Dentro la sempre crescente guerra contro gli imbroglioni di gioco Leave a comment


Da quando ci sono i giochi, ci sono imbrogli. In Norvegia, ad esempio, gli archeologi hanno scoperto un dado di legno intagliato di 600 anni senza i numeri “1” o “2”. Soprannominato il “dado imbroglione”, puoi immaginare perché una cosa del genere sia stata scolpita da vecchi lanciatori di dadi.

Al giorno d’oggi, i giochi sono un po’ più sofisticati dei dadi a sei facce, ma lo sono anche i trucchi. Alcuni dei più grandi giochi del mondo di oggi – Call of Duty, League of Legends e Destiny 2 – sono giocati quasi esclusivamente online e sono invitanti bersagli per imbroglioni intraprendenti. Ma nell’era dei giochi live-service, combattere gli imbroglioni è più importante che mai.

Poiché i cheat continuano a proliferare e ad avere un impatto sui giochi online più popolari, gli sviluppatori hanno iniziato a sviluppare misure anti-cheat sempre più forti. Non solo per migliorare l’esperienza del giocatore, ma per garantire la sopravvivenza del loro gioco.

La guerra ai trucchi

C’è un vero e proprio buffet di opzioni cheat per i giocatori che desiderano avere un vantaggio sleale in un gioco – se vogliono programmi che li aiutino a sparare attraverso i muri o a mirare automaticamente a un colpo alla testa perfetto. O, per un po’ più di soldi, entrambi.

Ci sono molte ragioni per cui le persone imbrogliano, dall’ovvio gioco di competitività troppo zelante che può far emergere in alcuni alla semplice curiosità. Nel peggiore dei casi, alcuni imbroglioni lo fanno solo per rovinare il divertimento a qualcun altro.

“Barare nei giochi è come chiedere perché il cielo è blu. Avrai un sacco di risposte e prospettive diverse, ma non c’è una risposta definitiva per nessuna delle due”, scrive il creatore di cheat IWantCheats. “La verità sul barare nei giochi varia da persona a persona: alcuni potrebbero farlo perché sono dipendenti o pensano che la loro vita sarà migliore se vincono più spesso mentre altri diventano hacker per pura curiosità o frustrazione per essere stati sconfitti da meno giocatori più talentuosi di loro stessi”.

Schermi – Battlefield 2042

Qualunque siano le cause alla radice, gli sviluppatori di cheat stanno sicuramente sfruttando la domanda. All’inizio di quest’anno, le autorità cinesi hanno arrestato un gruppo di imbroglioni noto come “Coscia di pollo”, che secondo quanto riferito hanno guadagnato oltre 70 milioni di dollari vendendo solo trucchi per PUBG Mobile.

Come dice il proverbio, se sei bravo in qualcosa non farlo mai gratis, e i venditori di cheat hanno creato operazioni sempre più sofisticate per vendere la loro merce. I trucchi più popolari per i giochi in corso vengono offerti ai giocatori come abbonamenti anziché come acquisti una tantum. I cheat maker lo giustificheranno citando gli aggiornamenti costanti necessari per stare al passo con gli ultimi progressi anti-cheat degli sviluppatori di giochi.

E questo lavoro costante non si applica solo ai singoli giochi: i cheat maker valutano costantemente quale sarà il prossimo grande gioco per imbrogliare e si mettono al lavoro su come romperlo. Anche i giochi che non sono ancora dei grandi successi hanno sviluppato trucchi per loro. Uno scorrimento di un popolare sito Web di cheat offre hack per giochi popolari come Apex Legends e Warzone, ma anche titoli più piccoli come Bloodhunt, Outriders e Hood: Outlaws and Legends.

Forse più preoccupante, vengono rilasciati trucchi per giochi che non sono stati ancora rilasciati formalmente. Call of Duty: Vanguard e Campo di battaglia 2042, entrambi i giochi rilasciati per l’open beta testing, sono stati colpiti da cheat prima della data di uscita ufficiale.

“Barare nei giochi è come chiedere perché il cielo è blu. Avrai un sacco di risposte e prospettive diverse, ma non c’è una risposta definitiva per nessuno dei due.


Gli sviluppatori di videogiochi hanno tenne duro contro gli imbroglioni in passato, ma quest’anno diversi giochi importanti hanno annunciato un’implementazione anti-cheat più approfondita come funzionalità di successo. In alcuni casi, l’anti-cheat viene ora annunciato con la stessa fanfara delle nuove modalità di gioco o degli aggiornamenti grafici. Durante la presentazione di Call of Duty: Vanguard, Activision ha rivelato che il popolarissimo spin-off di Call of Duty: Warzone riceverà un “nuovo sistema anti-cheat sfaccettato. Ad agosto, Bungie ha annunciato che lavorerà con BattlEye per portare a anti-cheat completo per Destiny 2. Entrambi gli annunci sono stati ricevuti da alcuni con il fervore spesso riservato alle nuove modalità o funzionalità.

Ma l’aumento dell’anti-cheat non ha scoraggiato i cheat-maker. In effetti, potrebbe aver stimolato molti di loro.

“L’anti-cheat di COD ha una storia piuttosto discontinua da quando è stato implementato per la prima volta. Quando è uscita l’implementazione iniziale, i cheater di COD sono stati in grado di aggirare questo metodo e continuare a giocare con i loro hack in modalità cheat”, si vanta IWantCheats, promuovendo i suoi trucchi Vanguard.

“A partire da ora, non c’è alcun segno che il programma anti-cheat scompaia con l’ultima versione di Call of Duty di Activision… Tuttavia, siamo anche fiduciosi che questo non durerà per sempre”, scrive IWantCheats. “I nostri sviluppatori si sono abituati a lavorare contro l’anti-cheat di COD e siamo sicuri che il nostro team possa aggirarlo per il prossimo futuro, escludendo eventuali cambiamenti imprevisti nella loro tecnologia.”

Un anti-cheat di qualità, ora, è fondamentale per qualsiasi sparatutto online popolare. Il problema per coloro che li implementano, tuttavia, è che i giocatori e gli sviluppatori non sono sempre stati d’accordo sui modi migliori per aggiungere un robusto anti-cheat ai giochi.

Anti-cheat: il diavolo che conosci

Per vedere come è cambiata la percezione degli anti-cheat solo nell’ultimo anno, non è necessario guardare oltre il sistema anti-cheat Vanguard di Riot Games (da non confondere con il nuovo sottotitolo di Call of Duty). Quando Vanguard è stato annunciato insieme allo sparatutto competitivo della compagnia, Valorant, c’era una forte preoccupazione tra i giocatori che il sistema fosse troppo invasivo. Driver in modalità kernel, come quelli annunciati di recente da Vanguard e Activision Call of Duty: Warzone anti-cheat, Ricochet — ottieni un livello più profondo di accesso al tuo PC. Per gli anti-cheat, questo accesso consente un migliore monitoraggio del software cheat senza le limitazioni delle applicazioni in modalità utente. Ma richiedono anche un livello di fiducia tra giocatori e sviluppatori di giochi.

In definitiva, le affermazioni secondo cui Vanguard è praticamente un malware erano infondate, ma il la polemica intorno a questo è stata una delle più grandi storie nel 2020.

Un anno dopo, Vanguard è considerato uno degli strumenti anti-cheat più efficaci in circolazione. Ora è considerato abbastanza bene che un popolare post di Reddit su r/ApexLegends chiede ai membri se Vanguard potrebbe essere implementato nel popolare battle royale di Respawn.

Philip Koskinas è il leader anti-cheat di Riot Games e ha parlato con IGN per offrire una prospettiva da addetti ai lavori sulla mutevole percezione del software anti-cheat. Non è iniziato bene.

“Abbiamo puntato i piedi e ci siamo mangiati tutta la cattiva pubblicità che si poteva ottenere”, dice Koskinas. “Ci chiamano malware dello stato nazionale, ogni singolo video di YouTube era improvvisamente un esperto di driver del kernel che ci diceva quanti segreti stavamo rubando o altro. Niente di tutto questo era vero”.

Koskinas afferma di non voler respingere le legittime preoccupazioni su ciò che i giocatori potrebbero dover rinunciare per avere un gioco equo, ma afferma che con il passare del tempo è diventata “l’aspettativa che se hai intenzione di competere nello spazio in prima persona , usate [anti-cheat]. Soprattutto ora che l’anti-cheat è considerato un vantaggio competitivo negli sparatutto di Twitch e ovunque la mira sia importante”.

Avere un anti-cheat affidabile, quindi, è ciò che separa i giochi più popolari dagli altri e vantare un basso numero di cheat è ora un punto di forza per gli sviluppatori.

Dopo aver incontrato un imbroglione, la probabilità che tu smetta di giocare per una settimana o più è come [five times higher when] rispetto a un giocatore che non ne ha incontrato uno.”


Come ci si potrebbe aspettare, l’investimento degli sviluppatori nell’anti-cheat deriva anche da un imperativo finanziario. Poiché giochi come Call of Duty: Warzone e Fortnite continuano a generare enormi entrate per le aziende, è importante proteggere tale investimento. Ciò significa mantenere i giocatori impegnati e, a quanto pare, i giocatori non vogliono impegnarsi in un gioco se ci sono imbroglioni ovunque.

“Una delle cose che siamo stati in grado di mostrare, che penso abbia davvero dimostrato il valore dell’anti-cheat, è che dopo aver incontrato un imbroglione e aver utilizzato lo strumento di segnalazione per identificare quella persona come imbroglione, la probabilità che un giocatore esca triplica, ” dice Koskinas.

“In realtà è peggio nel genere degli sparatutto in prima persona. Dopo aver incontrato un imbroglione, la probabilità che tu smetta di giocare per una settimana o più è come [five times higher when] rispetto a un giocatore che non ne ha incontrato uno. Abbiamo una sventura”.

Il risultato è che sviluppatori come Riot si stanno impegnando sempre di più nelle loro soluzioni anti-cheat, ma poiché gli anti-cheat diventano più veloci e più iterativi, anche i cheat sono diventati più veloci.

“10 anni fa, i cheat venivano spesso distribuiti da uno a tre provider primari che avrebbero avuto una vasta base di migliaia di utenti che passavano la maggior parte del tempo inosservati e venivano rilevati a ondate”, spiega Koskinas. “Ma a causa della velocità con cui gli anti-cheat si ripetono in questi giorni, la comunità degli imbroglioni tende ad essere composta da un massimo di cento, duecento, in alcune scene, forse anche un migliaio di cheat diversi”, aggiunge Koskinas che non è solo un caso di cercare una singola base di codice per rilevare i molti, molti cheat, anche: alcuni cheat con effetti simili potrebbero richiedere tecniche molto diverse per essere rilevati.

Più trucchi emergono, più costoso diventa tutto. “Il team Vanguard da solo è un incubo per il libretto degli assegni”, afferma Koskinas. I team anti-cheat di prima parte non stanno sviluppando cosmetici o passaggi di battaglia che alla fine verranno venduti ai giocatori: stanno costruendo strumenti in modo che i giocatori rimangano fedeli ai loro giochi.

Dove finisce?

I lanciatori di dadi imbrogliavano 600 anni fa e oggi imbrogliano nei giochi. Un anti-cheat più rigoroso non scoraggerà alcuni giocatori che cercano quel vantaggio in più, né quelli che ci guadagnano.

“Non so se questo sia statisticamente il caso, ma più persone giocano, più persone alla fine si interesseranno almeno a cercare su Google la parola cheat”, spiega Koskinas. Da ciò che il team Vanguard ha osservato sia per League of Legends che per Valorant, se una persona imbroglia almeno due volte, continuerà a farlo. “Se lo fai due volte, non ho mai visto tornare nessuno.”

Quindi, finché rimane l’imbroglio, l’anti-cheat nei giochi diventerà solo più importante. Ma ci sono soluzioni a lungo termine in cantiere. Un “santo graal” anti-cheat di cui ha parlato Koskinas è la capacità di distinguere gli input del mouse dagli input automatici, rilevando la differenza tra umani e intelligenza artificiale, attraverso l’apprendimento automatico. Ma anche questo richiederà iterazioni e miglioramenti regolari da parte di un team di software dedicato.

Puoi anche concentrarti sulla protezione, per lo meno, del prodotto principale. Activision si sta assicurando che uno dei suoi titoli di maggior successo di sempre, Call of Duty: Warzone, riceverà un anti-cheat dedicato, mentre Epic Games ha acquistato a titolo definitivo Easy Anti-Cheat dopo che Fortnite è diventato un successo mondiale. Naturalmente, queste sono soluzioni che solo i creatori di giochi più grandi e ricchi possono permettersi.

Per Valorant in particolare, l’obiettivo principale di Riot è la sua pregiata modalità classificata. “Tende ad essere uno sforzo investigativo più ampio sulle persone di livello più alto”, afferma Koskinas. Per il team Riot Anti-Cheat, questo significa assicurarsi che i vertici della modalità classificata, definita come il 20% migliore delle partite classificate, siano completamente privi di imbrogli.

Finora gli sforzi di Vanguard stanno dando i loro frutti. Anche se la “varietà e la quantità di [cheats that are] disponibili sono probabilmente ai massimi storici”, per quanto riguarda Valorant gli imbroglioni sono ai “minimi storici”.

Quando mi sono congratulato con Koskinas per questo, Koskinas ha sorriso. “Preferirei che nessuno tradisse. Un obiettivo senza un piano è un sogno? Penso che questa sia la frase”.

Matt TM Kim è il redattore delle notizie di IGN. Puoi raggiungerlo @lasoftd.

Illustrazione originale di Saniya Ahmed.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.