’anno e lo scorso.)

Erin Smith ha chiesto alla commissione per il pensionamento e l’assistenza di polizia e vigili del fuoco di distinguere la linea di servizio. Non hanno ancora preso una decisione. Hough ha affermato che il riconoscimento ufficiale dei dipartimenti di polizia che un suicidio è una morte per dovere è “poco e distante tra loro”.

La polizia metropolitana di Washington non ha risposto alle richieste di NBC News.

I membri del Congresso si stanno unendo alla battaglia di Erin. Alcuni membri democratici della delegazione del Congresso della Virginia hanno inviato una lettera al sindaco di Washington DC, Muriel Bowser, esortandola a fornire benefici in caso di morte durante il servizio.

“Da un punto di vista legale, i sintomi dell’agente Smith erano chiaramente l'”unico e diretto risultato di una lesione personale” poiché non aveva mai avuto questi sintomi prima di essere attaccato il 6 gennaio”, Sens. Tim Kaine e Mark Warner e Reps. Don Beyer e Jennifer Wexton scrivono nella lettera ottenuta da NBC News. “Non può aver avuto l’intenzione di provocare la propria morte se non aveva il controllo delle sue azioni a causa di un grave trauma cerebrale, non più di quanto si possa dire che qualcuno che subisce un’emergenza medica durante la guida e inavvertitamente incidenti sulla propria morte».

Kaine dice che il distretto dovrebbe fare la cosa giusta, ma non ha escluso una legislazione che classificherebbe il suicidio come una morte per dovere.

“Certo che è legato al lavoro. E quindi anche una sentenza in questi due casi che questa è una linea del dovere la morte potrebbe dire ad altre persone che hanno a che fare con, sai, le proprie emozioni irrisolte dopo il 6 gennaio, che va bene “, ha detto Kaine,

Erin dice che la designazione farebbe molto.

“Il riconoscimento”, ha detto, direbbe “che ciò che fanno è importante non solo per loro e la loro eredità, ma per le loro famiglie, solo per sapere che il dipartimento di polizia era dietro di loro”.

Se tu o qualcuno che conosci siete in crisi, chiamate la National Suicide Prevention Lifeline al numero 800-273-8255, scrivete a HOME al 741741 o visitate SpeakingOfSuicide.com/resources per risorse aggiuntive.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.