Covid-19: la ‘paura’ del Ministero della Salute per la mancanza di dati sulla vaccinazione in gravidanza Leave a comment


Le e-mail rilasciate dal personale del Ministero della Salute mostrano che il personale era profondamente preoccupato per la mancanza di dati che tracciassero i tassi di vaccinazione contro il Covid-19 per le donne in gravidanza.

Nessuna didascalia

Immagine del file.
Foto: Unsplash

Negli ultimi due mesi, il ministero ha ripetutamente affermato a RNZ che non raccoglie i dati “per motivi di privacy”, ma le e-mail interne mostrano che sta “cercando di trovare un modo”.

Le persone incinte non vaccinate hanno cinque volte più probabilità di avere un bambino prematuro che necessita di cure intensive neonatali se contraggono il Covid-19.

Le persone in attesa sono anche a maggior rischio di sintomi estremi e nel Regno Unito, tra luglio e ottobre, quasi il 20% dei pazienti più gravemente malati di Covid-19 erano donne in gravidanza che non erano state vaccinate.

Le e-mail rilasciate ai sensi dell’Official Information Act (OIA) mostrano a fine ottobre, un responsabile della maternità del Ministero della Salute (MOH) ha scritto ai colleghi affermando: “Attualmente siamo nella posizione di non sapere quante donne incinte sono state vaccinate e quindi non sono in grado di prevedere l’impatto sul sistema sanitario una volta che avremo una trasmissione comunitaria diffusa”.

Hanno detto che il ministero ha sviluppato un volantino per le donne incinte e che allattano “per rafforzare il messaggio sull’importanza di ottenere il vaccino”.

“La nostra paura è che questo non sia sufficiente per garantire che stiamo raggiungendo la popolazione incinta”.

La mancanza di dati è stata un problema del ministero almeno dall’inizio di settembre, quando un analista di dati epidemiologici ha affermato di aver “cercato di trovare un modo per monitorare l’assorbimento del vaccino Covid per le donne in gravidanza”.

Successivamente, un consulente clinico ha ripetutamente sollevato la “mancanza” di “dati solidi e accurati” con i colleghi, tra quelli che un consulente principale ha descritto come “rapporti allarmanti dagli Stati Uniti riguardo ai bassi tassi di vaccinazione contro il Covid-19 nelle donne in gravidanza, con la conseguenza che c’è un marcato aumento del numero di morti materne, fetali e neonatali”.

Il mese scorso il governo è stato contestato dalle cifre nazionali mancanti dalla deputata Julie Anne Genter (che era incinta), dall’accademica Dott.ssa Michelle Wise e dal College of Midwives.

All’epoca, i dati trapelati a RNZ mostravano centinaia di persone registrate presso i servizi di parto a Te Tai Tokerau non erano vaccinate all’inizio di novembre, poiché il numero di casi Delta nella regione è aumentato.

I record NHI abbinati alle registrazioni hanno mostrato che più della metà (57%) delle 847 persone del Northland registrate ai servizi di parto non aveva avuto una singola dose di Pfizer in quel momento.

A Kaitāia e Dargaville erano i due terzi.

In una lettera del Ministero della Salute a RNZ, allegata alla risposta dell’OIA di questa settimana, la direttrice delle vaccinazioni Astrid Koornneef ha affermato che il ministero non dispone ancora dei numeri nazionali.

“Il Registro delle vaccinazioni Covid-19 non contiene dati sulla gravidanza, quindi non conosciamo il tasso di vaccinazione tra le donne in gravidanza. Il ministero ha esaminato se sia possibile sviluppare una visione dei tassi di vaccinazione tra le donne in gravidanza. Tuttavia , i dati non sono sufficientemente accurati o robusti, quindi non è stato ritenuto appropriato utilizzarli.”



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.