COVID responsabile del 10% dei decessi negli Stati Uniti nel 2020 | Comunità più sane Notizie sulla salute Leave a comment


I decessi per COVID-19 lo scorso anno hanno contribuito a guidare sia il più grande aumento mai registrato del tasso di mortalità del paese, sia il più grande calo di un anno dell’aspettativa di vita in più di sette decenni, mostra un nuovo rapporto del governo.

Un totale di oltre 3,3 milioni di decessi residenti sono stati registrati negli Stati Uniti nel 2020, secondo il analisi pubblicato mercoledì dal Centro nazionale per le statistiche sanitarie dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Il tasso di mortalità aggiustato per l’età è aumentato del 16,8% da 715 decessi ogni 100.000 persone nel 2019 a 835 per 100.000 nel 2020, segnando il più grande aumento di un anno del tasso dal primo anno in cui i dati sulla mortalità annuale sono stati disponibili.

Allo stesso tempo, l’aspettativa di vita alla nascita negli Stati Uniti è diminuita di 1,8 anni, da 78,8 anni nel 2019 a 77 anni nel 2020 – secondo il rapporto, la più grande diminuzione di un anno in più di 75 anni. Durante la seconda guerra mondiale, l’aspettativa di vita stimata negli Stati Uniti è diminuita di quasi tre anni, i dati mostrano.

“In genere un cambiamento nell’aspettativa di vita è di un decimo di un anno, due decimi o occasionalmente un po’ di più”, afferma Robert Anderson, capo del Mortality Statistics Branch presso l’NCHS. “Non abbiamo visto un calo di tale portata dal 1943.”

Il calo di quasi due anni dell’aspettativa di vita nel 2020 supera un calo stimato di 1,5 anni basato su dati provvisori che erano pubblicato all’inizio di quest’anno. I dati finali mostrano che i maschi hanno avuto la maggiore diminuzione dell’aspettativa di vita, passando da 76,3 anni nel 2019 a 74,2 anni nel 2020. L’aspettativa di vita tra le donne è diminuita di 1,5 anni, da 81,4 anni nel 2019 a 79,9 anni nel 2020.

Oltre il 10% dei decessi nel 2020 è stato causato da COVID-19, che si è classificato come il terza causa di morte dopo le malattie cardiache e il cancro. Ma i tassi di mortalità sono aumentati anche nel 2020 rispetto al 2019 per sei delle 10 cause principali. Sebbene non abbia raggiunto un livello record, il tasso di mortalità per decessi non intenzionali o accidentali – una categoria che include overdose di droga fatali non intenzionali – ha visto il maggiore aumento al 16,8% e ha superato per la prima volta 200.000 decessi totali. Il tasso di mortalità per diabete è aumentato del 14,8%, con la condizione che ha causato per la prima volta più di 100.000 decessi.

Un aumento del 4% del tasso di decessi per malattie cardiache dal 2019 al 2020 – da 161,5 a 168,2 per 100.000 – ha anche segnato una notevole inversione di un tasso che tende al ribasso dagli anni ’50, sebbene più lentamente di recente.

Anderson definisce insolito il forte aumento del tasso di mortalità per diabete nel 2020, anche se negli ultimi anni sono aumentate le prove di mortalità correlata alla malattia. Dice che è possibile che più pazienti con diabete evitino o ritardino la ricerca di cure nel 2020 a causa delle preoccupazioni sulla contrazione del COVID-19, il che potrebbe aver portato a una diminuzione del numero di persone con diabete che hanno avuto la loro condizione ben gestita o controllata.

Al contrario, il tasso di mortalità per diabete è aumentato di meno dell’1% dal 2018 al 2019, un aumento non statisticamente significativo. dati precedenti mostra.

“È quasi certo che questo grande aumento della mortalità per diabete sia correlato alla pandemia”, afferma Anderson.

Un report uscito a luglio con le stime preliminari dell’aspettativa di vita indicate COVID-19 e morti per overdose come due dei maggiori fattori che contribuiscono al declino. Dati provvisori pubblicato a novembre dal CDC ha mostrato che il numero di decessi per overdose ha raggiunto il massimo storico negli ultimi 12 mesi, superando per la prima volta i 100.000.

Sebbene i tassi di mortalità siano aumentati nel 2020 tra i gruppi bianchi, neri e ispanici, i dati appena pubblicati mostrano un impatto sproporzionato sulle persone di colore, sottolineando le lacune sanitarie evidenti durante la pandemia.

Gli ispanici hanno avuto il maggiore aumento dei tassi di mortalità nel 2020, con il tasso di mortalità tra i maschi in aumento di quasi il 43% rispetto al 2019 e del 32% tra le femmine. Il tasso di mortalità per i maschi neri è aumentato del 28%, mentre il tasso per le femmine nere è aumentato del 25%, secondo il rapporto. I tassi di mortalità sono aumentati del 13% per i maschi bianchi e del 12% per le femmine bianche.

Il dott. Eric Schneider, vicepresidente senior per la politica e la ricerca presso il Commonwealth Fund, un’organizzazione nazionale che conduce ricerche su questioni di politica sanitaria e sociale, afferma che sebbene il problema delle disparità di salute razziale ed etnica sia noto da anni, la pandemia ha brillato luce molto brillante su di esso attraverso una moltitudine di fattori socioeconomici che hanno modellato la salute della popolazione.

“La pandemia ha rivelato in un modo nuovo come sia gli effetti economici che gli effetti diretti sulla salute del virus si uniscano e influenzino in modo sproporzionato le comunità di colore”, afferma Schneider.

Nonostante i tassi di mortalità siano in aumento nella maggior parte dei gruppi di età, la nuova analisi ha anche rilevato che il tasso di mortalità tra i bambini è diminuito di quasi il 3%, da 558,3 decessi infantili per 100.000 nati vivi nel 2019 a 541,9 nel 2020.

Anderson afferma che le cifre sono servite come “punto luminoso” all’interno dei dati.

“Nonostante la follia, siamo effettivamente riusciti a continuare il declino della mortalità infantile”, afferma.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.